martedì 15 novembre 2011

Torneremo indietro?


Dev'essere la senescenza a rendere mio papà così fuori dagli schemi.
Preoccupata per il futuro dell'Italia, per il mio stipendio (che come dipendente pubblica non credo mi garantiranno al 100%) e per il mio conto corrente gli ho chiesto cosa mi consiglia. Come posso investire e mettere al sicuro i miei soldi?
Risposta: "Mangiateli" nel senso di godermi la vita e spendere.
Perfetto.
Ma mettiamo che adesso non abbia tutta sta voglia di spendere e spandere, che dovrei fare?
"Compra dei terreni, fai l'imprenditrice agricola."
Potrebbe essere un'idea, anche se per realizzarla ci vorrebbero molti più soldi di quelli che ho nel mio conto corrente...

Un mio cugino, per esempio, ha preso in affitto una grandissima proprietà con all'interno un agriturismo. La gestiscono le figlie, studentesse universitarie, che stanno facendo soldi a palate, sia con la terra che con la struttura ricettiva.

Forse tornare indietro nel tempo e fare gli agricoltori potrebbe essere una buona opportunità.

Che ne pensate?

42 commenti:

  1. Forse il papà non ha tutti i torti e da un certo punto di vista è stato anche positivo. Il distacco mentale dal denaro dovrebbe essere il primo passo, poi tutto il resto è ben fatto. Se poi l'unico ragionamento è sul "far soldi a palate" non ne esci di sicuro.

    RispondiElimina
  2. Secondo me, l'importante dovrebbe essere trovare un canale di autosufficenza. Quindi investendo per esempio in una struttura 'coltivabile' sotto diversi punti di vista, ci si potrebbe 'garantire' qualche risultato a lungo termine. Sono d'accordo con tuo padre sotto questo profilo, ma anche con mark: bisogna cominciare con un distacco mentale dai soldi.
    Baci e vecchie fattorie

    RispondiElimina
  3. io non me ne intendo, quindi non posso aiutarti! i miei cmq hanno comprato 3 case, ci hanno assicurato almeno quello per il futuro!

    RispondiElimina
  4. Appena ho letto il titolo del post ho pensato subito al fatto che chi ha un terreno e un orticello si ritroverà avvantaggiato.
    Non sono però così pessimista, non penso che arriveremo a questo punto.
    Tuttavia la penso esattamente come Mark, l'italiano medio deve smetterla di mettere i soldi sempre al primo posto.
    Il vero problema è che l'italiano (naturalmente non tutti!) cerca di fare il furbetto magari non pagando le tasse e di conseguenza aumentandole per gli altri che poi non riescono a pagarle e di conseguenza molti non le pagano più...una reazione a catena, insomma. E tutto questo per avere più soldi.
    Sembra l'unico scopo di chi vuole essere veramente felice.

    P.S. Se trovi un buon terreno da coltivare mi offro come aiutante! :P

    RispondiElimina
  5. Io inizierei con un viaggio, e il resto, chissà

    RispondiElimina
  6. Ci stiamo pensando anche io e la bipede ...

    RispondiElimina
  7. non lo so ... meglio mangiarseli ...
    te lo dico perché discendo da una famiglia di lunga tradizione agricola... forse è colpa della zona dove vivo, ma i soldi non si fanno a palate, te lo garantisco... però certo è più rilassante stare all'aperto a guardare la campagna che musata in un ufficio ad accumulare stress... vedere le piante crescere dà conforto, fare un fax non tanto...

    RispondiElimina
  8. perla di filosofia (semi)demenziale zioscribesca:

    "Indietro non si torna

    Avanti non si va

    Chi si ferma è perduto

    E allora vaccagà".

    Ovviamente l'ultima paroletta non è riferita a te, ma alla situazione e a chi l'ha creata... :)

    RispondiElimina
  9. Innanzitutto secondo me dobbiamo tornare al baratto. Non sto scherzando... e per il resto personalmente mi tengo prontissima all'eventualità di dover cambiare lavoro e rimboccarmi le maniche.
    Però, simpatico tuo padre!

    RispondiElimina
  10. Entrare nell'imprenditoria agricola credo sia una buona idea e non è neanche un "tornare indietro" perché l'agricoltura è sempre fondamentale per il sostentamento di una popolazione.

    RispondiElimina
  11. Anche secondo me potrebbe essere una buona idea, dipende anche dalla parte d'Italia in cui vivi.
    Altra buona idea potrebbe essere comprare un appartamento da affittare.
    Non me ne intendo, sia chiaro, ma molta gente che conosco ha fatto così!

    RispondiElimina
  12. se fossi tuo papà mi risentirei: ha perfettamente ragione!! o te li godi (magari con un bel viaggio) ma se di questi tempi ti sembra una follia compra della terra...oppure perchè non compri un mono locale vicino a Londra, Parigi, Berlino, Madrid o in Grecia??? si la Grecia potrebbe essere conveniente. Devi sapere che io non sono per niente affarista, normalmente mi definiscono mani bucate, ma investire su vacanze o cose piacevoli mi sembra indispensabile non investire sul lavoro altrimenti che gusto c'è...?? baci

    RispondiElimina
  13. coi tempi che corrono alcune vecchie certezze non sarebbero male. anche se vedo un mio amico che fa l'agricolo, ed è veramente un lavoro di tanta fatica e pazienza

    RispondiElimina
  14. io ti consiglio di viaggiare che tanto i soldi nella tomba non li possiamo spendere oppure se proprio vuoi fare un piccolo investimento compra un orticello ad uso personale per auto-produrti (così sei sicura di quello che mangi!); l'azienda agricola è una faccenda serissima (te lo dico perché da sarda conosco le difficoltà di chi ce l'ha): se sei sola te lo sconsiglio vivamente (troppo sbattimento, pochi guadagni e rischio di andare in perdita), magari con amici sì, potresti creare una piccola coop, ma anche lì è dura...

    RispondiElimina
  15. io ne sono quasi convinto, ma per ora mi limito alla terrazza ...

    RispondiElimina
  16. E' una vita che lo dico...il futuro è la terra, a meno che non si ribelli anche la natura.

    RispondiElimina
  17. premetto che non sono mai stata una spendacciona, ma condivido pienamente l'idea di tuo papà: spendili. Ora che li hai è meglio che servano a te invece che allo stato. E con questa idea in mente, invece di aspettare per ristrutturare casa, lo faccio ora, che i soldi nel conto per il momento ci sono, e il lavoro pure. Poi del futuro non si sa mai niente. ciao ciao

    RispondiElimina
  18. I concetti di conto corrente, investimento, mettere al sicuro i soldi sarebbero follia in un mondo in cui la vita delle persone fosse al centro di tutto. Invece continuiamo a dare importanza a cose impersonali, e a sacrificare ad esse le nostre vite.

    RispondiElimina
  19. Sei in una situazione analoga alla mia. Stipendio da statale, nessuna casa di proprietà, pochi soldi da parte, giusto la pensione integrativa, che è poco più che un salvadanaio dal quale non puoi attingere. La prospettiva di una pensione con il 60 % del mio stupendio (sui 900 euri), sempre che ce la diano, la pensione...
    Ogni tanto, stile Lenin, mi chiedo: "Che fare?".
    Mi s che il suggerimento paterno non è dettato da senescenza...

    RispondiElimina
  20. quoto il papà: a questo punto, che senso ha fare le formichine?
    mangiarsi tutto oppure espatriare!!!

    RispondiElimina
  21. quelli che si dedicheranno all'agricoltura oggi saranno i ricchi di domani... dal produttore al consumatore, come una volta!

    RispondiElimina
  22. Mah... ti dico che mia madre è coltivatrice diretta -in soldoni, una donna di campagna- ed è avvilente vedere come, con il uttto il lavoor che serve per far crescere le piante che vendiamo, il mercato poi non ripaghi. Produciamo verdura, e vedere che il radicchio ce lo pagano 1.80 al kg quando va bene e che poi lo rivendono a 3 euro... fa un po' girare gli zebedei

    RispondiElimina
  23. Un pezzetto di terra non costa moltissimo. Se puoi, compralo e mettici degli alberi da frutto. E' bellissimo curarli e ascoltare il silenzio dei campi. In quei momenti scappano via tutti i pensieri e ci si sente liberi. E poi, con gli stipendi che abbiamo...magari possiamo vendere un po' di frutta!? Chi vive sperando.....

    RispondiElimina
  24. Almeno tu ce l'hai sicuro lo stipendio!
    Io sono in cassa integrazione e non so neppure che fine farò...
    Cmq non saprei proprio cosa consigliarti se non di spenderne una buona parte in cose che ti danno piacere. Non c'è di peggio che una persona avara e schiava del denaro.

    RispondiElimina
  25. Che tornare indietro si può. Ma senza andare molto lontano. Ho piantato nel mio mini terrazzo romano dei pomodori, che crescono, sembrano olive... :-) ma si può. Ma del resto il detto "i soldi non fanno la felicità" è molto utopistico.
    Auguri a te e all'invecchiamento fuori schema...
    Demil

    RispondiElimina
  26. La vedo come una cosa in cui sperare, sai?
    Buona settimana!

    RispondiElimina
  27. Probabilmente, oltre che a guadagnare più soldi, farà anche una vita più sana, con aria pulita e meno stress "cittadino"... Avere una piccola fattoria è anche un mio sogno :)

    RispondiElimina
  28. I mercati sono al ribasso, le banche cercano di ricapitalizzarsi, neglio aspettare.Dolce notte Lylie
    Bacio
    Maurizio

    RispondiElimina
  29. Investi in un garage...se l'affitti, arrotondi lo stipendio.

    RispondiElimina
  30. Mia padre lo ripete da una vita: "investire sulla terra non è mai un cattivo affare, in qualche modo lei ti ripaga"
    Vedi ora, che se avessimo un pezzetto di terreno, male che vada, due patate e qualche fagiolo potrebbero risolvere almeno i problemi alimentari :)

    RispondiElimina
  31. Sono d'accordo al 100/%, alcuni amici di mio figlio lo stanno facendo, il futuro dell'Italia è nell'agricoltura ed ha ragione tuo padre...abbiamo cercato di fare le formiche..invano.Baci

    RispondiElimina
  32. è una delle cose che sto valutando...

    RispondiElimina
  33. Sai quante ne sono state rubate?
    Magari è giunto il momento di restituire le braccia all'agricoltura :)

    RispondiElimina
  34. E' triste dirlo, ma non si possono più fare progetti che non siano a breve termine! Tutto ciò che va oltre è un grande punto interrogativo!!!

    RispondiElimina
  35. Magari mio papà mi desse lo stesso consiglio, altro che "mangiateli!" lui non fa che ripetermi di risparmiare per la vecchiaia!^^
    Cmq secondo me se proprio vuoi intraprendere un'attività dovresti fare qualcosa che ti piace e che senti "tuo"; che ne sai, magari non sei portata per l'agricoltura e combini un macello e ci rimetti pure i rsparmi! ;)
    Un bacio!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.com

    RispondiElimina
  36. Meglio goderci i nostri sudati soldi prima che ci portino via tutto!!!

    RispondiElimina
  37. tuo padre ha ragione, come dargli torto.

    RispondiElimina
  38. In caso di crisi totale mondiale con default a catena, l'unica cosa che veramente farebbe la differenza sarebbe possedere un terreno. Male che vada ci coltivi patate ed altri ortaggi e ci campi. In città senza lavoro e senza soldi non sopravvivi...
    Se però la situazione non dovesse deteriorarsi a tal punto, tutto sommato un terreno non è facile farlo fruttare. Soprattutto lasceresti il tuo posto di lavoro per dedicarti ad una attività agricola o di agriturismo dagli esiti incerti? Magari ora con potrebbe essere il momento giusto per comprare BTP: se l'Italia si riprende ti fruttano un bel po'... E' tutto una scommessa

    RispondiElimina
  39. ciao Kylie
    questo sarebbe il mio sogno! Vengo da una famiglia di contadini (i nonni soprattutto) e se da giovane ho fatto di tutto (studi, soggiorni all'estero e quant'altro)per dare un taglio a questo passato, ora cambierei di nuovo per iniziare una vita più all'insegna della natura e dei suoi ritmi. Peccato ci vogliano tanti soldi e anche coraggio, due cose di cui sono sprovvista al momento, ma rimedierò! a te piacerebbe una vita più "campagnola"?

    RispondiElimina
  40. si, penso che torneremo indietro... e non è detto che sia una cosa negativa, almeno non del tutto :-)

    RispondiElimina
  41. da oglie di un mezzo contandino (mezzonel senso che la sua attività principale è l'artigianato ) ..ti posso dire che di terra non si vive a meno che non ti puoi comprare 100 ettari ..con colture diversificate ..e qualche e tanti animali ...o sei grosso o ti fanno fuori anche li ora .....

    RispondiElimina