mercoledì 25 giugno 2008

Lettura




In spiaggia ho terminato di leggere il libro consigliato dalla mia amica Marisa "Il profumo" di Patrick Suskind.

L'avevo acquistato in uno dei nostri pomeriggi al centro commerciale, dove una parte del tempo è dedicata proprio alla sosta in libreria.

Ci piace curiosare, prendere in mano qualche novità, ridacchiare dei libretti di barzellette, storielle e amenità varie, acquistare le ultime pubblicazioni dei nostri autori del cuore.

Così ero stata colpita dal suo entusiasmo per questo romanzo, uno dei più bei libri che ho letto, erano state le sue parole.

Già dalle prime pagine mi ero resa conto che forse questa storia non mi stava prendendo come avrebbe dovuto o potuto.

In fondo la nostra sensibilità è così intima e particolare ed è diversa da quella degli altri...
Non sono riuscita a trovare nemeno una frase in grado di colpirmi in qualche modo di questo romanzo......

Non mi ha lasciato un buon ricordo, anzi nessun ricordo.

Ma il piacere di leggere è anche in questo sperimentare, misurare, sentire con le proprie corde e con la propria anima.

12 commenti:

  1. Il mondo è bello perchè è vario... ed è vario anche il modo in cui percepiamo le cose e le emozioni che queste suscitano...
    Trovo che la diversità in ogni piccola cosa,anche per ciò che riguarda le sensazioni che abbiamo durante le lettura di un libro sia fondamentale... e ci arricchisce.
    Buona giornata :)

    RispondiElimina
  2. ciao kylie...
    Grazie per le tue belle parole di ieri.
    A volte mi sento proprio una bambina qundo faccio così...cercherò di migliorare!

    forse come scrivi tu qui...è un fatto di sensibilità^^

    un abbraccio forte!

    RispondiElimina
  3. ciao kylie hai perfettamente ragione.
    Leggere cambia la vita, apre nuovi orizzonti, e anche quando un testo non non ci colpisce come vorremmo, comunque il semplice fatto d'averlo letto è importante, poichè imprime una nuova esperinza.
    bacissimi sonia.

    RispondiElimina
  4. Ciao, è la prima volta che passo sul tuo blog...Davvero molto delicato il tuo modo di raccontarti. Complimenti!

    RispondiElimina
  5. Sai che se io comincio un libro che non mi piace,poi lo mollo e se l'ho comprato mi sento pure in colpa...
    Ho appena finito di leggere " La solitudine dei numeri primi" mi è piaciuto molto.
    Un bacione Kylie

    RispondiElimina
  6. i libri.. i libri.. io ne ho 5 da leggere dalla scuola... non mi lamento perchè mi piace molto leggere.. mi auguro solo che siano belli.. ^^

    buona serata
    ti abbraccio forte fortissimo^^
    bacini

    RispondiElimina
  7. Ciao Francesca, sai il piacere della lettura lo scoperto dopo l'università, quando è finito il periodo dei libri imposti ed è iniziato quello della libera scelta.
    Penso che la lettura in generale ci arricchisca come dici tu, però ci vuole tempo e passione.

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  8. Nana non ti preoccupare, stai tranquilla e vivi le tue emozioni sempre e comunque, in fondo sono parte di te.

    Un abbraccio di quelli forti

    RispondiElimina
  9. Sonia si legge anche solo per acquisire emozioni... quando mi avventuro nel mondo dei thriller lo faccio perchè li trovo emozionanti e leggeri. In altri casi anche solo per deisderio di sapere.
    Il mio romanza preferito è "Se questo è un uomo" di Levi, che non è tanto leggero.

    Un bacio cara

    RispondiElimina
  10. Sylvie, grazie per la visita e per l'apprezzamento.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Primavera anch'io mi sento in colpa se abbandono un libro che ho acquistato... è successo poche volte per fortuna.
    Prima di scegliere leggo qua e là in modo da comprendere bene se è un libro che mi può piacere o no.

    Un bacio cara e buona giornata

    RispondiElimina
  12. Vane io ne ho solo uno di scorta e nel week end non mi sarà sufficiente. Domani mattina devo andare a fare scorta!
    Un bacione cara

    RispondiElimina