venerdì 16 settembre 2011

Che tristezza!



Mi limito a postare questo pensiero di Cicerone, ognuno di noi tragga le proprie conclusioni sulla base della realtà di oggi e del futuro che ci aspetta:

Nelle tasse è la forza dello stato.




Foto: scorcio di Mantova, bella città vista di passaggio ieri


18 commenti:

  1. Con tutto il rispetto per Cicerone (che da latinista considero il modello per eccellenza riguardo allo stile), ricordo che non fece una gran fine. Fu assassinato e la testa le sue mani (o forse solo la destra) vennero esposti.
    Tasse su tasse... non so fino a quando questa calma resterà apparente, il subbuglio sta aumentando giorno dopo giorno...

    Cara Kylie, ti auguro buona domenica!
    A presto, baci :)

    RispondiElimina
  2. Quello che sta venendo meno è il patto.
    "dare per ricevere"
    Le caste esistono realmente ma solo le vacche grasse ne giustificano l'esistenza.
    Il rischio di uno scossone, quando non di un crollo è tangibile ed elevato.
    Purtroppo spesso bisogna distruggere per ricostruire.
    Speriamo bene.
    Buona domenica Kylie.

    RispondiElimina
  3. Il problema è la credibilità dello Stato

    RispondiElimina
  4. credo che, purtroppo, siamo ad un passo dal baratro

    RispondiElimina
  5. Ci vogliono più tasse per chi ha grandi redditi e grosse proprietà, e meno per chi fatica ad arrivare a fine mese. La cosiddetta progressività delle imposte. Cosa che dagli anni '80 non si fa più, tagliando i servizi sociali e impoverendo lo Stato, che è quindi più debole e continua in questa logica perversa, le cui conseguenze negative conosciamo ogni giorno sempre di più ...

    RispondiElimina
  6. Non sono di quelli che considerano le tasse una iattura: le tasse servono per poter erogare servizi pubblici. Ma non certo per ripianare il debito pubblico.
    Il nostro governo si guarda bene dal tassare i grandi patrimoni e far pagare le tasse ad imprenditori ed industriali. Del resto, pare che sia andato al potere previo accordo con i medesimi e con gli evasori fiscali (che sovente coincidono)...

    RispondiElimina
  7. Amerei pensare servizi e vivibilità sociale migliori, amerei partecipare come tutti in base alla propria capacità contribuitiva e non in base alla propria furbizia.
    Buona domenica Kylie
    un bacio
    Maurizio

    RispondiElimina
  8. se le pagassero tutti e in proporzione a quello che guadagnano si può essere d'accordo

    RispondiElimina
  9. "O Mantoano, io son Sordello de la tua terra!"; e l'un l'altro abbracciava.
    Purgatorio, canto VI.
    E di seguito Dante, parlando dell'Italia:
    "Che val perché ti racconciasse il freno
    Iustiniano, se la sella è vòta?"
    Cioè, a che è servito che Giustiniano ordinasse le leggi, se poi manca chi le faccia rispettare?

    Ecco, uno stato che non contrasta l'evasione fiscale non può che essere debole.
    Ideale l'accostamento Cicerone-Mantova! :)

    RispondiElimina
  10. lanciala e vedrai che tornerai!

    RispondiElimina
  11. Noooooooo!!!!
    Anche Cicerone era Komunista????
    ... chi lo avrebbe mai detto :-D :-D


    Buona domenica Kylie ;-)

    RispondiElimina
  12. Concordo con nonno enio...
    Baci

    RispondiElimina
  13. Cara Kylie, la forza dello stato siamo noi, poveri contribuenti a forza...
    Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
  14. Parole sante quelle di 'nonno Enio'.
    é esattamente così che dovrebbe funzionare, perchè lo Stato siamo noi.
    Cristiana

    RispondiElimina
  15. ahi!!! non c'erano frasi più rasserenanti per augurarmi il bentornata?
    sì, eccomi di ritorno dalle vacanze...
    purtroppo anche per quest'anno sono trascorse e finite troppo presto ...
    buon inizio settimana

    RispondiElimina
  16. In uno Stato dove 4 o 5 regioni mantengono in vita le altre 15 o 16 direi che il "patto fondante - dare per ricevere" è necessariamente impossibile, visto che chi da e chi riceve sono persone differenti.

    E la storia della "casta" è una balla colossale che è stata introdotta per non dire la verità di cui sopra.

    RispondiElimina