venerdì 12 agosto 2011

La solitudine è una gran compagnia



Il linguaggio parlato è per sua natura sciatto e impreciso. Non dà tempo di riflettere, di usar le parole con eleganza e raziocinio, induce a giudizi avventati e non fa compagnia perché richiede la presenza di altri.
Il linguaggio scritto, al contrario, dà tempo di riflettere e di scegliere le parole. Facilita l’esercizio della logica, costringe a giudizi ponderati, e fa compagnia perché lo si esercita in solitudine.
Specialmente quando si scrive, la solitudine è una gran compagnia.
Oriana Fallaci


In solitudine le parole scorrono veloci, i pensieri si organizzano e si fanno più profondi. Si perde ogni pudore, ogni ritrosia e ci si trova a confrontarsi con se stessi in modo aperto, chiaro e vero.
Scrivere in solitudine non può che essere un piacere.


11 commenti:

  1. Bellissima citazione... non la conoscevo prima, grazie per averla postata!

    RispondiElimina
  2. è vero ed è bello stare in buona compagnia anche da soli. Baci

    RispondiElimina
  3. e quando si ha paura che anche la solitudine ci abbandoni, che è grave.

    felice giornata, cara...

    RispondiElimina
  4. Questo argomento mi ricorda molto una poesia che scrissi qualche tempo fa.. è anche sul mio Blog.. s'intitola "se la mia penna fosse la mia bocca".
    "Se la penna fosse la mia bocca sarebbe una musica che aleggia nell’aria
    E non monosillabi insicuri e goffi..non suoni senza senso dettati
    Dall’ insicurezza." Questa è una frase che secondo me è molto appropriata.
    è vero.. quando si scrive la mente è più calma e le emozioni sono vivide ma più calme e hai tutto il tempo che ti serve per coglierle e descriverle al meglio.
    Bella citazione!
    A presto..Sibilla

    RispondiElimina
  5. Molte volte per riuscire a meditare e meglio stare da soli.Salutoni a presto

    RispondiElimina
  6. Verissima citazione quella della Fallaci, peccato che negli ultimi anni della sua vita non abbia molto riflettuto e scritto cose non molto piacevoli a leggersi...Bacioooo cara e un buon ferragosto!

    RispondiElimina
  7. Fatte salve le giuste osservazioni del commento precedente (di Farfallalegger@), credo che non possano giungerti che approvazioni, almeno dai residui ostinati frequentatori della blogosfera, che preferiscono ancora la parola meditata rispetto a quella frettolosa dei social network.
    Chi esercita quotidianamente l'uso della parola scritta avverte con molta evidenza la mancanza di spessore che quasi sempre ha quella parlata (o anche ...'chattata').
    E avverte anche come spesso fastidiose tutte le interferenze non verbali che si sovrappongono, alla comunicazione parlata.
    Naturalmente non in modo totalizzante, che altrimenti si finirebbe per chiudersi in un comodo guscio...

    Un saluto da un nuovo visitatore.

    RispondiElimina
  8. La solitudine non mi pesa, fermo restando che senza alcuni amori miei non potrei vivere.
    Cristiana

    RispondiElimina
  9. pienamente d'accordo


    ^_________^

    RispondiElimina
  10. è proprio bello il tuo blog! :)

    RispondiElimina