domenica 1 maggio 2011

Senza scambio, che rapporto è?


Il legame di ogni rapporto, sia nel matrimonio sia nell'amicizia, sta nella conversazione.

Oscar Wilde


Mi capita di iscrivermi a qualche blog e di seguirne altri assiduamente, ma la mia personale condizione è che ci debba essere un rapporto reciproco, uno scambio di emozioni, parole, idee, amicizia. Altrimenti con lo stesso entusiastico trasporto con cui mi sono - in un certo senso - legata, sciolgo ogni legame.
E questo avviene con una certa frequenza.

Leggendo qua e là vari blog però mi è sorta spontanea una domanda. Per quale ragione ci sono spazi con un numero altissimo di lettori fissi ma con un esiguo numero di commenti a ciascun post?
Non mi torna il conto. Se uno ha 250-300 lettori dovrebbe almeno avere una cinquantina di commenti, uno più uno meno. Invece mi sembra che questo non accada. E non me ne capacito.

Vi è capitato di chiedervi la stessa cosa?

49 commenti:

  1. bonjour,effectivement il faut un faut une fusion ,une conversation ,une ideologie!Bien sur le commentaire par habitude et fausse courtoisie est d actualite.Par contre le tiramisu me donne des idees?

    RispondiElimina
  2. Buongiorno Kylie e Buon Primo Maggio!
    Hai perfettamente ragione sul fatto di condividere. Condividere, nel caso del blog, significa innanzitutto leggere con attenzione i post altrui. E questo, secondo me, viene fatto da pochi. Ci sono blogger che fanno un copia-incolla, e passano a salutare tutti con la stessa frase. Altri che si mettono tra i lettori, ma poi non si vedono più. Non so, che sia protagonismo? Fretta? Difficile dare una sola riposta.
    Lo scambio è necessario, teniamolo in vita, cara Kylie.
    Grazie per queste riflessioni.
    Un abbraccio,
    Lara

    RispondiElimina
  3. personalmente... scusa un attimo che spengo la moca del caffè... dicevo, personalmente alcuni blog li seguo perchè mi interesa molto quello che viene scritto, molte volte però non commento. Sono d'accordo sul fatto che lo scambio è fondamentale, ma alcune volte mi viene da chiedermi se non sia più importante il fatto di avere il proprio blog, indipendentemente da chi commenta. (spero non metterai una pietra sopra al mio eh :D) buon primo maggio, anzi, buon maggio!

    RispondiElimina
  4. Buondì, mia cara. dunque, lo scambio, la comunicazione, è alla base di ogni rapporto. Se è viziata nella forma(perchè si può parlare e non intendersi)o è inesistente....il rapporto non esiste.Secondo me, ci sono persone che si capiscono al volo, guardandosi solo negli occhi...perchè anche quello è comunicare.
    molte fotine, pochi commenti? magari si legge e non si commenta. L'ho capito dal contatore delle visite...

    RispondiElimina
  5. Non so... certo la conversazione è importante... ma non è detto che chi tiene un blog lo faccia per questo. Spesso è uno sfogo, oppure una sorta di 'diario' in cui non sempre il commento è necessario.
    Poi, sono sempre dell'idea che meglio poche cose dette, ma con la testa e il cuore...
    ^__^

    RispondiElimina
  6. Osservazione oltremodo giusta!
    Se non ci si commenta e non si 'dialoga', che senso ha un blog!
    A me piace 'indagare' nei pensieri altrui e mi piace sentirmi in sintonia.
    Se entri nei followers, solitamente contraccambiano, ma se si scopre poi un blog che spara retorica e baggianate, non lo si segue. Ti faccio un esempio : se leggo un'osannah alla beatificazione di G.P.II,fuggo senza commentare.
    Cristiana

    RispondiElimina
  7. Penso che molti si iscrivano per tutta una serie di motivi che nulla hanno a che vedere con il rapporto con l'autore del blog. Parlo di visibilità. Parlo di arraffare altrui "seguaci". Poi c'è anche chi si iscrive perché pensa di aver trovato una cosa interessante e poi si dimentica o non ha tempo o non gli interessa più visitare il dato blog o lasciare un pensiero.
    Sono pochi gli utenti/lettori con cui ho uno scambio giornaliero, nonostante i 232 "seguaci" che ho nel blog e solo alcuni post mi danno il piacere di una lunga serie di commenti.
    Va valutato anche un altro aspetto: la qualità e i contenuti dei commenti. Fin troppo facile postare solo immagini o ricette e sentirsi costantemente dire: "che bella questa borsa!", "che buona questa ricetta"!
    Credo che quando ci sia da dire qualche cosa in più, quando c'è spazio per l'opinione o il confronto, quando le stupidaggini non sono accettate o richieste... le persone possono anche ritrarsi.

    RispondiElimina
  8. Tra l'altro dimenticavo anche una cosa. A volte accade questo meccanismo: devi andare "a cercare" le persone blog per blog, lasciando commenti "sensati", nella speranza che questi poi tornino a risponderti. Magari anche lo fanno ma nulla ti garantisce un ritorno continuo con partecipazione ai dibattiti, apporto di idee o suggerimenti.
    Non è facile rendere "vivo" un rapporto fra blog. Quando questi sono anche potenzialmente "rivali"... la cosa diventa ancora più complicata. Poi, considera, ci sono "filoni" di argomenti che attraggono più di altri: se sparli del mondo-suocera avrai stuoli di gente che ti segue e che ti scrive e che si lamenta. Se parli di qualche altro argomento settoriale o aulico..la cosa è già diversa..

    RispondiElimina
  9. Ciao Kylie, sottoscrivo in toto l'intervento di Carolina Venturini.
    Di mio aggiungo che per me alcuni blog sono come dei libri, li leggo ma non mi spingono ad interagire.
    Certo se chi passa dal mio mi lascia un saluto mi migliora la giornata.
    Buona domenica a te ed a chi passa di qua.

    RispondiElimina
  10. Kylie è proprio questa la differenza tra un blog e un social network.
    Il blog non nasce dall'esigenza di fare conversazione, ma dal desiderio di condividere sensazioni, emozioni, sentimenti, notizie di attualità, video ed anche, perchè no, momenti di cazzeggio con dei lettori interessati che non devono per forza sentirsi obbligati a palesarsi tramite i commenti.
    Io, ad esempio, sono tra i followers di tantissimi blog e se dovessi lasciare un commento ad ogni post che viene pubblicato giornalmente dovrei mettermi in aspettativa a lavoro e salutare la famiglia per sempre :(
    Grazie a Google Reader riesco a leggere, anche se spesso frettolosamente, tutti gli articoli, ma corro a commentare solo quelli che mi hanno coinvolta maggiormente e che m'ispirano a dire la mia!
    Solitamente non passo da tutti solo per lasciare un " :-)"..lo trovo irritante e senza senso.
    Quella non è comunicazione che tiene vivo un rapporto, è soltanto una ruffianata che serve a dire...oh passa da me che io da te son passata!
    Tanti followers sono dei marchettari..si inseriscono tra i sostenitori di un blog seguito solo per mettersi in vetrina..
    Sai quante volte sono stata tentata di levar via il blogroll e la finestrella con gli avatar dei lettori fissi?
    Non l'ho mai fatto per rispetto di coloro che seguono il mio spazio e partecipano più o meno attivamente al delirio perpetuo della Val Gina :)
    Che poi delle belle amicizie possano nascere anche in rete è un altro discorso..
    Ma sono rare queste occasioni..
    Ho 10 lettori fissi e solo 2 scrivono..
    Fanniente..io scrivo perchè mi diverte farlo..se qualcuno mi legge BENE..se non succede...va BENE lo stesso!
    Baci cara e buona domenica :)

    RispondiElimina
  11. il blog uno lo scrive principalmente per la gioia che si ha nel farlo e poi se i commenti sono tanti bene altrimenti si tira avanti. Io per esempio ho pochissimi commenti, quelli che mi onorano di un loro pensiero vengono ricambiati, fermo restanto che scrivendo il mio blog, molti possono anche sapere come esattamente la penso su determinati argomenti che capitano oggigiorno. Quelli che hanno 300 o 400 contatti avranno o cose interessantissime da scrivere o sono dei leader nei loro "campi" specifici. Buon primo maggio a tutti.

    RispondiElimina
  12. Kylie, hai tirato fuori un bell'argomento! Non so darti nessuna spiegazione, forse seguire contemporaneamente tanti blog è materialmente difficile. Alcuni si iscrivono, fanno un solo commento e chiedono esplicitamente di diventare lettori del loro, una sorta di "do ut des". Forse si sentono autogratificati dall'avere molti seguaci... boh...
    Io, nel mio piccolo, ti auguro buona fine giornata, spero che tu abbia trascorso un buon I maggio!
    Baci :)

    RispondiElimina
  13. cara kylie, hai posto una domanda che mi sono fatta spesso anch'io: credo che alcune persone si mettano tra i followers solo per farsi "pubblicità" e anche io in effetti ho tra i lettori persone con le quali non ho mai scambiato due righe, ma è anche vero che è difficile seguire tutti con la stessa intensità ed è difficile lasciare commenti a tutti i post e su tutti i blog, vuoi per via dei captcha, vuoi perchè il tempo è tiranno, vuoi perché a volte il silenzio è più prezioso di un commento forzato e banale, però mi trovo d'accordo con quello che ha scritto grace, il bello del blog è che c'è assoluta libertà, è uno spazio dove esprimersi e condividere idee, emozioni, sfoghi o anche solo immagini o video. Io personalmente preferisco ricevere pochi commenti ma sinceri e faccio lo stesso quando vado a trovare gli altri blogger un saluto e buon 1° maggio!

    RispondiElimina
  14. Ciao, di solito se entro in un blog e leggo un post lascio anche un commento, ma non sempre ho il tempo per farlo, tuttavia mi trovo abbastanza d'accordo con quello che dici, perchè capita spesso che altri blogger si mettano tra i lettori fissi e poi non si vedano più e questo non mi sembra giusto, perchè una cosa è passare ogni tanto (il tempo è tiranno) e una cosa è scomparire completamente e usare la finestra dei follower solo per farsi pubblicità.

    RispondiElimina
  15. Magari noi siamo adulti e ci pensiamo un po'prima di accodarci a questo a quel blog, per i più giovani forse è un'adesione che si fa senza troppi vincoli.
    Comunque ce ne sarebbe da discutere sul sistema autoreferente dei blog...

    RispondiElimina
  16. Dimenticavo un problema tecnico (sono gradite soluzioni adatte ad un analfabeta informatico come me): ho provato a cancellarmi dai followers di alcuni blog che non seguo più ma Google non obbedisce. Succede anche a qualcun altro o questo impedimento è solo mio?

    RispondiElimina
  17. No, io non ci faccio caso. Frequentare la rete richiede mooolto tempo e non tutti ne hanno a disposizione per diversi motivi. Io prendo quel che viene, va bene così. Ciao!!

    RispondiElimina
  18. devo dire che anche io a volte mi chiedo "perchè x o y mi seguono e poi non mi scrivono mai niente?" a volte anche rimango silente anche se leggo un post... magari sto leggendo dal cellulare e mi propongo di ripassare poi ma dopo mi scordo... ma insomma ogni tanto farsi vivi!!!!!!

    RispondiElimina
  19. Io quando scelgo un blog lo faccio perche' mi interessa quello che scrive.
    Spesso leggo con interesse , ma non mi sento sempre obbligata ad esprimere la mia opinione.

    RispondiElimina
  20. Credo che il numero dei commenti non dipenda tanto dai lettori quanto piuttosto dal tempo e dalla qualità che si può dedicare agli altri. Come hai detto tu, è un rapporto di reciprocità, ovviamente nei limiti di tutte le incombenze da fare e da sbrigare, i blog sono un mezzo per conoscersi ma per alcuni sono solo un mezzo per farsi conoscere, e allora lasciano l'immagine un po' ovunque a testimonianza del loro passaggio. Non so se hai notato quante facce da... ci sono in giro... :-)

    RispondiElimina
  21. Torno a commentare, non più sui seguaci (di cui ho fatto a meno per parecchi anni pur avendo moltissimi commenti su ogni post, cosa che non ho più non avendo più molto tempo a disposizione) quanto sui commenti e su quello che si intende per blog. Non sempre un blog è personale, un diario, un parlare di se, quando lo è il commento viene naturale e spontaneo, quando si parla di curiosità, di cronaca, di notizie o di altri argomenti il commento può anche non essere così naturale se chi ci legge d'abitudine non apprezza particolarmente l'argomento, diventa però molto prezioso quando viene postato da un lettore casuale, uno di quelli che è capitato sul blog attraverso un motore di ricerca e ha trovato utile quanto scritto. Sono due modi diversi di fare web, non incompatibili ma differenti. Per esempio, uno dei commenti che ho apprezzato di più me l'ha lasciato un paio di anni fa un tipo che non conoscevo e sul quale avevo postato un articolo la sera prima, sapere che mi aveva letta e le mie parole l'avevano toccato...è stato molto gratificante! più di mille sorrisi a perdere. Ora come ora non scrivo per il commento, lo apprezzo, se è sincero o anche solo se è un ciao, ma non mi danno se mancano, scrivo perchè mi piace scrivere, mi piace l'idea che tutti possano essere in rete e anche con uno strumento gratuito competere con i colossi delle parole.

    RispondiElimina
  22. Secondo me dipende dai casi. A volte si segue un blog perché vi si trovano scritte cose che ci colpiscono sul piano personale e allora si commenta spesso o cmq più facilmente. A volte invece si segue un blog perché ci si trovano cose interessanti e allora non sempre si commenta, il blog seguito diventa più una fonte di informazioni che un luogo di scambio. Credo che tutte e due le situazioni siano positive. Anche se alcuni o molti lettori non commentano, comunque ti leggono e qualcosa arriva loro. Se per esempio dedichi un post a qualcosa/una situazione/una notizia/un'idea che vuoi far conoscere perché pensi sia importante, anche se non commentano leggono e magari ci riflettono su

    RispondiElimina
  23. Io non mi iscrivo a nessun blog; quelli che ritengo interessanti li inserisco tra i miei link e poi da li li seguo quotidianamente (non chiedo nemmeno il permesso di poterli linkare, perchè credo che se qualcuno mette qualcosa su internet sia per condividerlo).
    Certo con alcuni blog c'è uno scambio quotidiano, con alcune persone nasce anche un amicizia, uno scambio di mail e ogni tanto ci si sente anche al di fuori del blog.
    Però ognuno interpreta il blog a modo suo (uno sfogo, uno spazio per propagandare se stessi, un punto di incontro). Sta a noi prendere ciò che preferiamo

    RispondiElimina
  24. sì, mi sono fatta la stessa domanda...
    un po' è google che perde i commenti, in altri chi scrive frettolosamente chiude la finestra prima di aver confermato (capita anche a me), poi c'è chi legge, ma non commenta perché non vuole farlo sapere agli altri oppure non commenta nel blog ma per mail (perché non vuole essere ricollegato ad un argomento o non vuole che si sappia la sua opinione in proposito) ... ed altro che forse mi sfugge

    seguire un blog non vuol dire leggerlo per intero (scriviamo tutti così tanto che non avremmo più tempo per vivere nel mondo reale)

    ci sono poi persone che per un periodo ci leggono e ci commentano, poi cambiano interessi, oppure abbandonano anche il loro blog, cambiano identità, ecc...
    il mondo virtuale è quasi più complicato di quello reale ... eheheheheh
    a volte è meglio non porsi troppe domande e seguire e leggere coloro con cui abbiamo motivo di comunicare

    RispondiElimina
  25. non lo so se sono stata chiara ...

    RispondiElimina
  26. Ciao Kykie, hai ragione corretto sarebbe "dialogare" con i blogger proprio per aver qualla sintonia di idee, di curiosìtà, di notiozie che servono a colorare la nostra vita. Ma non sempre cio è possibile e ci contentiamo sempre, ugualmente.
    Buona Lunedi
    Maurizio

    RispondiElimina
  27. ho letto il tuo punto di vista e un pò quello degli altri commenti....
    concordo sul fatto che non si dovrebbe lasciare un commento tanto per dire sono passata di qua.... però anche io sono passata in blog che hanno centinaia e centinaia di follower e pochissimi commenti.....

    e non so perchè mi da l'idea di un blog un pò desolato...

    RispondiElimina
  28. Guarda Kylie, ti dico la mia: dipende dal blog. E' vero che il blog si fa per se stessi (innanzitutto), ma credo sia anche opportuno che quanto postato lasci spazio a qualche considerazione altrui, proprio come hai fatto tu con questo post. Invece mi capita di leggere di blog "autosufficienti", che magari sono anche interessanti, e quindi li seguo, ma, pur spremendomi le meningi, non saprei proprio cosa scriverci! Anche se in genere se passo per qualche blog alla fine almeno un commentino lo lascio, perché quando capita a me mi fa piacere! :-)

    RispondiElimina
  29. Siiiii, eccome se m'è capitato di chiedermelo. Così come mi sono anche chiesto più volte come funziona il numero dei readers (es di Feedburner) che oscilla anche del 30-40% da giorno a giorno.
    Io, nel momento in cui inserisco un blog nel reader è perchè lo trovo a suo modo degno di attenzione ed è difficile che poi non lo passi a trovare.
    Magari "poco assiduamente" come in quest'ultimo periodo ma per tanti che sono senza lavoro c'è chi ne ha fin sopra la testa (e non si lamenta se non per il tempo da dedicare alla blogosfera) ;-)

    Un abbraccio e buona settimana :-)

    RispondiElimina
  30. non me lo sono chiesto semplicemente perché non ho proprio il "gadget" dei "lettori fissi"... scherzi a parte, penso solo che ci siano modi e motivi diversi di "vivere" questo mondo (blog), personalmente a volte mi capita di non aver "nulla di interessante" da dire o da aggiungere (per varie ragioni) al post di un blogger, quindi mi limito ad un saluto o addirittura soltanto alla lettura (spesso anche il tempo è tiranno).

    RispondiElimina
  31. Ci sono blog con centinaia di iscritti, ma forse l'hanno fatto per vedersi ricambiato il favore.... Quando leggo un post che mi piace, lascio un commento,se qualcuno lascia un commento a me, io rispondo. E' come creare una rete sottile di amicizie, se pure virtuali. Io scrivo per il piacere di farlo, e se qualcuno commenta con il suo punto di vista, mi fa piacere... E' uno scambio di idee. Ciao carissima, buona settimana

    RispondiElimina
  32. Non so, troppe cose mi sono oscure sul funzionamento del blog. Io ho undici lettori fissi, ma quasi nessuno di essi commenta. In più, ho anche qualche lettore volante, che mi ha detto che legge taluni miei post, ma non commenta mai.
    Supppongo sia come per le amicizie: pensi di avere tanti amici, ma sono pochi quelli che si manifestano. Oppure il contrario: pensi di essere sola, ma gli amici ci sono e stanno nell'ombra, pronti.

    RispondiElimina
  33. Kylie carissina, una bella giornata per te, sole compreso.
    Ciao

    RispondiElimina
  34. Capita;ma quando il numero aumenta non è facile seguire tanti blog.Bisogna anche dire,che molti magari leggono un post e non commentano,per tanti motivi .Ti auguro una serena giornata;salutoni a presto

    RispondiElimina
  35. Scrivimi...anche per un semplice saluto...scrivimi.

    RispondiElimina
  36. E' bello condividere, leggere quello che altri scrivono. Io lo vorrei fare sempre, purtroppo vivo un momento difficile e spesso ho la tentazione di chiudere perchè non riesco a dialogare come vorrei. Poi penso che l'ho fatto una volta e sono poi tornata. Spero che chi viene da me abbia pazienza e sappia asppettare i mei tempi.

    Il numero delle visite alto viene dai motori di ricerca come google, visite casuali forse e non assidue come quelle di chi fa commenti, questo è quanto mi è stato detto.
    Sono belle le tue riflessioni e dimostrano quanto tu tenga al rapporto con gli altri.
    Un abbraccio
    Giulia

    RispondiElimina
  37. Ciao Kylie,
    ho scritto due volte lunghi commenti a questo tuo bellissimo post. Hanno fatto pluff come certi mie "fiori effimeri". Allora te lo dico chiaramente e semplicemente: la questione non mi è del tutto chiara e merita che se ne discuta. Ma io non sono il più adatto. Infatti ho letto le bellissime riflessioni proproste e ho compreso come tutti siamo complesse e meravigliose persone. Il primo aggettivo però è quasi propedeutico al secondo: occorre superare un dosso prima di condividere le proprie meraviglie. Non tutti riescono a farlo, non tutti hanno voglia di farlo, non tutti hanno tempo per farlo... il che, come vedi, ci riporta inesorabilmente a quel primo aggettivo che sa di elevata entropia.
    :-)
    (e dire che mi sarebbe piaciuto essere breve, almeno questa volta!)
    'notte

    RispondiElimina
  38. Monica tranquilla, metto una pietra sopra solo in casi estremi!

    RispondiElimina
  39. Cristiana2011 anche perché ci sono persone che ripetono le stesse notizie e ti sembra a volte di leggere e rileggere lo stesso blog.

    RispondiElimina
  40. Carolina il fatto è che i blog di moda dopo un po' stancano. Io a volte vorrei scrivere a chi si fotografa... ma come c---- vai in giro vestita?
    Ma per educazione non lo si fa e ci si annoia.
    Certo l'egocentrismo è sempre in agguato.

    RispondiElimina
  41. Grace io per fortuna ho trovato delle belle amicizie al di là del blog e grazie a questo. Però sai a volte se uno fa una domanda, come in questo post, significa che un'interazione la cerca. E come vedi, commentano sempre le persone con maggiori contenuti.
    Questo è un bel complimento per i lettori di questo blog.

    RispondiElimina
  42. Bblogger qui ci sono in buona parte le stesse persone che ci accompagnano nella vita.
    Aprire un blog significa aprire una vetrina su di te e le tue idee anche se non si tratta di uno spazio personale in senso stretto.
    Forse è un mio difetto quello di voler in qualche modo creare un rapporto con gli altri.

    RispondiElimina
  43. Pupottina sei stata chiara. Io mi sono posta la domanda più per altri blogger che per me, visto che la mia schiera di lettori non è così numerosa come nel tuo caso, per esempio.
    Si tratta di un sistema strano e affascinante che merita un approfondimento.

    RispondiElimina
  44. Adriana e Darjo io trovo che un semplice saluto sia comunque un pensiero gentile, anche se uno non aggiunge altre parole.

    RispondiElimina
  45. Millesentieri io ho apprezzato molto tutti i commenti, l'ho trovato uno scambio intelligente e di spessore. Quelli che piacciono tanto a noi!
    I motivi che spingono le persone a fare o non fare qualcosa sono un mistero e di certo l'egocentrismo. il protagonismo, ecc. rendono spesso superficiali. Superati i 30 si spera si torni con i piedi per terra e con maggiore profondità.

    RispondiElimina
  46. Si, Kilie hai ragione, capita anche a me, e su di un post scritto con "il cuore" nessuno ha commentato.. e i dati confermano che negli ultimi tempi questo post è stato letto almeno 80 volte:
    http://ironicacinicaosognatrice.blogspot.com/2008/04/stop-jump.html

    Ciao a prestooo!!

    RispondiElimina
  47. Hai ragione... sono poco presente e mene scuso... avendo iniziato da poco il lavoro ho lascito indietro tutto...anche il mio blog =) besitos

    RispondiElimina
  48. abbastanza interessante
    carlo

    RispondiElimina
  49. abbastanza interessante
    carlo

    RispondiElimina