martedì 22 novembre 2011

Tra Fendi ed Armani


Appuntamento tra il negozio Fendi ed Armani con l'amica A. per un giro di shopping.
Non c'è nulla di meglio di un pomeriggio tra negozi per distrarsi e concludere in modo vivace e spensierato una settimana pesante.

Entrare in un negozio di firme comporta però due rischi:
  • innamorarsi di qualcosa che non ci si può permettere
  • subire lo sguardo truce e altezzoso di qualche commessa
Ma per quest'ultima questione mi è stata data una spiegazione, involontariamente, da Armani outlet.
La mia amica ha fatto acquisti di un certo valore con l'assistenza di una commessa con cui ha fatto amicizia e che altre volte ci ha scovato pezzi interessanti a prezzi ancora più interessanti!

Al momento di pagare la ragazza ha precisato "Tu stai spendendo per dei capi che noi ci possiamo solo sognare!"
Ecco il motivo del disprezzo tipico di molte assistenti.
Quanto prenderà di stipendio una commessa?

Me ne ricorderò la prossima volta che entrerò nel negozio di qualche famoso stilista.

36 commenti:

  1. Io di sguardi truci delle commesse ne so qualcosa purtroppo..li vedo anche nei negozi di H&m o dell'acqua e sapone.. Si credono delle dee.
    Non frequento negozi di grandi firme, posso capire che alcune commesse non si possano permettere quello che vendono ma non possono mica guardare male le persone per questo motivo.
    Tutti più o meno "serviamo" persone che si posso permettere più di noi ma non passiamo passare la vita a guardarli male!:)
    è un ragionamento sbagliato?
    A presto...Sibilla

    RispondiElimina
  2. Non mi piacciono le persone che "hanno la puzza sotto il naso".

    RispondiElimina
  3. nemmeno quelle che hanno la "puzza sotto ai piedi"...
    Cià!

    RispondiElimina
  4. ah, è questo il motivo del disprezzo delle commesse... non potevo immaginarlo... ero convinta che se i negozi vendono a prezzi alti la merce anche le commesse sono pagate di conseguenza ... ed invece... me ne rammarico... pensavo fosse un lavoro d'oro quello della commessa di un negozio di grandi firme...
    insomma è sempre la stessa storia...
    non c'è niente di meglio dello shopping... il mio problema è sempre il senso di colpa al ritorno a casa perché ho speso troppo per cose che poi passeranno di moda ...O_O

    RispondiElimina
  5. ...sai che mi hai aperto un mondo? mi sono sempre chiesta perchè fossero così...spinose (visto ch sforzo di diplomazia?) ;-)

    RispondiElimina
  6. eh kylie purtroppo è proprio così.
    una volta ho fatto un colloquio per un posto da ferragamo. volevano pagarmi 300 euro al mese per un lavoro full time (fino alle 8 di sera) e niente straordinari per la settimana di natale. sono corsa via a gambe levate!!

    RispondiElimina
  7. Quanto vi invidio!! :)

    [occhi malefici delle commesse a parte]

    Un caro abbraccio, Sara!

    RispondiElimina
  8. è un po' come con i camerieri dei ristoranti "sù" ti fanno sentire... a disagio! del resto è servire, servire per tutta la vita, devono pure rifarsi in qualche modo. Ciao

    RispondiElimina
  9. magari non l'ha detto con il tono malefico... chissà. Certo che l'invidia non è mai una bella cosa. Non so come replicare per quanto rigarda le grandi firme: le odio e (premetto che ognuno faccia quello che vuole) non capisco come si possa spendere migliaia di euro per unn capo solo perchè è firmato, quindi non mi viene neanche da invidiare chi lo fa. La commessa la capisco in parte, perchè gli stipendi sono da fame. un salutone

    RispondiElimina
  10. concordo con Sibilla, che senso ha guardar male la gente che si può permettere cose che noi non possiamo?
    mica guardo male i miei clienti facoltosi!

    RispondiElimina
  11. Ne so qualcosa, feci la commessa alla rinascente una vita fa, ero una ragazzina e mi ricordo che le "esperte" erano altezzose, ora capisco, vendevamo cashmere.Baci

    RispondiElimina
  12. Io amo Armani ma detesto fare shopping! Se poi ci sono commesse scazzate non ti dico, non mi vedono proprio! Ciao :)

    RispondiElimina
  13. Direi poco professionale la signorina.
    Ma poi loro non hanno uno sconto sulla merce in vendita?
    Bisogna per forza vestirsi "firmati" nella vita?
    Troppi quesiti esistenziali i quali alterano il mio assetto psichico...

    RispondiElimina
  14. Anche io ho sempre pensato che prendessero dei soldini. Non si finisce mai di imparare, è vero!
    Ho un'amica che spende migliaia di euro ogni volta che esce per comprarsi qualcosa. A volte l'ho accompagnata, ma come puoi immaginare ho solo potuto guardare!
    Comunque le commesse son proprio antipatiche!
    Buona serata! A presto!
    Abbracci

    RispondiElimina
  15. anche il commesso di un negozio firmato dove ho comprato degli occhiali da sole ha detto le stesse cose!

    RispondiElimina
  16. Non so se sono stata fortunata o non ci ho fatto abbastanza caso, ma non mi è mai capitato di vedere commesse così antipatiche.
    Io sono una chiacchierona e di solito faccio subito conoscenza con le commesse e non mi è mai sembrato che avessero questo atteggiamento...
    Però ti ripeto, normalmente quando vado a fare shopping sono tutta contenta e non è escluso che non noti molto le reazioni negative!^^
    Un bacio!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.com

    RispondiElimina
  17. Io penso che:
    no, non bisogna vestire per forza firmato.
    no, in teoria non è giusto guardare male chi ha più di noi.

    MA: FA MALE, al cuore, all'anima e all'umore, trovarsi sempre in mezzo a chi butta l'equivalente del tuo affitto in una bag nuova, o compra una maglietta che costa come l'assicurazione della macchina, e magari questa commessa lavora e tanto e bene, ma l'affitto lo deve pagare in ritardo e l'assicurazione..ecco..speriamo che non mi fermino i carabinieri.

    Ma..se iniziassimo a comprare "etico"?? perchè tanto vale comprare in Italia se le ditte pagano salari come quelli dei cinesi!!

    Io già evito negozi/ristoranti/bar dove il personale viene manifestamente maltrattato. Non credo di fare male.

    RispondiElimina
  18. Oddio io ci penso a quando passo e piglio un maglione per vederlo e quelle povere ragazze che dopo lo ripiegano per la centesima volta. Ci vuole comprensione reciproca!

    RispondiElimina
  19. Ma ti direi di non entrarci più viste le premesse...
    Poi di solito, più che le commesse, a me le occhiatacce le lanciano le altre clienti...

    RispondiElimina
  20. E allora dovete venire nel negozio dove lavoro io! Di solito rido sempre, mi diverto un sacco con tutte le clienti, faccio provare una valanga di roba, cerco di dare consigli obiettivi e, anche se non comprano nulla e devo piegare roba per mezz'ora, poco m'importa.
    Forse perchè è un lavoro che mi piace? Oppure perchè è divertente cercare nuovi spunti per le storie che scrivo?
    Baci e camerini di velluto rosa

    RispondiElimina
  21. forse hanno una piccola percentuale sulle vendite

    RispondiElimina
  22. Mi dispiace per le commesse ma io le odio!!! XD ci sono quelle simpatiche e quelle che rompono le scatole... :P l'importante è trovare un equilibrio! XD uffff ho proprio voglia di fare shopping... :P ma io un negozio di Armani direi proprio di no! XD

    RispondiElimina
  23. Io conosco una ragazza che lavorava da Armani e la pagavano piuttosto bene! Io le commesse spezzanti le trovo spesso anche nelle profumerie!

    RispondiElimina
  24. Io personalmente sono una più da bancarella, non ho mai comprato nulla in un negozio del genere, ma certo secondo me le commesse che ci lavorano dentro restano commesse e rosicano rosicano rosicano ;)

    RispondiElimina
  25. non frequento negozi di capi firmati , le commesse scazzate si trovano dappertutto come quelle deliziose.
    comunque io non mi scandalizzo dei prezzi esorbitanti dell'alta moda , non si tratta di beni di prima necessita' , se c'e' qualcuno che puo' comprare mette in giro dei soldi che poi servono anche per dare occupazione alle commesse

    RispondiElimina
  26. La maggior parte delle commesse sono pagate poco e lavorano tante ore con contratti a tempo determinato o peggio ma questo non da loro il diritto di rivolgersi alle clienti in questo modo.

    RispondiElimina
  27. Io la comessa per una boutique lo fatta... a Londra. Si e' vero non prendevo uno stipendio stronomico ma avevo l'80% di sconto sui capipiu' me ne regalavano due ogni tre o 4 mesi da mettere come divisa .

    ma questo succedeva a Londra in iTALIA NON SO

    clelia

    RispondiElimina
  28. una mia amica è laureata in lingue.... e lei ha preferito non sfruttare la sua laurea pur di fare la commessa... bah .... scelte...

    RispondiElimina
  29. Forse qualcuno assume un'aria poco simpatica per autodifesa automatica. Mi immagino quante arie possano darsi signore e signori che vengono a farsi il guardaroba in un negozio di grandi firme, magari loro pre primi trattano il commesso come se fosse una nullità e i commessi, pur di sopravvivere imparano a mettere su uno schermo tra loro e tutti gli altri.
    Poi ci entra una persona normale in negozio e si scordano di togliersi la maschera feroce dalla faccia.

    RispondiElimina
  30. io invece nei negozi firmati non ci vado quasi mai così mi levo il problema :)

    hai fatto compere? :)

    RispondiElimina
  31. Sibilla in teoria hai ragione. Tra l'altro io e la mia amica siamo pacate e umili. Se una cosa costa troppo lo diciamo senza tanti problemi.

    RispondiElimina
  32. Sara non ci invidiare, compriamo quando possiamo permettercelo capi classici che durano una vita.

    Baci

    RispondiElimina
  33. Dona Flor quest'estate ho scovato delle occasioni a prezzi imbattibili. Altrimenti non avrei acquistato.

    Baci

    RispondiElimina
  34. jocker hanno un piccolo sconto solo che i prezzi sono molto alti. Il vantaggio è che al momento dei saldi possono scegliere prima di altri qualche capo da acquistare.

    RispondiElimina
  35. Federica ho solo provato un abito di lana che costava 84 euro ma non mi convinceva. Altri non mi stavano bene e costavano da 110 a 130 euro. Attendo le svendite...

    Bacio

    RispondiElimina
  36. commesse sprezzanti, impiegati maleducati, ristoratori disonesti... mai che ci fosse un lavoratore al posto giusto!

    RispondiElimina