lunedì 27 febbraio 2012

Riflessione


Vi invito ad una riflessione.
Chiudete gli occhi e immaginatevi gravemente ammalati. Non potete lavorare, non riuscite ad uscire di casa, la vostra debolezza è tale che qualsiasi attività vi sfianca.
Adesso che avete compreso la situazione, pensate a quanti e quali amici vi resteranno a fianco.
Uno, due... tanti?
Ne siete proprio sicuri?
Vi auguro di cuore che siano tantissimi, perché la realtà finisce sempre per stupirci e non in positivo.

Foto: Pianosa

68 commenti:

  1. ODDIO kylie, mi devo preoccupare?? come mai questa riflessione?? tanto x iniziare al meglio la settimana eh..:) ti invito a passare da me, così farai 4 risate, con i tuoi adorati amici pelosi! :)

    RispondiElimina
  2. Qualcuno ti sarà vicino, ma permettimi di citare Quasimodo:

    "ED E’ SUBITO SERA"
    Ognuno sta solo sul cuor della terra
    trafitto da un raggio di sole:
    ed è subito sera.

    RispondiElimina
  3. posso dirti ...due amici ....a parte la mia famiglia ....ma due amici che accompagnano il mio viaggio .....veri e sinceri ....dolce inizio settimana un abbraccio

    RispondiElimina
  4. In quindici anni di malattia molti sono andati via, alcuni rimasti per poco, per istanti, mesi e anni, solo un esiguo gruppo mi é stato costantemente vicino e non mi ha mai abbandonata, la mia famiglia, le mie due sorelle e 2 vere amiche, compresa la mia dottoressa.
    Un abbraccio Kylie

    ricorda la vita come toglie elargisce anche, sta a noi vedere quante bellezze ci circondano. Amarci e non temere la solitudine
    Ti auguro un sereno inizio di settimana
    Lilly

    RispondiElimina
  5. In fondo non c'è bisogno che siano tanti: ne basterebbero un paio di quelli veri...

    RispondiElimina
  6. Fai quello che ti dice Cecilia ma nello stesso tempo leggi quello che ha scritto Gianna

    RispondiElimina
  7. Pochi ovviamente. Personalmente credo rimarrebbero quelli che ho che si contanto sulle dita di una mano.

    RispondiElimina
  8. Una riflessione che induce a far i conti con se stessi e con chi ci ama veramente.
    Baci, cara amica.

    RispondiElimina
  9. Gli "amici" è meglio non metterli alla prova.
    Anzi, in generale meglio non mettere alla prova le persone. Sarò cinico ma è abbastanza vano avere delle aspettative.

    RispondiElimina
  10. Nessuno, vederli soffrire mi farebbe morire.
    Ciao.

    RispondiElimina
  11. Faccio spesso questa riflessione.
    Poi preferisco ignorare la risposta.
    Buona settimana, Kilye.

    RispondiElimina
  12. credo che la vita ci stupirà, come sempre, non facciamo previsioni sia nel bene che nel male. Quando ho cercato di ipotizzare il mio futuro, alla prova dei fatti, ho sempre sbagliato. Investiamo nel presente, con fiducia, nelle persone che abbiamo vicino...
    Kylie, hai visto oggi che sole splendente?? Baci

    RispondiElimina
  13. Fatto. Credo che avrei delle sorprese non molto gradevoli... come ho visto con persone a me vicine...

    RispondiElimina
  14. Cara Kylie ti prego non essere pessimista, lo sai che ci sono tanti e tante persone che non sanno fingere e sono sempre pieni di affetto verso quelli che ne hanno bisogno.
    Ciao e buona settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  15. una riflessione molto amara e fatta di lunedì mattina sembra ancora più pesante... in quei casi, tristissimi, lo so che non resta accanto nessuno... nemmeno i parenti... a mala pena potrebbero essere tre persone ... ma sicuramente ormai chiunque per scaricarsi la coscienza ti affianca una badante ed anche in quel caso non si sa mai quello che ti può capitare... (botte, furti e sparizioni notturne insieme alla tua lavatrice solo per citare fatti di cui sono venuta a conoscenza)
    una riflessione tristissima e ci illudiamo se la pensiamo diversamente!!!

    RispondiElimina
  16. * Gianna
    bellissimo il commento!!!

    RispondiElimina
  17. post molto triste. spero che questa tua "malinconia" passi al più presto.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  18. Quando mi accorsi d'esser rimasto solo presi il viaggio come per mare e come incanto mi ritrovai a sognare..su un prato..ad aspettare.. Non era bello e ogni tanto pioveva, ma il sole mi diede coraggio e cosi tra le margherite e le bocche di leone.. spesso mi veninavo a trovare le pecore, le farfalle, le rondini e i bambini in ogni stagione. Mi mancava la confusione, il tempo e il sorriso: dei migliori amici ne rimasi deriso, ma di poche stelle le ho nel cuore in paradiso.
    Maurizio

    RispondiElimina
  19. Hai ragione, infatti non mi aspetto mai niente da nessuno... son veramente poch le eccezioni alla regola purtroppo!

    RispondiElimina
  20. Mi unisco al commento di Adriana: l'importante è che siano veri!

    RispondiElimina
  21. Non serve immaginarsi ‘gravemente ammalati’, basta essere semplicemente realisti per sapere che il numero dei veri amici si indica con le dita di una mano, spesso di dita ne avanzano pure e comunque è sempre meglio non andare a verificare se lo sono veramente o meno ;-)

    RispondiElimina
  22. Non ho bisogno di immaginare, perchè ci sono passata. Di tutti gli amici che avevo si sono rivelate amiche 4 o 5. Finito il problema tutti son tornati, ma hanno trovato la porta chiusa a chiave e a doppia mandata.
    In tutti questi anni non ne ho mai sentito la mancanza o il rimorso per aver chiuso.
    Consiglio di non avere grandi aspettative (purtroppo!).
    Kylie, è solo una riflessione teorica, vero??
    Bacioni :)

    RispondiElimina
  23. neanche io ho bisogno di immaginare, nel momento di bisogno c'erano, ed erano molti di più di quanti avrei pensato. La cosa importante è ceh siano veri e che ci vogliano essere. Devo preoccuparmi o si fa per parlare?

    RispondiElimina
  24. Oddio, ma come ti vengono certe idee???? Che cosa terribile!
    Anche se sono sicura che la mia famiglia si prenderebbe super cura di me e amche molti dei miei amici farebbero il possibile pr starmi vicini, non credo proprio che permetterei a me stessa di diventare un peso per le persone che amo; piuttosto assumerei qualcuno e cercherei di dare meno fastidio possibile!
    Non so, credo che sarei io ad essere una pessima amica se pretendessi che la gente mi stesse intorno per una sorta di "dovere morale" (o peggio per pietà)!
    Dai, su con il morale! ;)
    Un bacio!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.com

    RispondiElimina
  25. ...e magari quello è proprio momento in cui tocchi con mano quali sono gli amici veri, quelli con la "A". poi magari c'è qualcuno di famiglia, figli, marito, che non ti lascerebbero mai da sola.
    Amara considerazione, la tua.
    Buonanotte mia cara.

    RispondiElimina
  26. mi è capitato di ammalarmi e mi è rimasta vicina l'attuale moglie, allora compagna che si è preso aspettativa a zero ore e zero lire per starmi vicina fin quando non mi sono completamente ripreso, circa un mese... meglio, molto meglio dei parenti. Gli amici o meglio i conoscenti si sono limitati a delle brevissime apparizioni all'ospedale e nient'altro.

    RispondiElimina
  27. ciao kylie .
    Gli amici? Molti si perdono strada facendo; cambiano e noi cambiamo pure loro per che ' ognuno ha una strada che non sempre e' identica alla strada dell'altro. Poi c'è chi si ammala chi va a l'altro mondo prima di noi .Quelli pochi che restano teniamoceli buoni ..buoni , e se ci pugnalano alle spalle in quel caso bisogna sempre perdonare . I nemici sono anche quelli che quando meno ce lo aspettiamo sono gli unici che ci aiutano nel momento del bisogno.
    Ciao e buona giornata .

    RispondiElimina
  28. Finalmente un bella giornata di sole da respirare a braccia aperte buona giornata anche per te Kylie, buon martedì
    Un abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina
  29. Io veramente non vorrei vicino nessun amico

    RispondiElimina
  30. guarda, i miei pensieri sono tutt'altro che ottimistici, purtroppo è così! gli amici veri non sono che pochissimi!

    RispondiElimina
  31. Cara Kylie, secondo me, non c'è bisogno di visualizzare una situazione così tragica, per sapere chi sono i veri amici.
    Lo sappiamo già, mentre si vive normalmente. Probabilmente, da "sani" siamo più in grado di tollerare le ipocrisie.
    Ti abbraccio,
    Lara

    RispondiElimina
  32. Di recente mi è successa una cosa simile. Ho potuto contare realmente solo sul mio compagno e sulla mia famiglia lontana.

    RispondiElimina
  33. ehm, dipende dagli amici e dalla malattia. Se l'amico è vero ti starà accanto, se l'amico è vigliacco sparirà dalla circolazione pur di non assistere alla sofferenza altrui...E' meglio non porsi questo genere di domande e sperare di non doverlo scoprire sulla propria pelle...Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  34. Io ho avuto anni difficili in cui ho avuto una situazione difficile di salute, mi è venuta molta gente a trovare in ospedale quando sono stata ricoverata ma poco dopo uscita attorno a me non c'era nemmeno la metà delle persone che mi era venuta a trovare.
    L'importante è che rimangano gli amici veri, che saranno pochi.
    Spero che tu non ti stia parlando di te, se così fosse mi dispiacerebbe molto.
    A presto...Sibilla

    RispondiElimina
  35. Cecilia una persona a me vicina è in queste condizioni.

    RispondiElimina
  36. Gianna la famiglia è la più grande garanzia di sostegno e di aiuto.

    RispondiElimina
  37. foreverme l'importante è che ci rimangano almeno due amici.

    RispondiElimina
  38. Lilly non è semplice portare avanti una malattia grave senza la vicinanza di qualcuno.

    RispondiElimina
  39. Adriana Riccomagno già e che rimangano amici veri fino in fondo.

    RispondiElimina
  40. Giuliano entrambe hanno scritto due commenti che mi sono piaciuti, hai ragione.

    RispondiElimina
  41. Primo Ultimo ovviamente una sola mano!

    RispondiElimina
  42. riri anche una riflessione molto amara.

    RispondiElimina
  43. Lorenzo hai ragione, da quello che vedo fanno tutti la fuga.

    RispondiElimina
  44. gattonero però resteresti in solitudine e non va bene neppure questo quando si cerca di guarire!

    RispondiElimina
  45. wikiaquila anch'io quando la faccio preferisco ignorare la risposta. Che tristezza!

    RispondiElimina
  46. Aliza al momento tanta fiducia nelle persone non ce l'ho...

    RispondiElimina
  47. Rainwoman per me è stato lo stesso. Vedo che succede agli altri e "imparo":

    RispondiElimina
  48. Tomaso purtroppo mi scontro con una realtà che è molto deludente.

    RispondiElimina
  49. Pupottina appunto, non ci vedo nulla di positivo nella malattia e nel suo contorno fatto di persone. Dobbiamo solo sperare in buone sorprese.

    RispondiElimina
  50. Non si dice piacere - La moda passa, lo stile resta non credo passerà presto. La mia realtà è fatta anche di questi problemi.

    RispondiElimina
  51. Maurizio bellissimo commento ispiratore.

    RispondiElimina
  52. Darjo se non l'avessi provato non sarei così pessimista sulle persone nei momenti di difficoltà.

    RispondiElimina
  53. Sara se non ci stanno vicini mi sa che non lo sono!

    RispondiElimina
  54. Chit meglio fare finta che siano veri amici e non aspettarsi troppo? Potrebbe essere una soluzione.

    RispondiElimina
  55. Dona Flor ecco brava, anch'io glielo farei pesare! Eccome se glielo farei pesare.

    RispondiElimina
  56. Queen B ♛ non ti preoccupare per me, si tratta di una persona a me vicina in questa situazione.

    RispondiElimina
  57. S non sono io in questo stato ma una persona cara e sinceramente penso che prenderò a calci in culo i suoi "amici" a breve termine. Tanto per sentirmi meglio.

    RispondiElimina
  58. serenella hai ragione, amara ma vera, te l'assicuro.

    RispondiElimina
  59. @enio ti capisco, anch'io sono come la tua compagna.

    RispondiElimina
  60. Lina-solopoesie io sono un po' restia quando si tratta di perdonare, per il semplice fatto che con me non è mai stato così tollerante nessuno.

    RispondiElimina
  61. Old man io penso che qualche dimostrazione d'affetto in più ci vorrebbe.

    RispondiElimina
  62. Lunga raramente ci stanno vicino quando abbiamo bisogno.

    RispondiElimina
  63. Lara diciamo che nella malattia scremi un po' il giro di amicizie e vedi tutti i particolari.

    RispondiElimina
  64. Carolina Venturini purtroppo alla fine è questo che succede.

    RispondiElimina
  65. Hob03 delle scoperte spiacevoli le ho già sperimentate purtroppo.

    RispondiElimina
  66. Sibilla Fiordicorallo parlavo di me nel senso di una persona a me cara.

    RispondiElimina