domenica 5 dicembre 2010

Un appello



Accolgo la richiesta del mio amico Sergio di postare un appello:

Marcello Doria è un cittadino italiano, di anni 34, residente in Argentina da 33; è meccanico e ha tre figli.
Qualche giorno fa La Nuova Venezia si è occupata del suo caso.
  • Nel 2005 è stato ingiustamente accusato dell'omicidio di un uomo;
  • E' stato ingiustamente incarcerato ed illegalmente detenuto dalle autorità argentine;
  • E' stato maltrattato e torturato da poliziotti corrotti;
  • Oggi (dicembre 2010) è ancora rinchiuso in un carcere privo di qualsiasi garanzia di incolumità e di un giusto processo.

L'appello è dei familiari italiani che vivono a Chioggia (uno lo conosco personalmente). Chiedono solo che le Autorità competenti si occupino del caso.

Inserite per favore un accenno nei vostri blog, forse se la notizia circola potrebbe arrivare anche al Ministero degli Esteri e "dare una mossa" a chi di dovere.

38 commenti:

  1. Speriamo che qualcuno al ministero degli esteri, legga la notizia e si metta una mano sul cuore, accorgendosi che batte ancora, che qualcuno a bisogno di aiuto.

    Se il nostro blog, può tornare utile nel diffondere, fatecelo sapere. Saluti.

    RispondiElimina
  2. l'ho buttata su StumbleUpon, chi sa mai...

    RispondiElimina
  3. Ciao, come posso fare? Metto un link al tuo post? Sei d'accordo?

    RispondiElimina
  4. Una storia terribile, speriamo che se ne venga a capo.

    RispondiElimina
  5. Foglia visto che finora poco è stato fatto, direi che ogni pubblicità è utile.

    Grazie

    RispondiElimina
  6. Insight, speriamo bene. Sai anche tu che se non si muove l'opinione pubblica, non si muove nessuno.

    Bacio

    RispondiElimina
  7. Vittoria A. se conosci un metodo per far circolare la notizia per me va bene tutto.

    Grazie cara

    RispondiElimina
  8. Sara speriamo davvero, sembra che lì la situazioni sia davvero molto grave.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Fatto! E teniamo le dita incrociate...

    RispondiElimina
  10. Lo farò, anche se il mio blog non è poi così frequentato...

    RispondiElimina
  11. Dona Flor speriamo che nel nostro piccolo riusciamo a fare qualcosa anche noi.

    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  12. Ibadeth non ti preoccupare. Non abbiamo tutti gli stessi lettori e quindi la notizia circola lo stesso.

    Un bacione

    RispondiElimina
  13. bisognerebbe mandarlo alle iene o a striscia, di solito fanno smuovere la situazione...

    www.baselements.blogspot.com

    RispondiElimina
  14. Mi fa pensare ad una francese, condannanta a 60 anni di prigione in Messico, per una rappina che probabilmente non ha mai fatto. Processo rapido, mancanza di trasparenza, cattiva communicazione con la Francia che sta facendo di tutto per lei... sta già da 5 anni in prigione!

    RispondiElimina
  15. Pensate che la questioen è stata sottoposta anche al Gabibbo... e non è arrivata nessuna risposta.
    Vi ringrazio tutti anche a nome dei famigliari di Marcello Doria.

    RispondiElimina
  16. 'moringHoney ci stanno provando, speriamo bene.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  17. Archimede purtroppo è così.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  18. L'armadio del delitto ci sono tante storie dimenticate di persone scomparse in qualche carcere. Bisogna far sentire la voce dell'opinione pubblica, smuovere le acque.

    Un bacio

    RispondiElimina
  19. Sergio faremo del nostro meglio.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  20. Ok...colgo l'invito....dopo l'abbraccio è dovuto..;-)

    RispondiElimina
  21. Quoto questa risposta:
    "bisognerebbe mandarlo alle iene o a striscia, di solito fanno smuovere la situazione", anche se come poi dice Sergio, la cosa è stata già fatta ma dal Gabibbo non ha ancora ricevuto segni di vita, si dovrebbe provare a insistere, mi sembra proprio un caso degno di attenzione.

    RispondiElimina
  22. La puntata di ieri di "Lucarelli racconta" (Raitre) era dedicata a casi come questo. Storie da fare inorridire! Speriamo che almeno questo caso abbia un lieto fine!

    RispondiElimina
  23. c'è solo d'augurarsi che questa storia abbia un lieto fine

    RispondiElimina
  24. l'ho riportato sul mio blog e ho chiesto ad alcuni amici di fare altrettanto speriamo che qualcuno di rilevante importanza ci legga.

    RispondiElimina
  25. Ciao a tutti, sono il cognato di Marcello, grazie a tutti per la solidarietà dimostrata.
    Vi terrò informati se ci sono novità. Continuare a diffondere la notizia è un modo per far muovere le acque e fare arrivare il messaggio alle istituzioni.
    GRAZIE.

    RispondiElimina
  26. Purtroppo non è prima la storia che sento...la giustizia per gli innocenti richiede sempre moltissimo tempo, agonia e disperazione... mentre quella per i colpevoli è fin troppo veloce e incocludente...io mi chiedo, perchè le cose vanno sempre al contrario di come devono andare?

    RispondiElimina
  27. Mark grazie davvero.

    Un bacione

    RispondiElimina
  28. Tizyana - Azzurraa speriamo che si trovi la strada giusta per portare il caso nei posti che contano e che possono aiutare davvero.

    Un abbraccio cara

    RispondiElimina
  29. Capkid lo spero anch'io.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  30. @enio dobbiamo sperare che sia così.

    Un bacione

    RispondiElimina
  31. Sosiofrutta grazie davvero.

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  32. Matteo è una piccola goccia ma serve anche questa.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  33. Martina purtroppo non sempre c'è giustizia al mondo specialmente in alcune parti. Vediamo di sostenere i nostri cittadini almeno.

    Un abbraccio forte cara

    RispondiElimina
  34. Fatto. Speriamo si smuova qualcosa.

    RispondiElimina
  35. A furia di ricevere email (sempre che non vengano fatte fuori dal fire-wall) dovranno rispondere prima o poi!

    Da: daniele.passerini@22passi.it
    Oggetto: Marcello Doria (cittadino italiano detenuto in Argentina)
    Data: 12 dicembre 2010 10:26:49 GMT+01:00
    A: segr-co@cert.esteri.it

    Si chiede che codesto Ministero accerti la veridicità di quanto riportato da La Nuova Venezia il 28 novembre circa la vicenda di Marcello Doria, cittadino italiano detenuto nelle carceri argentine, attivandosi per quanto di propria competenza.

    (LINK: http://nuovavenezia.gelocal.it/cronaca/2010/11/28/news/arrestato-per-omicidio-in-argentina-2838368)

    Ringraziando per l'attenzione e confidando in una vostra risposta ai familiari del Sig. Doria residenti in Italia, si porgono distinti saluti.


    firma

    RispondiElimina
  36. Hanno risposto!

    Egregio Signor Passerini,
    rispondo alla Sua comunicazione e-mail inviata lo scorso 13 dicembre a questo Ufficio, in merito alla vicenda del connazionale Marcello Doria, attualmente detenuto in Argentina.
    Le assicuro che il caso del Signor Doria è particolarmente seguito da questo Ministero, in raccordo con l’Ambasciata a Buenos Aires e il Consolato Generale a Rosario.

    Nel ringraziarLa per l’interessamento che dimostra alla vicenda, colgo l’occasione per porgerLe i miei più cordiali saluti.


    Il CAPO UFFICIO
    Cons. Marilina Armellin


    DGIT – Ufficio IV
    Ministero degli Affari Esteri
    Roma

    RispondiElimina
  37. fato anche io
    http://www.rotocalco.net/2010/12/un-appello.html

    RispondiElimina