martedì 18 ottobre 2011

Un'amica sconsolata


La mia amica M. se ne esce spesso con delle battute ed espressioni degne di nota. Non si tratta certo di rare perle di saggezza, ma di simpatiche costatazioni sulla vita e sulla sfortuna.

Ieri per esempio, dopo avermi chiesto come stanno M., la M. e come mi andava il lavoro in un momento in cui avevo appena fatto uno show isterico, e dopo avermi aggiornato sulle sue ultime sfighe se n'è uscita con un "e chi l'avrebbe mai detto che dopo i 40 sarebbe stata una cacca del genere?"

Forse i 40 sono uno spartiacque così particolare da renderti la vita più difficile?
O è semplicemente il caso che si diverte a colpirti quando la voglia di vivere in pace è più forte che mai?


32 commenti:

  1. :D siamo nella stessa barca sorella, uno pensa che "crescendo" le cose inizino a migliorare...pensa!
    buona giornata cara

    RispondiElimina
  2. Cara, i miei primi quarant'anni furono terribil perchè mi si chiuse la fabbrica dove lavoravo, ma chissà, forse mi ha permesso un cambiamento, ti auguro una buona giornata...con la speranza, (anche se a volte è un'utopia) che qualcosa migliori per voi giovani.Un bacio

    RispondiElimina
  3. Io quoto:
    "O è semplicemente il caso che si diverte a colpirti quando la voglia di vivere in pace è più forte che mai?"
    Ogni età ha i suoi problemi...te lo dice una fanciulla di 58 anni! In pensione ma con acciacchi che le impediscono di godersela...quindi...baciobacio

    RispondiElimina
  4. Ogni età nasconde i suoi problemi e i suoi pregi.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  5. La vita è bella cosi come è senza eta. Chi vuol gustarsela al cacao ..vada al bar.
    Un abbraccio forte
    Buon martedi
    Maurizio

    RispondiElimina
  6. Secondo me ha ragione il Cavaliere!
    P.S. ammetto che come l'ha messa la tua amica, la cosa comunque fa ridere :-)

    RispondiElimina
  7. Pensa ai giovani, sono già nella cacca adesso e davanti a loro non hanno più una strada da percorrere, ma un fiume di quella stessa materia.
    E lo devono risalire controcorrente...

    RispondiElimina
  8. forse crescendo si perde di ingenuità, ma non credo che sia poi così un male

    RispondiElimina
  9. Bè, a me per i 40 ne mancano, però mio padre, si proprio lui, diceva (all'epoca dei suoi 40, ora va' per i 60...quasi...) che la vita comincia a quarant'anni... Se lo era fatto scrivere pure sulla torta!

    RispondiElimina
  10. Se non fosse per qualche acciacco in più io tutta questa differenza con i 39 non la trova! ;-)

    RispondiElimina
  11. più che una questione di età, direi che la merda ci accompagna costantemente.

    RispondiElimina
  12. i 40 anni non esistono!!!!
    esiste solo l'età che uno si sente
    cmq no, più passa il tempo e non è detto ceh aumenti l'esperienza o che le cose diventino più facili, anzi...

    RispondiElimina
  13. Io ne ho quasi 41! è un'età che mi godo tantissimo, soprattutto nel dare buoni consigli ora che non posso più dare il cattivo esempio!

    RispondiElimina
  14. saranno solo momenti... vedrai che la ruota ricomincierà a girare dalle parte giusta!!

    RispondiElimina
  15. Si, anche io la penso come il Cavalierie Oscuro.
    Avendo amici di diverse età, e basandomi un po' su me stessa, posso dire che ogni età ha i suoi problemi e i suoi momenti di felicità. Quando sei bambino vuoi crescere. Quando sei adolescente non vedi l'ora si diventare maggiorenne. Quando si superano i 20 e i 30 anni...si rimpiangono gli anni passati. Però, ogni età ha i suoi "pregi" e i suoi momenti felici. E una mia amica, che ha da qualche anno superato i quaranta, dice sempre che ha incominciato a vivere ora... :P

    RispondiElimina
  16. Le considerazioni esistenziali che partono dai numeri rotondi mi hanno sempre fatto ridere... perché dei cambiamenti a 30 e non a 28 o 31? Perché a 40 e non a 36 o 43? Sta tutto nella nostra condizionatissima capoccia... :D

    RispondiElimina
  17. la sfortuna (ma anche la fortuna) colpiscono a tutte le età, in questo senso sono molto democratiche:-))
    ciao

    RispondiElimina
  18. non sono uno spartiacque più di quanto lo siano i 20 o i 30: magari uno nei suoi sogni di adolescente si vedeva già realizzato professionalmente a 40 anni; ciò però non implica che a 40 anni uno sia anche più pessimista di quanto possa esserlo da giovane.

    RispondiElimina
  19. purtroppo debbo constatare (anch'io ci sono passato a 52 anni, quasi ad un passo dalla pensione)che se la fortuna è cieca la SFIGA ci vede benissimo. Io continuavo a ripetermi:" perchè a me?" fino a che la sera prima dell'intervento mi sono tranquillizzato è mi sono detto:"perchè non a me?"...Io somn quì a raccontarla ma è stata dura!

    RispondiElimina
  20. Da anni mi regolo sulla base del mio calendario interno e dunque l'età cronologica attiene, per quanto mi riguarda, al campo della relatività ristretta più che alle mie considerazioni quotidiane. Circa il navigare in quelle certe cattive acque ... ci navigo da una vita e non credo che ne verrò fuori in questa, di vita. Vuolsi così colà ove si puote ciò che si vuole.
    :-)
    Spero che tu risolva presto.

    RispondiElimina
  21. Ogni prossimo minuto della vita ad ogni età porta sempre qualcosa di nuovo, persino un battito di ciglia diverso.

    RispondiElimina
  22. La vita e' un dono che va'...gustato..
    Gio'
    http://remenberphoto.blogspot.com/

    RispondiElimina
  23. Guarda che le sfighe capitano a 20 come a 40 anni, solo che si pensa sempre che "era meglio prima"...
    E poi alla tua amica da che gli è venuta l'idea che dopo i 40 sarebbe stato tutto magicamente rose e fiori??? O_O
    Un bacio!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.com

    RispondiElimina
  24. io voto per il caso, sarà che ai 40 mi avvicino anche io?

    RispondiElimina
  25. se dopo i 40 è anche peggio, mi posso allegramente sparare.

    RispondiElimina
  26. è brutto a qualsiasi età... certo che il destino è proprio beffardo e si diverte in maniera raccapricciante...
    a 40 anni si pensa di aver già fatto tanto e si ha bisogno di un po' di pace... forse è uno sprone a non fermarsi mai...

    RispondiElimina
  27. Le sfighe se devono capitare capitano a 20,30 o 40 purtroppo.Qualcuno dice che bisogna tenere botta e tanto vale farlo con ottimismo,ma di certo non è sempre facile.Io di anni ne ho 48,ho ancora preoccupazioni per mia figlia e anche per mio padre che invecchia e non certo bene.Ma andiamo pure avanti.Ti abbraccio

    RispondiElimina
  28. grazie per la solidarietà espressami...leggo con piacere che anche il tuo blog è altrettanto pericoloso: vita, amore, idee, libertà. Insomma tutto quello che dà fastidio ad una società consumista e uniformata.

    RispondiElimina
  29. Le cose migliorano dopo i 50...
    Fidati.

    RispondiElimina
  30. Aiuta avere un po' d'ironia e di sarcasmo : di spirito, insomma.
    Tanto piangersi addosso non serve a niente.
    Cristiana

    RispondiElimina
  31. Non conoscevo il tuo blog ma ora che l'ho scoperto,mi iscrivo volentieri..e' carinissimo e mi piace davvero!!!!Se vuoi dare un'occhiata al mio spazio,le porte sono aperte: qui!

    RispondiElimina