lunedì 11 ottobre 2010

Un libro



Sto leggento un bellissimo libro Acciao di Silvia Avallone.

La storia di Anna e Francesca, che crescono nella degradata realtà di via Stalingrado, periferico ammasso di casermoni, con vista Isola d'Elba, all'ombra delle ciminiere che producono acciaio a Piombino.
Una vita dura, con poche speranze all'orizzonte, dove l'amore spesso è sopraffazione e miseria.

Anna sedeva al tavolo di cucina, era un giorno qualsiasi di febbraio. Il quaderno spalancato e il dizionario di latino davanti. Aveva come un tarlo, dentro. Cercava le parole senza cercarle. E il tempo non passava mai.
Non si amano le parole, non ti cambiano. Le parole non aggiustano le cose.
Anna si annoiava. Era la prima volta. Il fatto è che non era mai rimasta sola così a lungo, a guardare le cose inerti intorno, come le cose sono morte nel presente che se ne frega di te e delle tue rogne.


48 commenti:

  1. ho letto quel libro.... un libro crudo....ma veramente molto bello.....meritava il secondo pemio strega 2010

    RispondiElimina
  2. Io invece ieri notte ho finito di leggere dopo soli tre giorni, "La solitudine dei numeri primi"...
    Comprerò "Acciaio", mi hai incuriosito.
    A presto,
    Heidi

    RispondiElimina
  3. Non lo conoscevo Acciaio, adesso si. Complimenti per le foto: Ti ringrazio per la visita sei sempre molto gentile.
    A presto.

    RispondiElimina
  4. Interessante.. ci farò un pensierino quando termino il mio "il coperchio del mare".. :)

    RispondiElimina
  5. Mi hai incuriosito anche perchè Piombino è molto vicino a casa mia...

    RispondiElimina
  6. Non conosco il libro;ma sicuramente sarà bello leggerlo.Buon inizio settimana,saluti a presto

    RispondiElimina
  7. è un libro che ho intenzione di leggere. Ciao bussola :D

    RispondiElimina
  8. non ho letto quel libro, ma sò che esperienze del genere lasciano il segno indelebile su un'intera vita!

    RispondiElimina
  9. Un saluto ed un sorriso per una dolce serata Gio'

    RispondiElimina
  10. Ho letto molte cose positive su questo libro, e pure un'intervista all'autrice, che non so se meritasse il premio strega, ma di certo non meritava l'imabrazzante battuta di Vespa.

    RispondiElimina
  11. La realtà di piombino è davvero molto complicata, panorama bellissimo all'ombra delle ciminiere delle acciaierie. Ok, inizierò a leggere il 3o libro in contemporanea

    RispondiElimina
  12. l'ho letto da poco e mi è piaciuto tantissimo, un ritmo coinvolgente e un finale...no dai, non ti dico nulla!

    RispondiElimina
  13. ...Le parole non aggiustano le cose!!!

    RispondiElimina
  14. Sai che ce l'ho anche io nella mia libreria? Però non l'ho ancora letto...un bacio amica mia

    RispondiElimina
  15. Io sono sempre un pò diffidente verso i libri così pubblicizzati quindi grazie per averne parlato, mi hai incuriosito....

    RispondiElimina
  16. Bussola l'ho anche già finito e nonostante la crudezza rimane un bel libro, scritto bene.

    Bacio

    RispondiElimina
  17. Heidi l'ho letto anch'io ma non mi ha entusiasmato troppo. Forse mi aspettavo un lieto fine dopo tante tribolazioni.

    Baci

    RispondiElimina
  18. Maurizio grazie, ricambio il commento perchè sei sempre gentile anche tu.

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  19. Lucia io non ho ancora idea di quale nuovo libro divorerò nei prossimi giorni, il titolo del tuo però mi incuriosisce!

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  20. Federica negli anni 2000-2001. La scrittrice è molto giovane e la sua narrazione risente di questa freschezza.

    Un bacione

    RispondiElimina
  21. Martina nel libro viene descritto come un luogo senza speranze, inquinato e triste.
    Spero che la realtà sia diversa.

    Un bacione

    RispondiElimina
  22. Cavaliere grazie e buona settimana a te.

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  23. Angela a me è piaciuto molto più de La solitudine dei numeri primi che è stato pubblicizzato come se fosse il miglior libro scritto nell'ultimo decennio.

    Baci

    RispondiElimina
  24. Nonno-enio ti dò ragione, non è sempre facile crescere in realtà che ti portano verso cattive strade come se fosse il corso naturale delle cose.

    Baci

    RispondiElimina
  25. Dual grazie!

    Un abbraccio forte e buona settimana!

    RispondiElimina
  26. Alligatore ho sentito sì la storia della battuta, però il romanzo è ben costruito, l'autrice merita i complimenti che le sono stati rivolti.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  27. Ruz no, lasciati il tempo di leggerne uno alla volta, così apprezzi meglio la lettura.

    Bacio

    RispondiElimina
  28. Sabby l'ho finito stanotte per ingannare il tempo che mi concede l'insonnia proprio per leggere qualcosa in più.

    Bello anche il finale.

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  29. Bludinotte mi aveva colpito proprio quella frase e avevo messo un segnalibro sulla pagina apposta per trascriverla.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  30. Primavera63 se hai tempo e sei nella disposizione d'animo giusta sarà per te una piacevole lettura, soprattutto perchè si tratta di esperienze di vita un pò distanti dalle nostre.

    Un bacione cara

    RispondiElimina
  31. Pepe io sono stata coinvolta da una mia collega che aveva letto più recensioni e sentito vari pareri.
    Mi è sembrato di andare sul sicuro e così è stato.

    Bacio e buona settimana!

    RispondiElimina
  32. Concordo! Non l'ho detto per non condizionarti non sapendo se l'avessi letto o meno ma anche io sono rimasta delusa dal finale, troppe questioni irrisolte.
    A presto,
    Heidi

    RispondiElimina
  33. Il fatto è che non era mai rimasta sola così a lungo, a guardare le cose inerti intorno, come le cose sono morte nel presente che se ne frega di te e delle tue rogne.

    L’ho letto anch’io. E questa è la frase che mi ha colpito.
    Un sorriso, Kylie.

    RispondiElimina
  34. Ciao Kilye!!
    Non l'ho ancora letto,ma sara' il prossimo!
    Bacione gioia,felice sera!Sorriso

    RispondiElimina
  35. Heidi mi ha dato quasi l'idea di un sequel già ipotizzato. Spero di sbagliarmi e che la sospensione sia solo dovuta ad una scelta dell'autore.

    Bacio

    RispondiElimina
  36. Giardigno65 esatto, non c'è solo leggerezza ma anche tensione, difficoltà, amarezza.

    Un bacione

    RispondiElimina
  37. Vitaedamore sono felicissima di rileggerti! Stai bene?

    Un abbraccio forte forte

    RispondiElimina
  38. Darjo grazie! Anche a te.

    Un bacino

    RispondiElimina
  39. Qglcld55 grazie per il sorriso, ce n'era proprio bisogno cara.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  40. non l'ho letto, ma questo passo che hai scelto mi fa capire che deve essere davvero un bel libro!

    RispondiElimina
  41. ..ho pianto tanto, C.

    RispondiElimina
  42. .....da tener presente......l'avevo sentito ma non mi aveva colpito molto.... ;) _maRy

    RispondiElimina
  43. Pupottina tutti quelli con cui ho parlato finora e l'hanno letto sono rimasti colpiti favorevolmente.
    Un buon segno.

    Bacio

    RispondiElimina
  44. C. anche per me è stato commovente.
    Il percorso finale delle protagoniste è stato terribile.

    Un bacio cara

    RispondiElimina
  45. Giallosanmarino io lo consiglio, come puoi leggere molti commenti qui sono positivi.

    Un abbraccio

    RispondiElimina