lunedì 23 maggio 2011

E non chiamateci fannulloni!



Il mio gruppo di lavoro è formato da 4 persone (me compresa).
Venerdì per una strana congiuntura di eventi, ero rimasta da sola.
Due colleghi in ferie e la terza era assente per avermi gentilmente sostituito ad un corso di formazione sulle dichiarazioni di inidoneità al lavoro.

Giovedì l'illuminazione: se domani non ci sarà nessuno di voi, chi farà questa operazione (informatica, assolutamente necessaria ogni giorno)?
- Insegnami, così mi arrangio - dico al mio collega.
- No, ci penso io, vengo qui 5 minuti e lo faccio io.

Così è stato. In ferie si è presentato in ufficio insieme alla moglie, portandomi pure una brioche per la colazione, ed ha eseguito l'operazione incriminata. Poi, dopo due chiacchiere, mi ha salutato per andare a godersi il periodo di ferie.

Siamo dipendenti pubblici. Ma guai a chiamarci fannulloni, perché noi ci incazziamo sul serio!


P.s. post dedicato al Ministro Brunetta e al Ministro Tremonti.

27 commenti:

  1. Questi eventi non sono rari e rispecchiano molte altre realtà. Non mi dilungo, non sono i dipendenti pubblici il peso sul sistema, ma interi enti pubblici a pesare con la loro inutilità.
    Un salutone

    RispondiElimina
  2. Mark concordo. Ho un'infinità di esempi in proposito, però essendo gli enti locali quelli più virtuosi, i sacrifici sono sempre nostri.
    Vedremo che futuro ci aspetta.

    Bacio

    RispondiElimina
  3. non mi sorprende affatto questo tuo aneddoto!i fannulloni ci sono, ma sono di più i virtuosi...a pesare sul sistema non è certo l'amministrazione pubblica ma il sistema in sè, tutti i parlamentari, senatori etc etc...che brunetta iniziasse da lì...ma naturalmente certi interessi e privilegi non si possono intaccare...

    RispondiElimina
  4. Cara Kylie, quanto ti capisco! Lavorando nella scuola pubblica sai quante volte mi sento dire che son fortunata perchè mi pagano per non far niente?? Sapessero quanto mi "sbatto" per dar il meglio e per far sì che TUTTI abbiano le stesse opportunità per crearsi un futuro migliore (esempio: su una classe di circa 25 ragazzi, 13 sono extracomunitari)... e lo stipendio è sempre quello, prendo quanto il collega menefreghista...
    Riguardo ai commenti, si sa, gli ignoranti sguazzano nei luoghi comuni!
    Un forte abbraccio e buona giornata :)

    RispondiElimina
  5. Oltre a tutto (e ti assicuro è tanto!) dove lavoro porto e piante di rose: le faccio per talea, me le tengo due anni a casa in crescita e poi le pianto dove lavoro. Tanto per...più il resto.
    La verità è che vogliono demolire il lavoro pubblico sostituendoci con delle realtà private.

    RispondiElimina
  6. Casi di assenteismo e parassitismo ce ne saranno anche, non lo nego, ma resta il fatto che sentire i nostri politici, proprio loro!, accusare i dipendenti pubblici di essere un peso per lo Stato è una (tragica) barzelletta, allo stesso livello del presidente iraniano che accusa noi occidentali di rubargli la pioggia spostando le nuvole...

    RispondiElimina
  7. Buongiorno Kylie, capisco il tuo risentimento ma chiunque credo prima o poi abbia avuto un momento per trovarsi d'accordo con Brunetta e Tremonti.
    Da contractor privato, sfruttato e sottopagato che lavora spesso per il servizio pubblico "ho visto cose che voi umani non potete neanche immaginare..."
    Enti che ci massacrano di contributi per sprecarli in un modo in cui un privato fallirebbe dopo poche settimane. Preferirei non entrare nello specifico in questa sede (chiamiamolo segreto professionale) ma vedo spesso anche privilegi che non hanno più motivo d'essere soprattutto in tempi di vacche magre.
    Se qualcosa rimprovero ai 2 ministri sopracitati è che non hanno fatto abbastanza.
    Il tuo collega è un tesoro ed ha fatto sicuramente più del suo dovere ma se non bisogna generalizzare in un senso, ciò vale anche nell'altro.
    I parassiti ci sono e sono tanti, troppi.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  8. Ci possono esistere fannulloni;ma nessuno può battere i politici.Serena giornata a presto

    RispondiElimina
  9. questi sono esempi di attaccamento al lavoro... non tutti i colleghi sono così ...
    i tuoi però sono favolosi!!!

    RispondiElimina
  10. rispondo a quello che hai detto da me: sembra proprio che ieri ci siamo tutte date da fare con vari tipi di lavori fai da te ;-)
    buon lunedì ^__________^

    RispondiElimina
  11. Il fatto è che si fa sempre di "tutta l'erba un fascio", generalizzando i comportamenti scorretti che risaltano molto di più di quelli onesti!
    Un bacio!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.com

    RispondiElimina
  12. ma quei due sono talmente testoni...
    ciao

    RispondiElimina
  13. completamente d'accordo conHobina03il fatto e' che i virtuosi non fanno notizia...

    RispondiElimina
  14. Vero. Fanno notizia solo i peggiori.

    RispondiElimina
  15. Ecco, non fateci incazzare.
    Che oggi ad esempio mi son sciroppato otto ore di convegno sulla chirurgia d'urgenza, pur essendo in ferie.

    RispondiElimina
  16. Quel Brunetta capisce 'na mazza, questa è ne la prova. E fate bene ad incazzarvi
    serena settimana, per quanto possibile...ciao!

    RispondiElimina
  17. se è un argomento informatico la prossima volta chiama me! che lavoro all' IT (senza scomodare il collega :-P)

    RispondiElimina
  18. Non credo ci siano cosi tante persone che possano cambiare l'onestà di tutti, Spero soltanto che costoro abbiano solo motivazioni valide per dissentire il lavoro affidato.
    Un abbraccio forte sempre
    Maurizio

    RispondiElimina
  19. Brava, hai fatto bene a segnalare questo fatto positivo, e non è l'unico. Brunetta ha fatto di tutta l'erba un fascio, peggiorando la situazione perchè il suo progetto (suo e del suo capo, un pelo più alto di lui, ora in declino) è privatizzare tutto ...

    RispondiElimina
  20. sentendo poi da che "pulpito viene la predica" c'è solo da... incazzarsi il doppio :-/

    RispondiElimina
  21. Scusa, mi sono imbattuto nel tuo blog per altre ricerche.
    Lavoro nel privato ma fornisco a volte anche il pubblico.
    Con rispetto per tutti, sicuramente non è giusto generalizzare, ma la percentuale di fancazzisti che vedo nel pubblico è *enormemente* superiore a quella del privato, politici e dirigenti compresi eh...
    Quello che ha fatto il tuo collega è sicuramente encomiabile ma è destinato a rimanere un caso raro da manuale!

    RispondiElimina
  22. Enrico sempre questo mio collega ieri è rientrato dalle ferie per partecipare ad un corso di formazione. Ma non è l'unico e sono proprio i tipi come noi quelli che mandano avanti Enti che altrimenti sarebbero carrozzoni senza guida.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  23. A parte che una rondine non fa primavera, bisogna considerare che in Italia ci sono due classi di persone, quelle iper-garantite e quelle senza nessuna garanzia.

    Partiamo dal presupposto che il 90% del PIL viene da aziende con meno di 15 dipendenti.

    Ai dipendenti di queste aziende, che già sono messi male, aggiungiamo tutta la gente con contratti "atipici", che più tempo passa e più diventano "tipici".

    Capisci che l'atto di eroismo del tuo collega suona un po' come una barzelletta per parecchi italiani, me incluso, che non solo non hanno le ferie pagate e i contributi ma che di solito non ci vanno proprio in ferie. E che spesso devono lavorare senza vincoli di orario, notte, giorno, ferie comandate, essere sempre reperibili, avere mansioni eterogenee, eccetera.

    Essere "fannulloni" è un concetto abbastanza relativo.

    RispondiElimina
  24. Lorenzo mi dispiace per te che hai una situazione giuridica e previdenziale difficile e che ti ritroverai a 65 anni a fare i conti con una pensione che non sarà sufficiente per vivere, ma il mio post difendeva una categoria spesso bistrattata a torto.

    Sul non futuro dei precari si potrebbe scrivere un libro.

    RispondiElimina
  25. Kylie, io ti capisco perché siamo nella stessa barca... non so se hai visto Brunetta stasera da Santoro... quando parlava della SUA informatizzazione della P.A. mi veniva da ridere/piangere: avessi potuto replicargli... fortunatamente l'ha fatto una Cancelliera del Tribunale di Milano.
    Il ministro più fannullone, bugiardo e inetto della storia d'Italia, anche questo è un record.
    Se lo incontro per strada gli mando tanti di quelli insulti che... no, niente da fare: è talmente basso che gli passano sopra! :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina