lunedì 21 aprile 2008

Prima del temporale


Se la notte si avvicina,
io ti voglio avere sveglia;
sulla luce che ti abbaglia
io ci metterò un foulard.


Ci sarò, quando vorrai chiamarmi
io verrò e per addormentare te
io ti potrò cantare quello che vorrai sentire.

Ci sarò, prima del temporale io verrò
per ripararti sulla via
io ti potrò coprire ed aspettare
il sole che verrà;
non avremo freddo più.


Prima del temporale Enrico Ruggeri


Mani dolci e sguardi seducenti. Carezze e abbracci per sentire calore.
Questo è il sogno? Non è la realtà, questo so.

4 commenti:

  1. la notte trema tra le mie braccia come il tuo esile corpo o vita..

    ti guardo e lascio andare nel mio viso sottili lacrime come docili pensieri

    ma la notte non ti culla se pensi..

    se pensi ti tieni li a riflettere
    e quando il giorno arriva ti chiedi
    se oggi verrai ancora
    o notte a trovarmi

    RispondiElimina
  2. Grazie per le belle parole...
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. non perdo le parole ...
    ne i pensieri

    che dici..?

    un abbraccio a te..

    RispondiElimina
  4. Io perdo sia le parole che i pensieri ultimamente...

    RispondiElimina