mercoledì 18 gennaio 2012

I conti non tornano


Dalle mie parti hanno aperto un nuovo negozio di parrucchieri/e cinesi. Una piega costa 7 euro.
La Confartigianato locale ha calcolato invece che, pagato ogni onere ed ogni tassa, una piega costa € 14,00 totali. Il di più è il guadagno della titolare e si aggira in media su 7-10 euro a piega.
I conti però non tornano.
Non è che i cinesi si "dimentichino" di pagare qualcosa e/o qualcuno/a?

Foto: Museo Nazionale Romano - acconciatura antica

39 commenti:

  1. per quanto riguarda il controllo, questo è compito dell'agenzia delle entrate, per quanto riguarda il cinese, quello che mi taglia i capelli prende 8 euro, contro i 15 che pagavo prima, ed ho visto che è anche un dipendente del negozio dove servono anche donne.

    RispondiElimina
  2. Già, il dubbio viene su quella "dimenticanza" mhmmm...

    RispondiElimina
  3. Considerato che i parrucchieri dichiarano in media 10.000 euro all'anno, mi sembra più congruo il prezzo del parrucchiere cinese che di quello italiano. 10.000 euro l'anno significa per un parrucchiere all'incirca 30-40 euro al giorno.

    RispondiElimina
  4. i cinesi non contano mai la manodopera .....quella non viene calcolata nei conti (mafia cinese).....e per di più i cinesi non pagano le tasse ...sai perchè?????? ...aprono e chiudono i negozi cambiando partita iva ecc ogni due anni ...cosi facendo non possono essere controllati perchè una volta arrivati questi e anche se trovi qualcosa che non va ...come puoi dire questa ditta non pagava le tasse e rintracciare il proprietario visto che la ditta non c'è più?....io o meglio mio marito ha una piccola fabbrichetta di calzature e ne vede di cose cosi .....e purtroppo siamo noi italini che ne facciamo le spese ....

    RispondiElimina
  5. Sicuramente qualcosa si dimenticheranno.. io non ho mai approvato i loro negozi nel settore dei parrucchieri perchè mi chiedo la stessa cosa di Gianna.. "che prodotti useranno?".
    Sinceramente non mi fido molto.
    A presto...Sibilla

    RispondiElimina
  6. Non credo tanto siano sui prodotti, quanto sull'eventuale sfruttamento dei dipendenti- come scrive Foreverme.
    Se ne scriveva in rete proprio pochi giorni fa.
    Ciao Kylie e buona giornata!
    Lara

    RispondiElimina
  7. ..anch'io mi son chiesta come mi hanno prezzi così, ma la ricevuta fiscale la fanno, almeno qui a Torino..cmq. io gliela chiederei..forse la quantità?
    Baci cara e buona giornata:-)

    RispondiElimina
  8. Anche nella mia città ci sono un paio di negozi così...Dove la piega costa veramente pochissimo...Ma io non mi fido molto...Chissà che prodotti usano...

    RispondiElimina
  9. concordo con foreverme, costi della manodopera e tasse non sono proprio considerati

    RispondiElimina
  10. con tutto il rispetto delle altre culture....queste cose hanno portato nel baratro l'economia italiana..... e il made in italy ormai è scritto solo sui libri di storia

    RispondiElimina
  11. il mio parrucchiere è anche più costoso quindi tutto ciò mi lascia parecchio perplessa. chissà poi quali prodotti scadenti usano per shampoo e messa in piega!
    una volta ho provato un parrucchiere economico vicino casa (il mio abituale si trova un po' lontano da quando ho cambiato casa) e sono tornata con dei capelli elettrici che non ti dico. mai più andata ovviamente.

    RispondiElimina
  12. la foto rende benissimo l'idea...
    divertente, baci

    RispondiElimina
  13. Non calcolano la mano d'opera. Nel caso del taglio di capelli ad un uomo, è evidente che calcolano solo le spese vive.
    Qui a Como un taglio maschile non si trova a meno di 25 euro, per una durata di 15-20 minuti.
    Cristiana

    RispondiElimina
  14. Pagano molto meno le lavoranti che sono solitamente dipendenti, come in tutte o quasi le attività cinesi. Quanto ai prodotti non ne ho idea. Non ci sono mai andata anche se il basso prezzo fa venire voglia. Ciao Rirri52

    RispondiElimina
  15. Riparmiano su prodotti e dipendenti a occhio. E lo dic o senza voler cedere al luogo comune

    RispondiElimina
  16. A Roma una piega costa in media 10€, alcuni sono più cari, ma molti anche più economici. E mi riferisco ad esercizi di proprietà italiana. Quindi a questo punto... o i dati della Confartigianato derivano da analisi effettuate su esercizi "top", situati in zone centrali, che utilizzano prodotti eccellenti e impiegano hair stylist di fama... oppure queste "dimenticanze" sono una pratica abbastanza comune...
    Torniamo al discorso dello scontrino di cui si parla tanto ultimamente. Se tutti cominciassimo a chiederlo, forse pagheremmo un pò di più, ma magari sul lungo periodo le cose migliorerebbero, chissà!
    Un saluto cara!

    RispondiElimina
  17. io le parrucchiere le odio (senz'offesa per nessuno)e per nulla al mondo andrei da una cinese...sia chiaro, non è per razzismo, solo che si sa che questi lavorano come schiavi e non voglio essere complice di questo mercato umano. Mi dispiace, ma la loro è concorrenza sleale...uno si illude di risparmiare, ma poi ci sono i costi occulti. Il tuo dubbio è più che lecito un bacio

    RispondiElimina
  18. usano gli stessi prodotti che utilizzano per realizzare i giocattoli (cancerogeni) per i bambini.
    Possibile che non vengano controllati in nessun modo?

    RispondiElimina
  19. .... dunque che si fa? Ci laviamo i capelli da soli in casa!? Così avrò, più che mai, un diavolo per capello!!!!!
    www.tittig.blogspot.com
    TIRA E ...... molla

    RispondiElimina
  20. non so se i cinesi dimentichino di pagare qualcosa o qualcuon... so che alcuni parrucchieri fanno prezzi da paura! per fortuna ne ho trovata una (italianissima e con 7-8 dipendenti italiane!) che per colore + taglio + piega non mi fa spendere più di 35 euro... dove in altri esercizi me ne chiederebbero anche 80-90! :-(
    PS mi rilascia sempre regolare ricevuta!!

    RispondiElimina
  21. io mi rovino da sola, ma una mia amica ci va ed è sempre a posto (magari ci si può portare il prodotto da casa): quand'anche fossero titolari e non dipendenti sfruttati, devono ripagare il debito che contraggono - per aprire le attività - con chi li fa venire in Italia, perciò lavorano anche 12 ore al giorno (più clienti minor costo) in cambio, magari, di poter avere quanti figli vogliono e non solo 1 come in Cina (dove rimanevano solo i maschi!)...

    RispondiElimina
  22. Sicuramente, qualcosa di losco da parte degli affari dei cinesi in Italia, me lo aspetto. Ma secondo me si evince anche che i parrucchieri indigeni farebbero meglio ad abbassare un pò la loro cresta così ben pettinata °-)
    Perchè prezzi così bassi rispetto a quelli nostrani, significano anche un guadagno eccessivo sulle reali spese.
    Quindi, secondo me, artisti va bane, ma voliamo un pò più bassi!

    RispondiElimina
  23. sono figli di un ex barbiere e ti posso assicurare che i prezzi dei parrucchieri di oggi sono assai lievitati!!!!! si fa una vita dignitosa anche a prezzi bassi e PAGANDO LE TASSE (primache mi si accusi che evadeva le tasse metto le mani avanti ;P )

    RispondiElimina
  24. CARA KYLIE .
    Io non andrei mai dai Cinesi , ci tengo molto ai miei capelli . Se vogliamo parlare dei prezzi che fanno , capisco che esco fuori tema . Ma vedi!i cinesi non pagano le tasse? Ma per che noi Italiani paghiamo le tasse? Io quando vado dal dentista o dal o viene a casa l'elettrauto , se gli chiedo la ricevuta , mi raddoppiano il prezzo , alla fine non mi trovo in mano niente. Per non parlare degli avvocati , ne ho avuto bisogno, ho cacciato di tasca 3000,00 euro e non me la fatta per niente . Infondo essendo io è mio marito pensionati e face ricattarci . Io non so se da te sono tutti onesti , da me non se ne salva Nessuno . Cosa possiamo fare? Siamo o non siamo Italiani?
    Ciao lina

    RispondiElimina
  25. conoscevo un parrucchiere cinese che faceva la piega a 5 euro...sono spietati..ma d'altra parte ho sempre pensato che prendersi 25 euro per una piega fosse un furto...come al solito la soluzione intermedia non viene presa in considerazione da nessuno..

    RispondiElimina
  26. i cinesi hanno metodi "particolari"... ih ih ih

    RispondiElimina
  27. passa da me, c'è una sorpresa per te. :)
    http://somethingoranythingaboutm.blogspot.com
    M.

    RispondiElimina
  28. già, comunque evviva le imprese italiane e soprattutto gli artigiani italiani! è una vita che non compro più niente di cinese, e questo dopo aver avuto testimonianze di gente che ci ha rimesso la salute a causa dei prodotti che usano, non solo i parucchieri. sarò sempre contraria alla dilaganza della concorrenza cinese. meglio la qualità.

    RispondiElimina
  29. Pure una mia amica delle superiori andava da un parrucchiere cinese dato che risparmiava molti soldi comunque ho appena pubblicato un post
    dedicato a una collaborazione e mi farebbe piacere avere un
    tuo parere ;) eccoti il link:

    http://www.toprebel.com/2012/01/toprebel-for-99-fake.html

    - Reb, xoxo!

    RispondiElimina
  30. ...per non parlare della qualità dei prodotti che useranno!
    Per me il principio rimane che su queste cose non è il caso di risparmiare e rischiare che ti rovinino i capelli!
    Un bacio!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.com

    RispondiElimina
  31. Beh io so soltanto, che alcuni sono più cari di una gioielleria, e alcuni invece hanno prezzi bassissimi.
    Io ne ho una che mi viene in casa e prende 9 euro. Qual è il prezzo giusto?

    RispondiElimina
  32. Quoto Lemik a oltranza!
    Non so che cosa dichiari la mia ex parrucchiera, ma so che fa vita da nababba...
    E so anche che ne ho trovata un'altra, ITALIANA, stessi prodotti, metà del tempo impiegato e META' PREZZO, che mi fa le stesse cose, e non devo nemmeno chiedere la ricevuta perchè la fa già di suo.
    Dunque si può.
    Vivere e pagare le tasse.
    Però non prendiamo mai ad esempio questi cinesi. NOn è giusto. Rovinano e basta.

    RispondiElimina
  33. Se il parrucchiere è bravo, e un serio professionista ed utilizza ottimi proditti non vedo perche debba avere dei prezzi bassi, evidentemente non è cio che ho detto...o no?
    Un abbraccio Kylie

    RispondiElimina
  34. dalle mie parti la piega costa 10-12 euro ... ma c'è chi la fa pagare di più per essere esclusivo e trova chi ci va...
    forse non dischiarano qualcosa oppure non guadagnano niente... vivono per lavorare senza lucrare ...

    RispondiElimina
  35. Bisogna considerare che i cinesi sono dei gran lavoratori, puntano molto sulla quantità a discapito della qualità, ma tant'è..

    RispondiElimina
  36. anche secondo me dipende dal mancato conteggio della manodopera. e le tasse sono praticamente nulle per questo tipo di attività aperte dagli stranieri.con tutte le polemiche annesse del caso
    è un tema molto delicato.

    RispondiElimina