mercoledì 18 giugno 2008

Riflessioni...




Lunedì pomeriggio mi sono recata in uno spaccio di candele per farmi un regalo.

Adoro le candele, in casa mia non mancano mai e le accendo sempre, sono profumate e creano un'atmosfera magica.

Di ritorno in auto mi sentivo bene, rilassata, soddisfatta dei miei acquisti, molti dei quali destinati ad essere donati agli amici.

La mia mente libera si è soffermata ad ascoltare e a sentire dentro una canzone alla radio... Minimalismi degli Zero Assoluto.

C'è una frase particolare che vorrei riportare e che mi ha colpito:


e basta poco per accorgersi che basta poco

e se ci tieni non c’è niente che ci fermi adesso

basta che non scappi per paura che tutto finirà

senza niente in mano

lascia stare non pensare per te

che la verità non si sa neanche in due

io e te… adesso


Scappare per la paura che tutto finisca?

Quante volte sono scappata temendo di essere ferita?

Più volte, ancora prima che me ne rendessi conto.

Credo davvero che la verità di una storia non si riesca a conoscere neppure in due... ci sono troppo cose che non si comprendono, che sfuggono ad ogni minimo pensiero e riflessione, cose che l'intelligenza non arriva a cogliere.


Ma credo anche che se ci tieni, se ci tieni davvero, non c'è mai niente e nessuno che ti possa fermare.

12 commenti:

  1. già è così... se si scappa allora non si è sicura.. scappare?? io fuggo sempre... ma bisogna a volte fermarsi e dare uno stop se qualcosa non va bene.. e poi si continuerà ancora e magari ci sarano mille di stop ma poi si può anche trovare la strada libera e continuare senza fermarsi ^^


    buona giornata carissima^^
    bacini

    RispondiElimina
  2. Ciao cara vane, qualche volta si perde il senso dell'orientamento e ci si trova a smarrirsi e la strada più semplice è quella della fuga.

    Una buona giornata tesoro

    RispondiElimina
  3. eh... quante volte ho "raggirato" le situazioni e scelto la strada più facile, ma a volte capisci che la strada più facile è solo un inganno.

    RispondiElimina
  4. Darjo ciao caro, sei ancora molto giovane e queste fughe credo si possano perdonare.

    Però succedono e prima o poi le paure si dovrebbero superare.

    Un bacione

    RispondiElimina
  5. un regalo per te sul mio "Mad World"

    (anche se vedo ke hai già partecipato)

    RispondiElimina
  6. Amicizia, come puo' essere descritta con le parole, non si può descrivere un sogno, non si può esprimere in parole un sentimento e non si può spiegare il perchè si vuole bene ad una persona...come puoi descrivere il rapporto tra la pioggia ed un fiore: due cose totalmente vicine ma senza senza una l'altra non può vivere.

    RispondiElimina
  7. ...penso che ci sia una ragione se davanti ad un certo ostacolo alcune persone si bloccano si girano e fuggono...

    ci sono situazioni che non conosco, che mi fanno paura, ma che affronto...anche se poi finisco per piangere e soffrire..

    ma davanti ad alcune che conosco e che ho voglia di vivere non riesco a far altro che aggirarle...

    mi manca la forza di affrontare la ragione dietro tutto questo...

    a volte scappare e fuggire è più facile, ma di sicuro meno doloroso...
    purtroppo ci sono cose che uno anche volendo non riesce a dimenticare e chissà perchè sono proprio quelle che vorresti fuggire.

    scusa la sfogo.

    un bacio kylie

    RispondiElimina
  8. Asterix non si può spiegare a parole sentimenti che una persona ti suscita, soprattutto se sono stati belli e profondi.

    Grazie per le tue parole, sei un tesoro

    RispondiElimina
  9. Nana non c'è problema, qui puoi scrivere tutto quello che ti passa per la testa, come faccio io.
    Le mie parole ti hanno portato alla mente episodi e persone della tua vita, ma sono situazioni che capitano a chiunque, non preoccuparti.

    Un abbraccio forte cara

    RispondiElimina
  10. Scappare,
    per quanto tempo sono fuggita da situazioni che credevo più grandi di me, è facile, è la strada più semplice e forse meno dolorosa ma quando corri per la strada di fuga e ti volti a vedere da cosa stai scappando ti senti soffocare e in un colpo capisci che è quella la cosa che più vuoi e che non si è stati capaci di affrontare un battaglia per averla.
    Così iniziano i ripianti, ponendosi un presente con lo sguardo al passato ed è dura accettare che la fuga non è altro che una sconfitta.

    Per vari motivi di una vita tortuosa ho imparato a non fuggire, ad affrontare il bene e il male nel presente stesso dove è vincibile per andare avanti con un senso di vittoria e forza che più nessuno riesce a strapparmi.
    Mi sono trasformata da una persona insicura e codarda a una persona forte sicurissima!

    La vita è breve vale la pena lottare non scappare!

    RispondiElimina
  11. Emilia è così, proprio come dici tu, nella fuga c'è il rovescio della medaglia, il diventare insicuri e non riuscire ad affrontare la vita.

    L'importante è saper superare ogni cosa.

    Grazie della visita, un abbraccio

    RispondiElimina