mercoledì 13 ottobre 2010

Di passaggio a Bentivoglio




Bentivoglio: proprietà di Giovanni II Bentivoglio, "Signore" di Bologna che nel 1480 diede inizio ai lavori di allargamento di una rocca preesistente per costruire un castello, luogo di svaghi e di ozio.
Le proprietà di Giovanni II, dislocate nella bassa pianura bolognese nascono dall'attenzione per il reinvestimento dei capitali, derivanti da altre fonti, in beni fondiari, nonché dalla passione per luoghi bucolici in cui trascorre piacevoli ore di svago e di intrattenimento degli ospiti in feste, banchetti e cacce, fuori dagli impegni e dagli intrighi del gioco politico cittadino.


Secondo una leggenda inventata nel 1931 da un tale Augusto Majani (illustratore e umorista bolognese), le tagliatelle sarebbero state create per la prima volta nel 1497 da Mastro Zefirano, cuoco di Giovanni II, in occasione del passaggio al castello di Lucrezia Borgia, diretta a Ferrara per sposare il Duca di quella città (Alfonso I d'Este).
Il cuoco sarebbe dunque stato ispirato dai biondi capelli di Lucrezia.



Il castello è in fase di ristrutturazione e ne ha davvero bisogno!



Di fronte al castello c'è un pregevole palazzo, ora sede della Biblioteca Comunale e di altre attività.
Nelle foto: particolare del ponticello d'ingresso e della parte sinistra dell'edificio che presenta alcuni affreschi in cattivo stato di conservazione.




22 commenti:

  1. Un castello bomboniera.
    Un pò come quello di Gropparello.
    Qui però manca il fantasma...
    ;-)

    RispondiElimina
  2. bella Bentivoglio con il suo castello!!!
    è davvero un bel posticino per un viaggetto!!!
    buona giornata ^__________^

    RispondiElimina
  3. Che peccato per la gru della terza foto...il posto sembra incantevole. Buona giornata cara!

    RispondiElimina
  4. Carina la storia delle tagliatelle.Fino ad ora dicevo "ha i capelli che sembrano spinaci", d'ora in poi "...che sembrano tagliatelle".
    Cristiana

    RispondiElimina
  5. Un saluto per un'amica speciale.
    Buonissima giornata Lylie
    Ciao

    (sempre belle foto complimenti)

    RispondiElimina
  6. Cosmopolita sicuramente qui manca il fantasma... nessuno ne ha visto uno!

    Baci

    RispondiElimina
  7. Pupottina è un posto piccolissimo, oltre al castello e a un centro di ricerca oncologico, un ospedale e un hotel 4 stelle non mi pare di aver visto altro.
    Però ha il suo fascino lo stesso...

    Un bacione cara

    RispondiElimina
  8. Martina ci sono lavori in corso per sistemare l'ingresso che sembra abbastanza diroccato.
    Avrei voluto visitare l'interno infatti.

    Bacio

    RispondiElimina
  9. Cristiana hai ragione, una bella diceria che però potrebbe essere verosimile. Indagherò sulla vera origine delle tagliatelle.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Maurizio grazie davvero.

    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  11. Ruz pensavo di inviartela via mail perchè io ste cose non le so fare, poi ho deciso di lasciare le immagini che rappresentano la realtà delle cose, anche nelle loro brutture.

    Bacio

    RispondiElimina
  12. belle foto

    e bei post (ne ho letto qualcuno)


    ti seguirò....

    RispondiElimina
  13. Itsas grazie!

    Un abbraccio e buona giornata!

    RispondiElimina
  14. Anche un tempo, c'era chi si trattava molto bene...

    RispondiElimina
  15. Veramente un bel castello.Serena giornata a presto

    RispondiElimina
  16. Bel castello e belle foto! me lo segno, così ci andiamo anche io e il Panda, quando abbiamo qualche giorno di vacanza...

    RispondiElimina
  17. Stella secondo me trovavano sempre un sistema per divertirsi, visto che non avevano nè tv nè pc.

    Bacio

    RispondiElimina
  18. Cavaliere un posto un pò isolato ma suggestivo.

    Baci

    RispondiElimina
  19. L'armadio del delitto il bello è che in Italia ce ne sono tanti, più o meno ben conservati.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  20. Ibadeth lo si visita in pochissimo tempo. Un passaggio veloce.

    Un abbraccio cara

    RispondiElimina