giovedì 7 ottobre 2010

Distrazioni


Così come si provocano o si esagerano i dolori dando loro importanza, nello stesso modo questi scompaiono quando se ne distoglie l'attenzione.
Sigmund Freud


50 commenti:

  1. ...e anche questo è vero, l'ho sperimentato (nel mio piccolo)...baci

    RispondiElimina
  2. Aliza io mi distraggo con facilità per fortuna. Non si tratta di disinteresse ma solo di sopravvivenza.

    Un bacione

    RispondiElimina
  3. E' vero... a volte è sopravvivenza.... anche io preferisco non rimurginarci su.... a meno che non sia una cosa molto grave

    RispondiElimina
  4. è automatico.. la mia mente parte o parto io fisicamente con la macchina. So distarmi molto bene e creare nuovi "problemi" (devo fare spesa) per non pensare a quelli che dovrei affrontare.
    baci

    RispondiElimina
  5. Se è vero allora provo a non dare importanza alla mia influenza che mi sta mettendo KO per vedere se mi passa...perchè mi sento davvero uno straccio...

    RispondiElimina
  6. Citazione molto vera.Ti auguro una serena giornata,saluti a presto

    RispondiElimina
  7. il vecchio detto di tagliarsi una gamba per non sentire più il mal di testa?? ;-)

    RispondiElimina
  8. verissimo..ci vuole solo un pò di duro e faticoso allenamento..

    un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Vero! Funziona anche con i bambini piccoli: vogliono assulutamente una cosa e sono pronti ad arrabiarsi? Basta dire loro: oooh guarda i bel gattino nel giardino! oppure: leggiamo la tua storia preferita! e hanno già dimenticato che erano arrabiati.

    RispondiElimina
  10. Confermo, bisogna distrarre l'attenzione e il dolore si affievolisce

    RispondiElimina
  11. Sono totalmente in disaccordo. Ok, rispetto alle "lagne" può essere una buona ricetta. Ok, se distrai un ipocondriaco dal suo malanno immaginario non lo sentirà più. Ma riuscire a togliere attenzione a un dolore vero è semplicemente impossibile.
    Un dolore può essere elaborato, digerito, sublimato ecc. ignorato no.

    RispondiElimina
  12. P.S. mi riferivo in primis a dolori psicologici non fisici.

    RispondiElimina
  13. Bussola anche per me è così quando ci riesco.
    Un bacione

    RispondiElimina
  14. Rose io mi distraggo e reagisco con un pò di freddezza, altrimenti sarei sopraffatta dai problemi.

    Baci

    RispondiElimina
  15. Martina quest'anno è pure terribile l'influenza! Dai coraggio cara!

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  16. Cavaliere grazie!

    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  17. Ruz solo tre paesaggi argentini mi raccomando!
    Repetita iuvant...

    Bacio

    RispondiElimina
  18. Lorenzo grazie anche a te!

    Baci

    RispondiElimina
  19. AurynKK non lo conoscevo!
    Oddio... meglio una fetta di pane e nutella sicuramente.

    Bacio

    RispondiElimina
  20. LaPirata io penso valga anche per i problemi di cuore...

    Un bacione

    RispondiElimina
  21. L'armadio del delitto non ho figli ma penso che anch'io sarei distratta da qualcosa che magari mi piace tanto!

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  22. Angelo azzurro a volte è proprio così.

    Un abbraccio forte cara

    RispondiElimina
  23. Daniele a me è capitato di avere la testa completamente presa da qualcosa, da una sofferenza o altro malanno del cuore ma c'erano sempre dei momenti in cui riuscivo a pensare ad altro.
    Spero che tu non abbia pensieri gravi ora.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  24. VERISSIMO! Provato sulla mia pelle...bacio!

    RispondiElimina
  25. Non posso che dare ragione a queste parole, per me non sempre e facile distrarsi e cercare di dimenticare.
    Buona vita, Viviana

    RispondiElimina
  26. Kylie, è un'arma a doppio taglio il "distrarsi" dal dolore o dalla sofferenza... anche perché ci sono tanti modi di distrarsi e non tutti sani. Come dice Gibran "più a fondo vi scava il dolore più gioia potrete contenere", perché gioia e dolore sono due facce della stessa medaglia.
    Ovvio, se son giù cerco di reagire, mi faccio un giro in bici, esco con gli amici, vado al cine ecc. ma a volte invece ho bisogno di starmene da solo ed elaborarmi il dolore. Il motto di Freud, decontestualizzato in questo modo, mi sembra più fuorviante e banalizzante che illuminante. Tutto qui. Un abbraccio

    RispondiElimina
  27. dipende dall'intensità del dolore e dal motivo che lo ha generato... certi dolori impiegano molto più tempo a scomparire...

    RispondiElimina
  28. Ma se ci sono davvero poi ritornano... Quindi tanto vale affrontarli e debellarli.

    RispondiElimina
  29. e pure questa è vera... saperlo lo so, è la pratica che mi frega un pelino!

    RispondiElimina
  30. Viviana R. a volte ci si prova nella vita, sperando che le cose vadano sempre per il meglio.

    Un bacione cara

    RispondiElimina
  31. La stanza in fondo agli occhi, sì è dura e non sempre ci si riesce.

    Un bacione

    RispondiElimina
  32. Sospesanelviola grazie per avermi augurato la buonanotte, ho dormito così poco negli ultimi giorni, un augurio mi ci vuole proprio!

    Baci

    RispondiElimina
  33. Daniele grazie per la tua precisazione, è bello leggere il tuo punto di vista.

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  34. Giardigno65 t'invio un abbraccio.
    Buona domenica!

    RispondiElimina
  35. @enio alcuni anche secoli. Certe mie ferite le ricordo ancora.

    Bacio

    RispondiElimina
  36. Daniele (Verzetti) ci vuole il momento giusto per affrontare ogni cosa, spesso è necessario rimandare un pò.

    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  37. Federica la pratica è sempre difficile da eseguire.

    Un bacione cara

    RispondiElimina
  38. Stella ciao cara, buona domenica!

    Bacio

    RispondiElimina
  39. Volere e potere..ma spesso non e sempre cosi'.
    Buona settimana Kylie

    RispondiElimina
  40. Maurizio, lo so. Peccato però che non possano convivere con successo.

    Bacio

    RispondiElimina