giovedì 20 ottobre 2011

Giustificazioni


Ho triturato i cabasisi al mio collega d'ufficio per un quarto d'ora ieri per aver scritto in una trascrizione "sì" senza l'accento per almeno una decina di volte.

L'ho pure interrogato:
Come si scrive "va"? Senza accento...
Senza accento, giusto.

E se scrivo "Mi dà un lavoro" metto l'accento su dà o no?
... Hmmm...
Come hmmm! Sì! Va l'accento, è il verbo qui che è diverso dalla preposizione semplice.

Subito dopo leggo un contratto e mi esce un grido disumano! Ma chi ti ha detto che su "sta" va l'accento?

Risposta conclusiva: Ma che vuoi da me? Ho fatto l'Itis!


32 commenti:

  1. Fantastico! Ricordo mio figlio più grande, in prima superiore, quando scrisse: L'amonarchia...
    Sapevo che simpatizzava per Totti, ma leggerne la dimostrazione è stato scioccante.
    Baci con l'accento

    RispondiElimina
  2. Credo che il problema delle basi sia alle elementari, in seguito è più difficile rimediare.

    RispondiElimina
  3. Io metto gli accènti a' casò per non sbagliàre! ;-)

    RispondiElimina
  4. Sono perfettamente d'accordo con Sara.

    RispondiElimina
  5. Si, solo alle scuole elentari impari certe regolette o meglio imparavi...
    Ora con i nuovi programmi se non è l'insegnante accorta impari cavoli!
    Io imsegno eppure anche io ho una lacuna: La punteggiatura. Se correggo gli altri sono capace, per me vado a ruota libera.
    Conosco laureati in materie davvero ostiche e particolari che non sanno scrivere in una forma corretta decente. Se hai fatto male le scuole elementari recuperare determinate cose è arduo.

    RispondiElimina
  6. Pardon è la tasiera: Elementari*, anzi oggi si dice: Scuola primaria.

    RispondiElimina
  7. Ma in "che vuoi da me", su da ci va l'accento?

    RispondiElimina
  8. Mà sì, sì sà, l'accento và quà e là.
    Sé con ci stà che cosa fà? Sé vuoi saperne di più, me là cavo meglio sé stò sù, ché quando invece son giù l'accento và su per giù. Sé poi non manca mai ... sarà perché più ce n'é e meglio è?
    :-)
    Un po' per riderci su... Io sono di quelli che mettono l'accento di malavoglia

    RispondiElimina
  9. Nelle, allora così dette, elementari non c'era la mensa, avevamo un calamaio in due ogni banco, e anche la carta da masticare e tirare ai compagni era scarsa...
    Ma la punteggiatura, e gli accenti, erano abbondanti: il grave, l'acuto, e il circonflesso ogni tanto, potevano costare un voto.
    E, sempre allora, le insegnanti menavano pure, senza timore di denunce, pur di convincere a scrivere come dicevano loro.
    Sono passati secoli, ma qualcosa è rimasto.

    RispondiElimina
  10. all'ITIS si studiava l'italiano che c'entra? è un giustificazione stupida io darei un bel DUE

    RispondiElimina
  11. Ci sono errori che sono sedimentati.. io perdo le staffe quando leggo un po' scritto con l'accento: un pò. E nonostante le correzioni..continuano!!!
    Mi dispiace dirlo, perchè mi sembra di scaricare sugli altri, ma è la scuola primaria che deve far sì che questi errori siano subito corretti alla loro prima comparsa. Poi i ragazzi sono meno ricettivi, diventa un automatismo scrivere in quel modo.
    Ciao cara Kylie, un bacione!

    RispondiElimina
  12. ITIS? Che giustificazione è?

    La grammatica è universale!

    RispondiElimina
  13. Io ho imparato l'italiano dall'età di 21 anni (infatti faccio ancora degli errori da straniera), ma l'accento su "sì" mi sembra scontato!

    RispondiElimina
  14. risposta esatta...non ti dico mio marito che è un po' fissato con l'italiano. Adesso tu dirai che Eraclea è un paese a parte, nello stradario distribuito dai vigili (e forse anche da loro compilato) c'erano le vie in ordine alfabetico:

    via Garibaldi Giuseppe
    " Manzoni Alessandro
    " Veneto Vittorio

    non è uno scherzo...è vero. Baci

    RispondiElimina
  15. Si legge molto di peggio in giro ultimamente...

    RispondiElimina
  16. ciao Kylie... stress grammatico a parte... non si può pretendere troppo dagli altri... se le cose non sono state correttamente insegnate non è colpa loro... no? e con le ore sempre più ridotte nelle scuole per le materie importanti e fondamentali andremo di male in peggio....
    a me molti errori furono corretti alle superiori... perché alle elementari forse la mia maestra non era molto ferrata con la lingua... per me fu un trauma scoprire che la mia adorata maestra aveva avuto delle pecche.... era così severa, ricordo ancora le sue urla, sicuramente non sopportava nemmeno i bambini, ma non faceva distinzione tra gli accenti né tra troncamento ed elisione...
    adesso le future maestre saranno laureate... forse si potrà sperare in un miglioramento grammaticale... ma con le varie riforme della scuola in atto non so se sarà solo auspicabile o effettivamente ipotizzabile
    buon giovedì ^____^

    RispondiElimina
  17. anche io sbaglio qualche cosina ogni tanto ma di rado e più per distrazione che altro.. alcune persone che studiano con me invece parlano sempre in dialetto e scrivono anche così! Un ragazzo ha scritto il nome "Fabio" di un altro con 2 B perchè dalle sue parti si pronuncia così (fabbio)! questo è più grave di un accento o un apostrofo per me! O_O

    RispondiElimina
  18. io ho avuto insegnanti disastrose soprattutto alle medie; la prof di italiano parlava un dialetto per noi incomprensibile, così come quello di inglese. L'inglese l'ho imparato bene perché era l'unico modo per capire il prof, ma con la grammatica ho dovuto faticare alle superiori, ed ho ancora qualche lacuna.

    RispondiElimina
  19. Abbiamo tutti un blues da piangere...
    Il mio affetto
    Maurizio

    RispondiElimina
  20. ma la grammatica non è facoltativa :P

    RispondiElimina
  21. Si leggono anche aberrazioni del tipo "oggi non ce nessuno" "gli ho già presi" e molto altro!

    RispondiElimina
  22. ma se ti stupisci per gli accenti... che cosa fai di fronte agli strafalcioni dei ragazzini che, abituati a scrivere con il T9, non sanno neanche che PERCHE' si scrive con CH? :)

    RispondiElimina
  23. Ti capisco...molto bene...quando io correggo qualcuno della mia famiglia o dei miei amici mi dicono tra lo scocciato ed il divertito, che in quelle occasioni faccio la maestrina.
    Invece no! Cerco solo di dire loro come stanno le cose, o come si scrivono, affinchè in futuro possano farlo nel modo corretto.
    Perchè dobbiamo parlare o scrivere tutti come certi protagonisti dei reality?

    RispondiElimina
  24. Una mia amica alle elementari scrisse "cacccatore" ;)

    Un abbraccio
    S.

    RispondiElimina
  25. Una mia amica alle elementari scrisse "cacccatore" ;)

    Un abbraccio
    S.

    RispondiElimina
  26. Poi uno si stupisce perché in Lobotom-Italy gli "scrittori" si chiamano volo, giordano, faletti... :-(

    RispondiElimina
  27. Difendo a spada tratta il tuo collega !
    Anch'io ho fatto l'Itis. Non potete nemmeno immaginare..... :-)

    RispondiElimina
  28. MI hai strappato un sorriso! Un saluto

    RispondiElimina
  29. io, che sono noiosa e pedante di mio, quando martoriano la mia amata lingua divento veramente pallosissima: ti basti sapere che al liceo rimandavo al mittente i bigliettini corretti con penna rossa alla mia amica finchè non mi scriveva in italiano vero!!
    incredibilmente è ancora amica ia: ha qualche problema di grammatica/ortografia, ma molta pazienza! ^_^

    RispondiElimina
  30. Ci vuole un po' d'umorismo, ma purtroppo non ci sono solo problemi di accento nella scuola.

    RispondiElimina
  31. Anch'io ho fatto un tecnico, ma questi orrori non li faccio... e poi gli accenti li insegnano alle elementari! =.=
    Comunque ti capisco, anch'io ho i brividi quando leggo certe cose...

    RispondiElimina