martedì 13 settembre 2011

La battaglia delle immondizie


Da qualche settimana nella mia zona è partita una specie di battaglia delle immondizie. La Società che svolge il servizio ha diramato avvisi e avvertimenti ovunque affinché le "scovazze" siano adeguatamente e correttamente differenziate. In caso di errato inserimento nei cassonetti condominiali e bidoni familiari, scatterà dapprima una diffida e successivamente una multa.
Il mio condominio, seppur in centro, si trova nella stessa strada di due attività artigianali, stranamente prive di bidoni. Più volte l'amministratore ha segnalato a chi di dovere, il conferimento di materiale non appartenente al condominio, ma non c'è stata alcuna risposta.
Adesso per non incorrere in sanzioni l'amministratore ha deciso di munire i nostri cassonetti condominiali di un lucchetto, che a turno uno del condominio dovrà aprire al momento della raccolta periodica.
Si potrebbe già prevedere una guerra di condomini sulla scelta di chi dovrà espletare questa incombenza!
Uno è impegnato, una famiglia abita a Hong Kong, uno ha uno studio professionale, chi resta?
Io e un altro. Ecco decisi i turni. Semplice no?
Comunque posso affermare che adesso le mie immondizie sono protette!
Nessuno me le può contaminare! Ma in fondo io nel riciclo ci credo pure ed è giusto fare tutto quello che è necessario per salvaguardare l'ambiente.
Servirà tutto questo?


E da voi com'è la situazione?


29 commenti:

  1. Ciao Kylie. Qui differenziata porta a porta e cassonetti condominiali con serratura incorporata. Una nutrita presenza straniera e sudista (8000 su 27000) vanifica gli sforzi di avere una città almeno decente.
    Camion grossi come palazzi in giro dalla notte a tutto il giorno con risultati scarsi. Gasolio che vola come se piovesse. Tariffe oscene.
    Io resto a favore del caro e vecchio inceneritore. Tutto insieme, magari esclusi umido ed ovviamente vetro, farmaci e pile e vai di corrente low cost.

    RispondiElimina
  2. Io credo che si debba differenziare
    almeno l'organico, la plastica, il vetro, i metalli e la carta.
    Certo mi piacerebbe sapere come vengono poi smaltiti....

    RispondiElimina
  3. Buongiorno! Senti, noi abbiamo la certificazione Emas e quel premio detto Comune Riciclone. Ma confesso di non capire come mai, d'estate con l'arrivo dei turisti nell'umido di troviamo perfino le spiaggine. E il resto puoi immaginarlo!

    RispondiElimina
  4. non bene neanche da me...
    non siamo con il lucchetto ma ci rendiamo conto che ad orari strani arrivano auto a scaricarvi dentro qualcosa... inoltre non tutta la città ha i cassonetti... più di metà ha i bidoni familiari differenziati e paga a peso le tasse così come ha rifiuti che o consuma il giorno prima della raccolta determinati rifiuti o se li tiene in casa per tutto il tempo cosicché le pescherie funzionano soltanto in determinati giorni poiché tenere gli avanzi del pesce in casa non è gradevole ... io sono nella piccola parte della città fortunata cioè consumo quando voglio e chiudo un occhio se qualcuno viene a scaricare da me la sua spazzatura, ma soltanto perché non sono nella zona in cui si paga a peso... O_O dovevamo essere tutti uguali ma da 4 anni a questa parte hanno smesso di assegnare i bidoni familiari...
    la spazzatura va male quasi ovunque... noi differenziamo ma poi mettono tutto sullo stesso camion dei rifiuti ... non crediamo che differenzino dopo... la cosa è stata segnalata varie volte e messa a tacere varie volte... dappertutto fanno come vogliono .. soltanto le tasse non si abbassano

    RispondiElimina
  5. salut si on ne recycle pas dans 10ans on confondra nouritture et dechets

    RispondiElimina
  6. tutto il mondo è paese, da noi si fa la differenziata porta a porta, quindi i bidoni condominiali li teniamo all'interno del palazzo (ovviamente nella parte della giornata nella quale non c'è la raccolta) e per ora abbiamo affidato al buon senso (d'altra parte siamo solo in 7 nel palazzo) l'uscita del carrellato, ovvero il primo che scende lo porta fuori... eppure episodi di furbettitudine se ne sono già ripetuti... ripeto tutto il mondo è paese!

    RispondiElimina
  7. Abito in una piccola frazione e, tutto sommato - a parte un paio di incivili cronici - qui si ricicla l'umido nella terra, i vecchi bruciano da sempre parecchia roba nella stufa e almeno vetro, lattine, plastica, pile, medicinali e carta la buttiamo nei contenitori del riciclo. Non abbiamo lucchetti ma, spero, almeno la chiave per continuare a usare il buon senso. Poi non so se la raccolta e la destinazione godano della stessa accortezza, ma credo che già l'impegno del singolo, a monte, almeno dove è possibile, dimezzi drasticamente il peso della spazzatura.
    Baci e sacchetti ecologici

    RispondiElimina
  8. da noi la differenziata sembra funzionare, ma secondo me manca una certificazione di processo completa

    RispondiElimina
  9. dal punto di vista di noi cittadini sembra andare abbastanza bene la raccolta, almeno credo.

    RispondiElimina
  10. A Milano la raccolta differenziata procede abbastanza bene anche se capitano casi di inciviltà e menefreghismo. I controlli sono efficienti da parte della Nettezza Urbana.

    RispondiElimina
  11. Nel mio quartiere, per fortuna, le cose funzionano, ma spesso vedo macchine fermarsi e buttar via quintali di cose. Un giorno ho cercato di capire e mi sono avvicinata al tipo chiedendogli perchè non buttasse quegli scatoloni nel suo cassone. Mi ha mandata a quel paese, questa è stata la risposta.

    Bacioni Kylie :)

    RispondiElimina
  12. Roma è grande. Nel mio quartiere, abitato prevalentemente da studenti, proviamo a fare una buona differenziata. Ma è sempre troppo poco, visto che poi altre aree restano preda della confusione più totale. Purtroppo.

    RispondiElimina
  13. sono convinto che per un pò ci sarà da divertirsi. Da noi c'erano sacchetti ad ogni angolo di strada nei primi tempi della differenziata. Poi ci si abitua, anche perchè 50 euro di multa al condominio per ogni sacchetto non differenziato sulle spese condominiali incide parecchio

    RispondiElimina
  14. Io sono una sostenitrice accanita della differenziata, meglio se porta a porta.
    Nella mia piccola cittadina si pratica la differenziata porta a porta da un anno quasi e devo dire che sembra essere rispettata molto.
    Nella mia città universitaria invece ancora non è prevista la porta a porta, ma io differenzio tutto ugualmente! :-)

    RispondiElimina
  15. Credo partirà quella porta a porta da ottobre..non seguo molto da vicino, in realtà.
    Ma conoscendo...ecco...avrò da scrivere pure io tra un mesetto!

    RispondiElimina
  16. Nel mio paese, cassonetti ad ogni angolo e isola ecologica funzionante tutta la settimana. Saluti a presto.

    RispondiElimina
  17. noi ci siamo già passati a maggio/giugno con gli sciopero.

    Qui da qualche anno abbiamo il porta a porta...

    RispondiElimina
  18. giù a lecce la differenziazione è ben organizzata....dove mi trovo ora nic nic.... mentre dove vivevo prima, nella precedente città in centro a roma era un disastro... perchè avevano pensato di fare delle isole ecologiche in diverse ore e diverse zone del quartire.... e quindi bisognava andre alle 10 in via tot per l'umido, alle 11 all'angolo tot per la carte.... etc... ma siccome la maggior parte della gente lavora tutto vveniva abbandonato nelle zone dove prima c'erano i cassonetti dell'immondizia

    RispondiElimina
  19. In Africa dalle mie parti di battaglia non parliamo ma è gia un miracolo che passa il compattatore di solito qualcuno li conferisce nel contenitore unico ancora dalla finestra del 7 piano per risparmiare il lucchetto...
    non si sa mai possa essere usato..altrove

    Ciao

    RispondiElimina
  20. Da me la differenziata funziona abbastanza, ma a volte mi viene il dubbio che al centro ecologico poi buttino tutto insieme :-/

    RispondiElimina
  21. Ciao! Io faccio la differenziata ormai da anni. Nella mia via ci sono i cassonetti appositi, ma in altre no. nonostante tante domande al comune ancora non si risolve il problema.
    Inoltre sentire persone che dicono che tanto è inutile farla perché la maggior parte non la fa mi fa venire i brividi e la mia pazienza vacilla. E' un ragionamento troppo comodo!
    Possibile che l'italiano medio sia così "infantile"?

    RispondiElimina
  22. io vivo in un mondo a parte...qui le cose funzionano eccome...dividiamo il vetro dalla carta la plastica l'umido e il resto tutto insieme...però vedo anche la realtà di giù...non c'è proprio paragone...vivendo un po' lì un po qui...in fondo basta veramente poco...

    RispondiElimina
  23. immondizie sotto chiave...

    i bot venduti ai cinesi...

    non so dimmi tu...

    RispondiElimina
  24. Qui da me ci sonoi diversi cassonetti per la raccolta differenziata, la cosa più difficile è che però spesso non si capisce cosa ci si deve buttare, pare che se vuoi buttare un contenitore di metallo o di plastica che conteneva cibo dovresti prima lavarlo...
    Addirittura lavare l'immondizia, no!
    e così alla fine la maggior parte delle cose non vengono riciclate... mah!
    Un bacio!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.com

    RispondiElimina
  25. Bisognerebbe lavorare anche a monte, questo dovrebbe essere l'impegno di ognuno di noi. E dar nuova vita a cose vecchie. Da noi c'è la differenziata, ma la gente non la fa perché non ci crede e poi perché siamo etnicamente primitivi.

    RispondiElimina
  26. Bel dalle mie parti devo dire che sta scorrendo piuttosto bene per fortuna!!! chiaramente l'inizio è stato alquanto di rodaggio, soprattutto pensando che noi abbiamo cassonetti condiminiali (15 famiglie) e sotto di noi ci sono due negozi che sfruttano gli stessi cassonetti!!!
    Ma ancora siamo lontani dal differenziare correttamente... speriamo in bene!!! ;)

    RispondiElimina
  27. Da noi la situazione è che non abbiamo ancora l'obbligo della differenziata (se non per carta, vetro-lattine, plastica) e che abbiamo i cassonetti pieni zeppi delle scovazze degli abitanti dei paesi vicini che invece già la fanno. Questa è l'Italia... :-/

    RispondiElimina