venerdì 30 dicembre 2011

Qualche pensiero per questa fine d'anno - parte 1


Il mondo è fatto per finire in un bel libro. Pensiero di Stéphane Mallarmé che condivido in pieno e vorrei tracciare un bilancio delle mie personali letture di questo 2011.
Eccovi un breve elenco di quelli che considero i migliori libri:

Acciaio di Silvia Avallone
Canale Mussolini di Antonio Pennacchi
L'ipnotista di Lars Kepler
Il gioco degli specchi di Andrea Camilleri
La leggenda del morto contento di Andrea Vitali
E altri...

Avrei voluto leggere di più quest'anno ma gli impegni, il coinvolgimento nel comitato di redazione di una nuova rivista specializzata e i pensieri bui mi hanno tolto la voglia e il tempo da dedicare a me stessa e a questa bellissima abitudine.

Se dovessi proprio esprimere un desiderio per il nuovo anno che verrà potrebbe essere proprio quello di leggere di più. Di averne tempo e desiderio.


Foto: Capri

venerdì 23 dicembre 2011

I regali last minute


Per puro scrupolo ho inviato un sms ieri a mio fratello per chiedergli se aveva acquistato un dono natalizio per nostro papà. Come mi aspettavo mi ha risposto che con la moglie stavano pensando ad un regalo last minute.
"Lascia stare, ci ho pensato io."
Ecco, mio fratello è la persona più pacifica che il Signore abbia inventato.
E come disse qualcuno... il Signore dopo aver fatto quella più agitata (io), accorgendosi dell'errore, ha aggiustato il tiro.
Amen.



martedì 20 dicembre 2011

Circola in ufficio

Così come mi è arrivata ve la propongo:


Vignetta tragicomica.
Ma come saremo tra qualche anno? A oltre 65 anni sarò ancora in grado di portare avanti il mio lavoro?

Voglio un vitalizio adesso. Come i parlamentari. Loro sì e io no?

venerdì 16 dicembre 2011

Sempre i soliti problemi di relazioni


Siamo alle solite.
La mia amica M. è nei casini sentimentali.
Questa volta è andata così: incontro, due uscite, fine.
Nel dettaglio: incontro emozionante, si sono piaciuti subito, poi lui le ha chiesto per due volte di uscire e sono state uscite piacevoli, interessanti e compatibili come gusti e pensieri, infine il fattaccio.
La mia amica ha pensato fosse cosa buona e giusta chiamarlo e proporre un'uscita al cinema e... aaaghhh!

"Stai al tuo posto e non prendere iniziative!"
questa la risposta prima di sparire del tutto dalla vita di M.

Ma chi sei?
L'unico consiglio possibile per la mia amica è stato "stai alla larga da sto fuori di testa!"

Foto: particolare soffitto casa Napoleone Isola d'Elba

mercoledì 14 dicembre 2011

Di curanderi e altri rimedi...


Ieri sera ho appreso una novità in tema di cure casarecce e non ortodosse.
Una compagna di yoga ci ha rivelato che sta curando una dolorosa verruca sotto il piede con il dentifricio. Non però un dentifricio qualunque, ma l'AZ 15, da utilizzare come unguento più volte al giorno.
Sembra che "la cura", iniziata da una settimana, stia funzionando davvero.
A me questo rimedio era completamente oscuro!

Uno che ho sperimentato più volte è invece quello dell'olio d'oliva per curare l'orzaiolo. Il termine più esatto è "farlo sparire".
La procedura consiste nell'aprire la bottiglia dell'olio d'oliva e guardarci dentro tramite l'occhio infestato (che deve solo avvicinarsi all'imboccatura). Tutto questo al mattino, preferibilmente appena svegli.
Da dove salti fuori questo rimedio non lo so, però dalle mie parti è molto diffuso.

Conoscete qualche altra stranezza da curanderi?

Foto: viaggio a Roma 2010

lunedì 12 dicembre 2011

Più avanti


Cercare adagio, umilmente, costantemente di esprimere, di tornare a spremere dalla terra bruta o da ciò ch’essa genera, dai suoni, dalle forme e dai colori, che sono le porte della prigione della nostra anima, un’immagine di bellezza che siamo giunti a comprendere: questa è l’arte.
James Joyce


Abbiate pazienza, ma mi è venuta la tosse e sono più fastidiosa del solito!
Nel week end ho pensato alle prossime vacanze primaverili.
Forse è un po' presto ma ne sento proprio il bisogno.
Sono la sola a guardare così avanti?


Foto (prestatami da M.): Capri

sabato 10 dicembre 2011

Un dono insolito



Per chi volesse fare un regalo originale a Natale consiglio il sale. Un tempo tale dono era augurio di buona fortuna e in un momento di difficoltà come questo sarebbe di certo molto gradito.
Io acquisto on line direttamente sul sito della Salina di Cervia e il mio preferito è quello alla salicornia.
Vi sono molte confezioni regalo a disposizione per tutti i gusti e per tutte le tasche ed in una settimana il materiale ordinato viene consegnato direttamente a casa propria.
Oltre al sale ci sono prodotti di bellezza e altri del territorio.
Spero di avervi suggerito una buona idea.

giovedì 8 dicembre 2011

Il blu



Non so perché ma per anni e anni il blu è stato un colore che ho evitato come la peste, salvo utilizzarlo per gli ombretti e per i jeans.
Da un anno a questa parte la svolta.
Ho un sacco di maglie ed abiti di ogni tonalità di blu ed è, in effetti, un colore che mi dona.
Adesso manca solo il rosso che è un colore che detesto e poi sarò completamente stravolta!
Ah, l'età... che brutti scherzi che tira!


martedì 6 dicembre 2011

Viaggi scomodi


Mi è capitato ieri di essere in auto con una collega ed il suo compagno, entrambi di una certa età.
Mentre parlavano, forse dimenticandosi di me nel sedile posteriore, lui ha iniziato a darle dell'imbambolata perché non comprendeva una sua spiegazione (con qualche parolaccia qua e là).
Considerato che la collega è un mio superiore, mi sono sentita più che mai imbarazzata. A mio avviso il compagno avrebbe dovuto misurare le parole perché in presenza di un'estranea e soprattutto perché alla propria donna non ci si rivolge in questo modo.
Se il mio compagno si rivolgesse così a me, in quello o in altri contesti, sarebbe investito da una gragnuola di calci ben assestati.

Ma non ci si può parlare senza irritarsi?

Lo si avverte ovunque. Al supermercato, in giro per negozi, al ristorante... tutti a dirsi cose che potrebbero essere risparmiate, ad arrabbiarsi, a puntualizzare ogni particolare. Ma che è tutto sto nervosismo?
Non si potrebbe provare un po' a stare tranquilli e a ragionare prima di esprimersi?


lunedì 5 dicembre 2011

Far poesie


Far poesie è come far l’amore: non si saprà mai se la propria gioia è condivisa.


Cesare Pavese

Foto: murales

sabato 3 dicembre 2011

Abitudini


Lezione di yoga.
Viviamo di abitudini. Il nostro corpo si è abituato a posture, gesti, movimenti sbagliati. Ne fa le spese soprattutto la schiena.
Il nostro obiettivo è quello di creare una svolta, quello di spezzare i legami con le nostre abitudini.


Sveglia, colazione, scelta degli abiti, trucco, lavoro, ritorno, tè, letto.
Sveglia, colazione, scelta degli abiti, trucco, lavoro, ritorno, tè, letto.
Sveglia, colazione, scelta degli abiti, trucco, lavoro, ritorno, tè, letto.

Uff... che noia che barba.
Per fortuna è sabato!

Buon fine settimana.

giovedì 1 dicembre 2011

Visite difficili per me


Non sono proprio fatta per sopportare i bambini, neppure quelli degli altri.
Ieri sono stata a trovare un'amica che non vedevo da tempo e ho resistito poco più di un'ora. La figlia di 2 anni è stata tremenda. Pianti e strepiti per capricci. Tutto questo perché, secondo la mia amica, le nostre attenzioni non erano dedicate a lei.
Con la mia amica le chiacchiere sono state continuamente interrotte, senza contare le volte in cui si è dovuta allontanare per dedicarsi alla figlia; ha persino "stracotto" il caffè.
Una visita difficile davvero.
Anticipo i vostri commenti: sì lo so, sono un mostro.