sabato 15 ottobre 2011

Malattia


M. ha un tumore.
Se glielo chiedete ve ne parla apertamente. Vi racconta come sta, le difficoltà di trovare un medico adeguato che lo curi, il disinteresse di chi dovrebbe seguirlo e invece lo manda da qualcun altro.
Da circa due mesi ha ricevuto la diagnosi ma sta male da circa un anno. Un anno di cure sbagliate, di equivoci, di passerà, di chissà.
Non è facile convivere con una malattia così, io non ne avrei la forza. M. ha coraggio, pazienza, forza d'animo, un pizzico di autoironia.
La vita ha un bel coraggio a riservare sorprese così sgradite alle persone migliori.


33 commenti:

  1. Che strana familiarità si prova leggendo questo tuo post, Kylie. Quante altre persone rivedo nella mia mente tenaci, forti o arresi,... proprio come il tuo M.
    Persone migliori. Lo so che si generalizza, ma lo erano davvero. Si vede che la malattia, quando ci visita, non viene a mani vuote, bontà sua. Ma non è una grande consolazione. Invece fa piuttosto arrabbiare: vorremmo che rimanesse a casa sua, senza quel bisogno di sdebitarsi che è avvilente.Che rubi pure, verrebbe da dire, ma che ciò non passi per dono!
    Porgi ad M. il mio abbraccio, se puoi.

    RispondiElimina
  2. Sì, la vita sa essere davvero stronza e iniqua.
    Un ideale, immenso abbraccio a M.

    RispondiElimina
  3. Ritrovo nelle tue parole la storia di Bernacca, la mia ex coinquilina. Solo quando stava malissimo non ci riusciva, ma per il resto riusciva sempre a sorridere e alleggerire la sua condizione. Al momento è guarita ma quelle solo malattie imprevedibili, c'è solo da sperare. In bocca al lupo, M!

    RispondiElimina
  4. Credo che in molti abbiano una forza d'animo insospettabile ed è tragico doverla scoprire grazie a situazioni estreme...
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Ecco sapere che dopo la beffa della malattia,la sanità funziona così...che tristezza,oltretutto dicono che la nostra regione dal punto di vista sanitario dovrebbe essere una delle eccellenze,col cavolo! Siamo nella mani del Signore invece....M.se leggi qui ti mando un abbraccio fortissimo e tieni duro.Un bacio anche a te amica mia

    RispondiElimina
  6. Cara capisco il tuo "sbigottimento", io provavo la stessa cosa davanti ad un ammalato di cancro fino a che non è capitato a mio marito. Ti assicuro che la stessa forza di vivere la troveresti anche tu, perchè dopo una diagnosi del genere ti viene una voglia di vivere prepotente, per fortuna. Allora sei disposto a tutto pur di curarti, non è il luogo quì che ti racconti le storie delle persone che ho conosciuto ad Aviano. Molto forte è anche la voglia di condividere dell'ammalato, solo che difficilmente le persone sane sono disposte a parlare con un ammalato di cancro...ti assicuro che si rendono conto perfettamente se vengono evitati perchè fanno paura.
    Anche una mia amica, Gabriella, ha saputo in questi giorni di avere un tumore in stadio terminale. Cosa pensare?? La vita è un dono prezioso che finisce però, e non sappiamo quando. Ti abbraccio cara Kylie

    RispondiElimina
  7. A me piace pensare che la vita riservi queste spiacevoli sorprese alle persone migliori perchè noi possiamo imparare e prendere esempio osservando come affrontano il problema.La forza d'animo che si ritrova nei momenti peggiori a volte aiuta più le persone che stanno intorno che il diretto interessato. Forse è un modo per proteggere le persone che si amano. O semplicemente è accettazione di un destino maligno e beffardo che tra miliardi di persone si è scagliato contro chi proprio non se lo merita. Sta di fatto che a mio parere la malattia non si accetta mai pienamente. Perciò spero con tutto il cuore che M. riesca a trovare il giusto equilibrio nei suoi sentimenti e gli auguro di poter ritornare a sorridere davvero molto presto.
    Un abbraccio.
    Elena

    http://girlsjustwannahavestyle.blogspot.com

    RispondiElimina
  8. La forza d'animo che viene fuori in queste situazioni è ammirevole.
    Ho i miei dubbi che sia un esempio per chicchessia: alla conoscenza di una condanna così terribile la reazione è assolutamente soggettiva.
    Ho un cognato, 76enne, che ha visto morire di tumore due suoi fratelli; erano tosti, hanno lottato fino in fondo, e lui nei loro confronti appariva quasi cinico, non esitando a dire che sono cose che possono capitare a tutti, che c'è una fine a tutto, ecc.
    Il loro esempio non gli è servito, quando qualche mese fa un astuto primario gli ha detto papale papale che anche lui aveva un tumore. Forse basandosi sulla sua forza d'animo dimostrata nei confronti dei fratelli.
    Adesso, pur non essendo in fase terminale, ha smesso di mangiare, non esce più di casa, ha mollato tutto e passa le giornate sdraiato sul divano.
    Aspetta...

    RispondiElimina
  9. sono pienamente d'accordo con la tua ultima frase kylie

    RispondiElimina
  10. A volte la vita è veramente Stronza. Scusa il termine, ma purtroppo è così. Ma c'è da ammirare le persone come M, con una forza d'animo e una positività che pochi hanno.
    No comment invece sulla sanità. Preferisco non parlarne dopo quello che "ha fatto" a mio nonno.
    Un abbraccio forte forte forte a te e a M.

    RispondiElimina
  11. Credimi, il coraggio e la forza si trovano inaspettatemente. E' una dura prova,durissima, ma se ne può uscire. A me è successo e, ringraziando Dio, sono guarita. Auguri al tuo amico!

    RispondiElimina
  12. la vita a volte è davvero ingiusta! un bacione!

    RispondiElimina
  13. C'e sempre una speranza.. un sorriso..una carezza che rinfranca la vita. Quella che non deve mancare mai anche nei momenti no.
    Maurizio

    RispondiElimina
  14. Purtroppo il male, il dolore e la morte son le cose che accomunano tutti: buoni, meno buoni, persone indispensabili e persone che fanno del male...
    Il tumore, poi, è una brutta bestia...

    RispondiElimina
  15. Cara Kylie, mi dispiace molto...
    Ti abbraccio fortissimo

    RispondiElimina
  16. Come ben sai, noi abbiamo perso. La medicina e l'oncologia in particolare non sono scienze esatte.
    Tuttavia non posso che augurare la vittoria ad M.
    Scusa, non riesco a scrivere altro.

    RispondiElimina
  17. Cara Kylie, mi dispiace...

    Non tutti reagiscono allo stesso modo di fronte alla diagnosi di un tumore...

    C'è chi lotta per la vita e ce la può fare ed è questo che auguro al tuo amico.

    Buona domenica!

    RispondiElimina
  18. Mi dispiace, è una di quelle notizie che può far crollare il mondo addosso, questo tuo amico però è forte ed ha tanta voglia di vivere, gli auguro di vincere la sua battaglia, la più importante.

    Buona Domenica Kylie

    RispondiElimina
  19. Ultimamente ci penso spesso, penso a come reagirei se dovessi trovarmi di fronte a qualcosa di così grande per me o per i miei cari....spero, se mai dovesse succedere, di reagire come sta facendo M. e spero fortemente di trovare sulla mia strada persone che sappiano essere accoglienti come tu sei con lui. Un abbraccio stretto. Leti

    RispondiElimina
  20. Per un anno sono stata vicino ad un amico che si spegneva per un tumore al colon e al fegato. Il tumore purtroppo coglie chi vuole, non bada che le persone siano buone o cattive; anzi, sovente ho la sensazione che punti decisamente verso quelle buone.

    RispondiElimina
  21. Un forte, fortissimo abbraccio.

    RispondiElimina
  22. L'ultima frase del tuo post mi ha colpito, forse le persone migliori riescono meglio ad affrontare certi dolori? Un bacio a te ed uno ad M.

    RispondiElimina
  23. Già. E' incredibile che la morte si prenda sempre i migliori.
    Buongiorno e buona settimana.

    RispondiElimina
  24. Spero sinceramente che M. non perda un solo grammo della sua determinazione, è veramente in gamba

    RispondiElimina
  25. Due delle persone più importanti della mia vita stanno lottando per sopravvivere a questa malattia e alle sue conseguenze.
    Che dire Kylie?
    Io sto cercando la forza di andare avanti ma non riesco a immaginare la vita senza di loro.
    Un abbraccio a te e al tuo amico.

    RispondiElimina
  26. mi rattrista questo post... purtroppo la malattia non sceglie dove andare... nessuno se la merita... nemmeno il peggior nemico... non la si dovrebbe augurare mai a nessuno, ma nemmeno abbandonare chi ce l'ha... è triste... e mi dispiace per M.
    mi dispiace che i medici cui ci affidiamo spesso non sanno guardarci con attenzione... mi chiedo se siano abbastanza preparati... o sono le malattie che sono così difficili da individuare se si scoprono dopo un anno... mi dispiace che accadano queste cose ... mi dispiace che la gente comune, abbia medici comuni che non sono in grado di vedere quel che c'è e come vada affrontata da subito la malattia ... a volte capita anche che le persone muoiano senza che i medici sappiano cos'hanno... e quando non sanno dicono che è ipocondria... mio padre è morto così ...

    RispondiElimina
  27. Notizie di questo genere sono sempre molto dolorose. Ma sono convinta che non dobbiamo vederle (o viverle, se toccano a noi) come condanne. Le cose possono andare male; ma possono anche andare bene...

    RispondiElimina
  28. Provo ammirazione per chi in questi casi riesce a non farsi prendere dal panico, ma al contrario cerca di vivere tutto con la massima pazienza e col sorriso.

    Io credo che non ce la farei.
    Non lo so.
    Bisogna trovarsi dentro le situazioni per capire cosa si prova.

    RispondiElimina
  29. Un virtuale abbraccio a M. che sta passando un periodo davvero difficile... il più duro della sua vita credo. Che tristezza!! :(

    RispondiElimina
  30. Credo che con malattie di questo genere si scoprano spesso risorse che non pensavamo nemmeno di avere... quello che trovo veramente imperdonabile è il menefreghismo della sanità! >:(
    Spero che M guarisca presto, ma da come hai detto che affronta la situazione sembra un tipo tenace, vedrai che ce la farà! ;)
    Un bacio!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.com

    RispondiElimina
  31. un abbraccio forte a te e a M.

    vi penso

    http://nonsidicepiacere.blogspot.com/

    RispondiElimina
  32. Non riesco a capire perchè mi sono persa anche questi post.. mi dispiace per la mia assenza.
    Sento molto dispiacere in questo momento.. ricordo il momento in cui ho saputo che un parente a me molto molto vicino aveva un tumore.
    La vita è proprio bastarda quando fa accadere cose di questo genere a persone che non se lo meritano proprio.
    un abbraccio forte ad m.
    A presto...Sibilla

    RispondiElimina
  33. Kylie capita che la vita metta alla prova così ferocemente e che si debbano cercare energie e risorse dentro di sé per affrontare l'innaffrontabile. Io le ho trovate e per ora ho vinto. Ma penso alle tante persone che sono meno fortunate e mi dispiace molto. A volte vedo negli occhi degli altri il dolore per un parente, un amico e per loro stessi e non so che dire. Un saluto alla tua amica a te Riri52

    RispondiElimina