martedì 20 settembre 2011

Quando fare shopping diventa una guerra...


Le cerimonie rappresentano sempre una buona occasione per acquistare nuovi abiti ed io di solito non faccio eccezione. Questa volta però ho pensato bene di rovistare nell'armadio e di riciclare vestiti già indossati in occasioni speciali.
Individuato uno svolazzante abito blu con corpetto con ricami di colore rosa antico ho pensato bene di andare alla ricerca di "qualcosa" per coprire le spalle.
Giunta con la fedele compagna di shopping (mia mamma) in un grande negozio ero quasi sul punto di arrendermi quando, insieme a due giovani fanciulle, mi sono ritrovata incastrata in un angolo in attesa del passaggio di una commessa carica di stand pieni di capi estivi destinati al magazzino. Le due ragazze con un gesto fulmineo si sono lanciate su un bel vestitino colorato mentre la commessa, con sguardo truce, cercava di allontanarglielo. Approfittando del parapiglia ho raggiunto di corsa il primo stand dove, con la coda dell'occhio, avevo visto una giacca blu con il collo a voulant che avrebbe potuto fare al caso mio.
La commessa, visto che la cosa le stava sfuggendo letteralmente di mano, ci ha specificato che si trattava di merce in saldo ormai sottratta alla vendita e destinata al magazzino (dove, dopo mesi e mesi di triste abbandono, me l'avrebbe sicuramente riproposta in primavera).
Le ho detto "voglio solo provarla..." e al volo ho afferrato la giacca e mi sono allontanata. In pochissimi secondi ho recuperato mia mamma, provato la giacca, raggiunto la cassa e pagato la bellezza di 35 euro per un capo made in italy, ben fatto e d'effetto.
Stessa scena e stessa fuga per le due ragazze con il vestitino.
Alla fine la guerra con la commessa l'abbiamo vinta noi!

Ma sarà normale che qualcuno invece di approfittare di una vendita cerchi di impedircela?




63 commenti:

  1. cioè qua ci vuole una specialità da disciplina olimpica!

    RispondiElimina
  2. Sara praticamente sì! In fondo ero pure intenzionata a comprare, sembrava che stessi rubando qualcosa invece!

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  3. Momenti carichi di tensione che in caso di eventuali capi contesi avrebbero potuto generare dispute furibonde...l'importante è aver portato a casa il risultato ;-)

    RispondiElimina
  4. Brava Kylie! Sei stata grande! Senza offesa per le commesse, ma qualcuna è proprio antipatica. Secondo me nel curriculum richiedono di essere un po' *******!!!
    Sarai bellissima con quel vestito!
    Baci

    RispondiElimina
  5. magari la commessa apre il negozio alle 8 e lo chiude alle 20 guadagnando 600€ al mese al nero o al massimo come co co pro...
    con queste premesse quanto pensi gli possa fregare di una giacca in più o una in meno?

    RispondiElimina
  6. Ma non sapevi che per poter diventare commesse bisogna seguire un difficilissimo corso di Antipatia?
    Baci e caramelle al profumo di purga (x quella signorina così gentile)

    RispondiElimina
  7. complimenti!! bella mossa, ciao

    RispondiElimina
  8. Per fare sssìììoppin..occore essere agili e scattanti hahah!
    Baci

    RispondiElimina
  9. ah ah ah ah ah, queste sono scene per cui vale la pena vivere

    RispondiElimina
  10. operazione "attacco al vestito" prima che faccia ritorno in magazzino per un anno... ben fatto!

    RispondiElimina
  11. ahahahahhaah incredibile!!! :D certo che cercano di impedirtelo, l'anno prossimo li ributtano fuori sicuramente!!
    (se ti interessa e hai tempo, ho aperto un altro blog) ;)

    RispondiElimina
  12. Ce n'è di gente ottusa. Siccome era merce destinata al magazzino, secondo la tipa non si poteva più vendere? Per fortuna che alla cassa erano più elastici... Non hai speso nemmeno molto, per un bel capo!
    Oh, dopo vogliamo vedere le foto di te col completino più o meno nuovo!

    RispondiElimina
  13. Ben fatto! ma non è che le voleva lei quelle cose?

    RispondiElimina
  14. Ho sempre sperato/sognato di fare la fila da qualche parte e di dire a qualche furbetto che non la rispetta "Cazzo spostati!" Sarebbe il top!!

    RispondiElimina
  15. il mondo dello shopping è davvero caotico... per fortuna che il cliente ha sempre ragione! :P

    RispondiElimina
  16. e che preferiva, una cliente che le faceva smontare il negozio senza poi comprare nulla??? Mah...

    RispondiElimina
  17. come ti capisco, io di shopping ne faccio poco, ma quando capita ne torno a casa snervata come non mai. Aggiungerei alla tua domanda:è normale esportare il made in italy all'estero mentre qui da noi si vende quasi solo la roba dei cinesi? la commessa porella secondo me non ha colpa, è che ricevono disposizioni dall'altissimo, spesso inspiegabili, magari quella era merce destinata a diventare stock...chi lo sa, comunque hai fatto benissimo ad arraffare il tuo capo un saluto :)

    RispondiElimina
  18. Semplicemente brava. Sia tu, sia la commessa che anche secondo me comunque agiva secondo ordini già impartiti..
    E' bello fare shopping...provare...volteggiare nell'omertà del camerino...però io ho scoperto quello online! E non lo mollo più!!

    RispondiElimina
  19. Brava a riciclare il vecchio abito, di questi tempi è davvero ok!

    RispondiElimina
  20. Credo di aver involontariamente cambiato l'interfaccia nel mio blog ed ora non riesco a vedere più la bacheca con gli ultimi post dei miei blog preferiti. Che faccio?
    Consiglio tecnici su www.tittig.blogspot.com

    RispondiElimina
  21. Quado si dice la fortuna di trovare qualcosa di bello...
    buon giovedi Kylie, bacio
    Maurizio

    RispondiElimina
  22. Mark il risultato è ora nel mio armadio!

    Bacio

    RispondiElimina
  23. Dona Flor di solito non sono sfortunata con le commesse, questa volta mi è andata male...

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  24. gds75 dovrebbe interessarle il fatto che se non vende merce il negozio lei rischia di rimanere senza lavoro. E vista la realtà delle cose direi che è una preoccupazione di tutti.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  25. Chiara forse era solo stanca o annoiata dal fatto che nel negozio ci fossero più commesse che clienti... e quei pochi pretendevano addirittura di comprare!
    Che robe.

    Baci

    RispondiElimina
  26. Aliza grazie! Anche se non ho più lo sprint per fare certe cose...

    Bacio

    RispondiElimina
  27. Grace chi l'avrebbe mai detto?

    Un bacione

    RispondiElimina
  28. Darjo ho messo fretta persino a mia mamma! Una bella ginnastica dai.

    Un bacio

    RispondiElimina
  29. @enio l'operazione è riuscita per fortuna!

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  30. Lucia magari la riproponevano a prezzo pieno! Etichetta più, etichetta meno...
    Verrò a trovarti nel nuovo blog.

    Bacio

    RispondiElimina
  31. Ibadeth niente foto per carità! Non vorrei essere copiata nel mio stile troppo personale cui sono molto affezionata... Ha ha ha!

    Un bacione

    RispondiElimina
  32. Secondo binario a questo non ci avevo pensato...

    Baci

    RispondiElimina
  33. Primavera63 ci vogliono anche questi momenti di follia!

    Un abbraccio forte cara

    RispondiElimina
  34. Dado a me è capitato di recente con un tizio. Ero in attesa da un bel pezzo e questo arriva e si mette a parlare con il padre davanti a me. Arriva teoricamente il mio turno e questo si gira e mi dice "sarei tentato di passarle davanti visto che ormai sono qui". Siccome non si toglieva dai piedi gli ho detto "un altro giorno forse mi avrebbe fatto pena, ma oggi se non rispetta il suo turno rischia la vita". Sarà stato il tono pacato da psicopatica o lo sguardo penetrante da miope, ma il tizio si è spostato subito.

    Un bacione

    RispondiElimina
  35. Giulia sì di solito è così. Ma io non sono una che rompe nei negozi, se mi avesse impedito davvero l'acquisto me ne sarei fatta una ragione. Punto.

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  36. TuristadiMestiere non c'era praticamente nessuno in negozio ed è pure molto grande ed è una marca conosciutissima. Evidentemente era solo svogliata e noi le impedivamo di concludere un compito.

    Baci

    RispondiElimina
  37. Hob03 non mi toccare il tasto "roba cinese" perché divento una iena. Mi urta il sistema nervoso sta roba. Da noi si chiudono le fabbriche per vendere merce importata di fattura e qualità indegne.
    Io sono un segugio in proposito, guardo tutte le etichette e se c'è scritto "made in china" anche se il pezzo mi piace lo lascio là. Idem con le scarpe.

    Un bacione

    RispondiElimina
  38. Irony non posso acquistare on line perché devo vedere le etichette e da dove arriva ogni pezzo. Sono maniaca del made in italy e non accetto deroghe.

    Bacio

    RispondiElimina
  39. Titti Greco gli abiti da cerimonia rischiano di rimanere inutilizzati per anni nell'armadio. Meglio riciclarli per più occasioni.

    Per i consigli tecnici hai sbagliato persona, non sono granché in materia.

    Bacio

    RispondiElimina
  40. Maurizio ogni tanto un colpo di fortuna anche per me dai.

    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  41. La fortuna aiuta gli audaci...
    Gio'
    http://remenberphoto.blogspot.com/

    RispondiElimina
  42. Buongiorno Kylie.
    Proprio non avrei voluto trovarmi in mezzo, tra lo stand e le arraffatrici di vestiti (o forse sì?).

    RispondiElimina
  43. Forse ci aveva fatto un pensiero lei. Salutoni a presto.

    RispondiElimina
  44. Eh sì, il prossimo anno avrebbero incassato di più...

    RispondiElimina
  45. io con lo shopping ho un pessimo rapporto. non ne sono proprio "capace". odio stare in mezzo a tutta quella gente che trova indispensabile la scarpa al'ultima moda, il vestito più scik e chissà che altro oggetto estremamente inutile. compro solo quando è necessario, e solo per necessità.
    suerte

    RispondiElimina
  46. "alla gurra come alla guerra" e vinca sempre il migliore!

    RispondiElimina
  47. ahahahhah! A mio parere queste avventure rendono lo shopping ancora più divertente!!!
    E poi vuoi mettere la soddisfazione alla fine?
    Grande Kylie!!!^^
    Baci!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.com/

    RispondiElimina
  48. Troppo forte 'sto racconto!
    Sei unica Kylie!!

    RispondiElimina
  49. Bravissima! :) Sempre puntare dritto all'obbiettivo :)

    RispondiElimina
  50. Dual in questo caso forse sì.

    Bacio

    RispondiElimina
  51. wikiaquila forse ti saresti divertito! Al massimo rischiavi qualche palpatina...

    Baci

    RispondiElimina
  52. Cavaliere non credo, ce n'erano altre di giacche simili. Chissà qual era il motivo di tanta ostinazione...

    Un bacione

    RispondiElimina
  53. Gianna è probabile. Siccome del futuro non vi è certezza, è meglio approfittare del presente e tenersi il lavoro!

    Bacio

    RispondiElimina
  54. Anam io compro quello che mi piace e fortunatamente in saldo o all'outlet. Vicino a me ce ne sono tanti e di tutte le marche.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  55. @enio almeno ci siamo divertite, pure mia mamma che si è trovata a fare la corsa contro il tempo!

    Un bacione

    RispondiElimina
  56. S. s me sembrava quasi impensabile dover arrivare a questo punto, ma non ho avuto scelta!

    Un abbraccio cara

    RispondiElimina
  57. Angelo azzurro grazie cara, purtroppo è tutto vero... Cosa ci tocca fare per essere eleganti!

    Un bacio

    RispondiElimina
  58. Vittoria A. questa volta ce l'ho fatta. Spero di non dover ripetere l'esperienza...

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  59. mah, mai visto commesse cosi... e si che io posso parlare per esperienza eh! ne ho viste di cotte e di crude. hai fatto bene, fare un affarone tira sempre su il morale tra l'altro.

    RispondiElimina
  60. Monica io sono soddisfatta del mio acquisto, anche se ho dovuto penare per ottenere quel pezzo!

    Baci e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  61. allucinanbte!!!
    però, credo prevedesse di vendervi quei capi a prezzo pieno la prossima primavera... eppure mi sembra di sapere che anche le scorte in magazzino risultano tassate.... boh! sarà impazzita la commessa ...
    a volte entrando in un negozio è anche difficile trovare qualcosa che ci piace davvero e che non assomigli in tutto e per tutto a qualcosa che già abbiamo...

    RispondiElimina
  62. Mah, secondo me è proprio il fatto di poterlo riciclare il prossimo anno!

    RispondiElimina