lunedì 30 gennaio 2012

Novità sul lavoro e vicende personali


Ho letto sulle notizie di Libero che il curriculum vitae tradizionale sembra non interessare più le aziende che assumono, in quanto non sufficientemente utile alla valutazione dell'idoneità del candidato al posto.
Questa bella pensata parte dall'America dove un'azienda ha chiesto agli aspiranti analisti finanziari di comunicare i link ai loro blog o alla pagine Twitter anziché inviare i CV. A questo poi si aggiunge la richiesta di un video in cui avrebbero dovuto spiegare le motivazioni per la loro assunzione.

Mettiamo che io debba comunicare il link di questo blog, quale sarebbe l'idea di me che questo spazio trasmette?
Inquietante, ci devo pensare su con calma.

Per quanto riguarda la selezione del personale, ho un fiuto particolare nel comprendere le persone. Alla fine del 2010 stava per essere assunta una dipendente vincitrice di un concorso. Contattata per la firma del contratto cominciò a fare i primi capricci. Decisi di chiamarla per darle una scossa e dal suo comportamento e dai discorsi che mi fece capii subito che sarebbe stata un grattacapo per il suo futuro dirigente. Dissi infatti al mio collega d'ufficio: "Non mi piace per niente, questa è una rompic...., ci creerà un sacco di problemi."
Tempo qualche mese e si rivelò recalcitrante ad orari e regole. Tuttora il dirigente non riesce a tenerla in riga.
L'avevo preannunciato.

Foto: una delle più belle spiagge di Corfù

43 commenti:

  1. E che pensi della laurea che non ha più valore?

    RispondiElimina
  2. La storia che i datori di lavoro americani sono più propensi ad avere i link dei blog e siti piuttosto del vile pezzo di carta mi era giunta già da tempo.. Per molti sarebbero cavoli amari, ma non per te, tranchi... Buon lunedí! Fede

    RispondiElimina
  3. Io ho dovuto non ho dovuto spedire molti CV, grazie al cielo mi è andata bene, però sull'ultimo che ho consegnato al MART dove ora lavoro ho segnato che scrivo un blog, e Carlo the boss non so se lo ha letto, ma lì sono manico di pittoresche personalità, al massimo direbbero che sono un po' schizzata pure io XD

    Gianna, comunque non è vero che la laurea non ha più valore. Io ho trovato lavoro per il percorso di studi che ho fatto, non credo che se avevo studiato economia mi mettevano a fare laboratori creativo cognitivi con i bambini, no?
    Penso che la differenza sia che una volta per lavorare ti recavi da tal dei tali chiedevi che ti diceva subito si/no. Per una volta parlo anni 60/70... Mi baso sui racconti dei miei genitori o parenti di quella generazione. Ora ci sono le agenzie del lavoro. Questa è la rovina.

    RispondiElimina
  4. molto interessante, brava ad averlo pubblicato. mi sembra un post utilissimo e che fa riflettere

    baci

    RispondiElimina
  5. non ne sapevo nulla sinceramente. e penso che passerà un bel pò di tempo prima che diventerà un problema nostro, qui va tutto molto a rilento.
    M.

    RispondiElimina
  6. ci vuole "naso" verissimo, baci

    RispondiElimina
  7. Il curriculum è una storia che raccontiamo a chi lo legge. Spesso meno veritiero, e sicuramente meno spontaneo, di un blog. Io se dovessi assumere qualcuno gli farei scrivere un tema su un argomento preso a caso. A parita di titolo di studio, sceglierei il tema migliore.

    RispondiElimina
  8. Anche le aziende oggi violano la privacy dei propri dipendenti e non mi piace questa situazione.

    RispondiElimina
  9. Mica male l'idea di comunicare il proprio link o blog...Tu daresti di un'ottima immagine.E non lo dico per piageria. In questo spazio siamo molto veri...
    Anche il fiuto ha molto valore, secondo me. Insomma: sul cv si possono scrivere tante fesserie, dunque non ha un valore corrispondente al vero.

    RispondiElimina
  10. Succede spessissimo anche a me, sento a pelle come sono le persone , ma regolarmente non vengo ascoltata! Il mio secondo nome dovrebbe essere Cassandra!

    RispondiElimina
  11. Sarebbe molto più semplice se ti chiamassero almeno per vederti dal vivo, che ne so... per verificare che non hai messo foto appena uscite da fotoscioppes (xD). Anche in un video si può fingere, no?

    RispondiElimina
  12. certo che se tu concorressi per il posto da chirurgo o da primario... dovresti un pò modificarlo.Anch'io sono convinto che la laurea sia un pezzo di carta oggi perchè non c'è meritocrazia in Italia, pertanto inutile. Guardate Martone, laureatosi a Teramo a 32 anni perchè non aveva un cazzo da fare che carriera ha fatto, in poco tempo, grazie al padre... viceprimoministro...

    RispondiElimina
  13. E dà degli sfigati ai trentenni che magari si sono fatti il culo per arrivare a quel pezzo di carta.
    Ogni volta che si tocca l'argomento "studi" il mio pensiero corre a un pesce di fiume, ormai simbolo del "non conta chi o cosa sei, conta di chi sei figlio".
    E comunque salmonata è ottima.

    RispondiElimina
  14. A parte il fatto che secondo me il tuo blog non potrebbe che farti fare belle figura, mi chiedo: ma allora i titoli di studio non avrano più alcun valore se paragonati ad una bella pagina twitter? ( e poi dove sta scritto che tuttihanno un blog e una pagina twitter?) Boh...
    Cmq ti invidio per la tua dote, io invece la persone non le so valutare per niente, al primo impatto sembrano sempre tutti tanto bravi e buoni! ^^
    Un bacio!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.com

    RispondiElimina
  15. Si basano sui blog? Mi vien da ridere, per fortuna che un lavoro già ce l'ho, altrimenti avrei potuto dire addio a qualsivoglia speranza di un posto...

    RispondiElimina
  16. mmm... un link al mio blog sarebbe un'idea geniale... non rischierei mai più di inciampare neppure per sbaglio in un lavoro... in pratica un'assicurazione sulla libertà (di morire di fame... :D)

    RispondiElimina
  17. Ciao Kylie!
    Nel mio blog c'è un premio per te…se ti va passa a leggere.senza impegno ovviamente
    Ti abbracio

    RispondiElimina
  18. Gianna la laurea avrà sempre un valore, anche se non codificato. Io non la ritengo indispensabile sul lavoro, ci sono persone che con l'esperienza e con la tenacia si sono costruite carriere importanti anche senza il titolo di studio.

    Baci

    RispondiElimina
  19. FL quello che si percepisce di una persona attraverso un blog potrebbe essere fuorviante secondo me. Per esempio io sono una gran brontolona sul lavoro... chi lo direbbe mai?

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  20. Nora al massimo avranno apprezzato quello che scrivi, a me sembri perfettamente equilibrata nel blog.

    Un bacione

    RispondiElimina
  21. Non si dice piacere - La moda passa, lo stile resta grazie, un abbraccione!

    RispondiElimina
  22. M. forse nelle realtà più importanti qualcosa del genere ci può stare. Nelle piccole e medie imprese conta la presentazione diretta, il colloquio.

    Bacio

    RispondiElimina
  23. Aliza anche un pizzico di sensibilità!
    Come sempre.

    Bacio

    RispondiElimina
  24. Primo Ultimo temo resteresti impressionato dalla quantità di errori!
    Però sarebbe una prova originale.

    Baci

    RispondiElimina
  25. Cavaliere oscuro del web da me non risulta. Dipende però dalle motivazioni.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  26. serenella concordo con te, nel curriculum puoi scrivere cose non veritiere, nessuno si prende la briga di andare a controllare.

    Baci

    RispondiElimina
  27. valeria anche il mio allora. Non vengo ascoltata neppure io, solo che poi mi coinvolgono se ci sono problemi da risolvere e lì mi arrabbio.

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  28. Kyra io credo nella prima impressione e nel fatto che gli aspiranti debbano farsi notare in qualche modo. Inviare il curriculum può essere solo un primo passo, poi si deve insistere e chiamare per fissare un colloquio e via di questo passo. La determinazione è una qualità.

    Baci

    RispondiElimina
  29. nonno enio non sono la persona adatta per lavorare in sanità! In Italia i posti migliori sono destinati ai figli di..., me ne sono resa conto presto. Dobbiamo sovvertire questo stato di cose se vogliamo migliorare la nostra società.

    Bacio

    RispondiElimina
  30. gattonero i figli di ... sono un grosso problema, di difficile soluzione. Ho letto che in Italia c'è un milione di persone che vive alle spalle di tutti gli altri. I politici sono una parte di questo milione. Sono esigenti e non si accontentano mai. E a noi tocca lavorare per loro.

    Un bacione

    RispondiElimina
  31. S grazie cara. Il fiuto aiuta molto perché rischi sempre nella vita con le persone che incontri. Per esempio nella scelta del moroso!

    Un bacione cara

    RispondiElimina
  32. Ibadeth forse pure io dai. Nel tempo ho scritto anche un sacco di cavolate che non fanno di me un candidato ideale.

    Bacio

    RispondiElimina
  33. Zio Scriba no dai, non credo. Di sicuro faresti bella figura. In fondo è il carattere che conta.

    Un bacione

    RispondiElimina
  34. qglcld55 vengo a leggere di sicuro cara.

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  35. questo spazio trasmette l'idea di una persona brillante e con tanta voglia di fare :)

    RispondiElimina
  36. Passa da me... c'è un premio per te!

    RispondiElimina
  37. ahahahahhah il tuo post mi ha fatta riflettere... non le sapevo queste novità, ma di te, con questo lbog, emerge una figura sana ed equilibrata, molto più che con i giochi di colore che faccio nel mio ... più che trovare un posto di lavoro ne troverei uno in qualche manicomio criminale.... ahahahah anche perché guardo troppo fox crime ... ahahahah
    certo che il tuo fiuto nell'inquadrare le persone mi servirebbe ... io sono totalmente ingenua riguardo alle persone e molto spesso do fin troppe possibilità affinché mi facciano ricredere, ma puntualmente mi deludono...

    RispondiElimina
  38. Io mi devo scusare infinitissimamente with you.
    Pur avendoti nei blog seguiti, blogger non mi segnalava i tuoi nuovi post (è demente, neh?).
    Perciò io non pensavo tu fossi ancora fra noi blogger. Ci sono tante persone che hanno lasciato la blogosfera, perciò pensavo l'avessi pasciata anche tu!
    Però ora non mi perdo più un tuo post!
    baci
    Minerva

    RispondiElimina
  39. allora diciamo che è meglio avere un bel twitter che una laurea? in parte posso essere d'accordo, ripeto IN PARTE, ma dipende dai casi. e cmq meglio crearsi account diversi: uno senza cognomi per i caxxxxcci propri, uno completo per apparire una persona piena di interessi e gioviale
    Fuck!

    RispondiElimina
  40. Quel che si dice un ottimo intuito!
    A presto...Sibilla

    RispondiElimina
  41. Non mi piace l'idea che le aziende spulcino il web per conoscermi (e già lo fanno)ma che debba eesere io a mettergli tutto su un piatto d'argento non esiste. E poi un cv fatto bene secondo me spiega ancora molto

    RispondiElimina
  42. non voglio sapere quanti lavori mi offrirebbero leggendo il mio blog ;)

    RispondiElimina
  43. Non sapevo di questa cosa dei datori di lavoro che chiedono i link dei blog e altri social network... non so cosa pensarne, da un lato sono d'accordo... dall'altro... boh. non che io nel mio blog scriva chissà quali cose strane e non ne rinnegherei nemmeno una... ma ho sempre pensato il blog come uno spazio assolutamente MIO, non uno nel quale un potenziale datore di lavoro sbircia per capire se vado bene o no... Oltretutto, a meno che nel proprio blog, uno non scriva di essere un serial killer o qualcosa del genere, spesso le tematiche trattate sono così diverse dal potenziale lavoro... come fanno a rendersi conto? di nuovo: boh!!
    Comunque, ti ho conosciuta per caso, grazie a un commento sul blog di zio scriba e, per quello che ho letto fino ad ora, il tuo blog è molto carino! :)

    RispondiElimina