venerdì 13 aprile 2012

Negozi vaganti


C'è un negozio di scarpe vicino a casa mia o forse dovrei dire che c'era un negozio di scarpe vicino a casa mia, che si è improvvisamente svuotato. Ci passo davanti tutti i giorni ma l'altro ieri era tutto arredato con scarpe e borse primaverili in bella mostra e ieri era tutto sparito, con la sola eccezione di una borsa arancione al centro della stanza.
Mi ha provocato un'ondata di tristezza assistere a questo fenomeno improvviso.
Ma ormai è la norma.
Nella mia città c'è un continuo girovagare degli stessi negozi alla ricerca dell'affitto più basso. Da una via all'altra, da uno stabile all'altro, anche posto a una ventina di metri dalla precedente ubicazione (un'erboristeria dove vado di tanto in tanto).
In questo periodo di crisi credo sia comprensibile tale migrazione continua.

Ma è solo dalle mie parti che capita questo o l'avete osservato anche dalle vostre?


Foto: vi consiglio una visita al sito www.madamepivot.it

56 commenti:

  1. Capita anche dalle mie parti! Aprono e chiudono con una velocità preoccupante.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  2. è così...oppure chiudono e basta. E' la crisi e dicono che ancora non abbiamo toccato il fondo e risaliremo poi molto lentamente. Perciò facciamo buon viso, le cose non torneranno come prima facilmente...
    il nostro mondo è cambiato definitivamente. Aspettiamo una nuova generazione che costruirà il suo boom economico...la vita è cambiamento, nonostante noi, che la vorremmo fissare al "mi piace"

    buona giornata Kylie

    RispondiElimina
  3. Buongiorno Kylie!
    Anche nella mia zona c'è un continuo migrare di negozi; spesse volte però non apre più nessuno, visto il continuo lievitare dei costi d'affitto.
    Per consolidare il tutto poi si aggiungerà l'IMU, con rincari pari all'8cento per cento...non so se mi spiego.
    Bacio.

    RispondiElimina
  4. Massimo fa impressione vero? Sembra scappino di notte.

    Un bacione e buon venerdì!

    RispondiElimina
  5. Aliza noi viviamo la stessa realtà fatta di apparenze e di sofferenze nascoste. Qualcuno però combatte e qualcuno si arrende. Speriamo in meglio dai.

    Buona giornata cara.

    RispondiElimina
  6. Maura non me ne parlare. Da me è un continuo discutere di questo, le cose non sono così semplici come sembrano. Incrociamo le dita per il nostro paese.

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  7. più che altro chiudono ....e non tornano ...ieri con mio figlio che ho portato ad una visita oculistica e poi prima di portalo ad allenamento di basket avendo tempo ci siamo fermati in un centro commerciale .....abbastanza grande ....era deserto ....non dico solo dentro ai negozzi ma anche fuori ....eravamo in pratica io e lui e le commesse ....e l'orario era le sette di sera ..quindi la maggior parte delle persone aveva già finito di lavorare .....che sensazione di freddo e di gelo nelle vene .....

    RispondiElimina
  8. Anche io confermo che chiudono e basta. O se aprono resistono davvero pochi mesi. Anche se penso che nel mio sud il fenomeno sia meno evidente. E' paradossale ma qui la crisi si sente di meno.

    RispondiElimina
  9. Purtroppo capita anche a Torino...

    Che desolazione...

    RispondiElimina
  10. Dalle mie parti chiudono e basta il paese è morto!!Già da quando sono sorti i centri commerciali i negozi hanno cominciato ad agonizzare(un pò anche per colpa loro)adesso con questa crisi......
    p.s. complimenti alla proprietaria delle scarpe fanno fare sogni.....luuuunghissimi

    RispondiElimina
  11. le leggi del mercato creano e distruggono rapidamente...

    RispondiElimina
  12. Cara Kylie prima di prendere il treno ti auguro un buon fine settimana.
    Tomaso

    RispondiElimina
  13. In pianura la situazione non è certo migliore...Buon weekend!!!

    RispondiElimina
  14. Buongiorno Kylie ,ho un negozio D'arredamento è dura,grazie a Dio io lavorichio ma è tutto estrememente rallentato. Le persone sono letteralmente insicure di ogni scelta anche la più banale,anche davanti alle ovvietà tentennano.... c'è una perdita di serenità quella stessa che ti permette di scegliere serenamente e sicura delle proprie possibilità che ormai cambiano di giorno in giorno! _marì

    RispondiElimina
  15. Sai che ti dico? io so che c'è la crisi...anche a casa mia si sente, dato che,in 4, viviamo di un solo stipendio....però se vado ad es. da Auchan è sempre pieno....vado a ordinare la pizza da asporto e c'è la fila, i ristoranti e le pizzerie al tavolo sono sempre quasi pieni!!!Noi qualche volta ci permettiamo un agriturismo o il cinese...e devi prenotare altrimenti non c'è posto....Ma la gente da dove li tira fuori i soldi?Sotto casa, negli ultimi 2anni, hanno aperto un salone di parrucchiera, un bombolaio, una frutta e verdura, una panetteria e a giorni inaugurano un bar...Vanno tutti alla grande e io ne sono felicissima perchè ho quasi tutto a 5 metri dal cancello!

    RispondiElimina
  16. Da noi a Palermo i negozi chiudono per diversi motivi spesso comprensibili, ma la cosa brutta e che...non riaprono piu!
    Meravigliosa giornata Kylie. tempo e terremoto a parte
    Un abcio
    Maurizio

    RispondiElimina
  17. Da noi, proprio sotto casa, nel giro di pochi mesi hanno chiuso: panetteria, un piccolo bar, un risto-pizzeria ed un ottico...purtroppo, forse riapre solo la pizzeria, qui chiudono e basta:-(
    Un bacio

    RispondiElimina
  18. è già qualcosa che non chiudano tout court...

    RispondiElimina
  19. ti posso assicurare che anche a Roma succede lo stesso..... un giorno ti trovi un negozio... il giorno dopo un'altro....

    RispondiElimina
  20. Qui a Roma ho notato che molti negozi hanno chiuso, ma non ho idea se poi si sono trasferiti da qualche altra parte!
    Cmq a me non fa tanto impressione questo fenomeno, anzi sono sempre curiosa di vedere chi aprirà dopo! che ne sai, magari ti aprono uno Zara sotto casa! ;P
    Un bacio!

    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.com

    RispondiElimina
  21. Penso sia una costante di molti negozianti, che nella peggiore delle ipotesi chiudono del tutto. Nelle piccole cittadine lo si nota maggiormente, nelle grandi città invece ci si accorge solamente degli spostamenti all'interno dei centri commerciali. Un saluto

    RispondiElimina
  22. credo che non ci sia più grossa vita pper gli esercizi commerciali tradizionali, quel pòco che si aquista lo si fa in internet, prezzi scontatissimi e tanta scelta...peccato però per certe boutique storiche.baci

    RispondiElimina
  23. onestamente a Milano non ho notato questa cosa, che brutto però =(

    RispondiElimina
  24. sì, il fenomeno si è notato anche da me ... ma molto spesso non si trasferiscono ma chiudono definitivamente...

    RispondiElimina
  25. riprendere un libro dopo mesi forse può significare che è la volta buona... a volte è il periodo che non è adatto se un libro è molto pesante ... ecco perchè i generi più leggeri vanno sempre ... odio i libri drammatici .. evito gli autori che mi fanno piangere, anche se poi nella mia mente restano dei libri indimenticabili

    RispondiElimina
  26. Dolce notte Kylie. Buon sabato
    Maurizio

    RispondiElimina
  27. dalle mie parti diverse saracinesche rimangono ormai chiuse, troppo cari gli affitti

    RispondiElimina
  28. foreverme che tristezza un centro commerciale quasi deserto! Ce la faremo?

    Bacio

    RispondiElimina
  29. Primo Ultimo il fatto che ci sia meno crisi o la si affronti diversamente è positivo. Qui siamo come le tartarughe, ci siamo rintanati.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  30. Gianna fa miseria, sembra di essere tornati indietro nel tempo.

    Un bacione cara

    RispondiElimina
  31. Giuliano anche dalle mie parti i centri commerciali e gli outlet hanno creato qualche difficoltà, ma finora hanno resistito. Cose del genere non le avevo ancora viste però.

    Baci

    RispondiElimina
  32. Cirano sì hai ragione e ci si mette anche la prudenza per i tempi difficili.

    Baci

    RispondiElimina
  33. Tomaso grazie, spero che la tua vacanza sia speciale.

    Un bacione

    RispondiElimina
  34. Memole credo siamo messi maluccio adesso. Se anche uno avesse mezza voglia di avviare un'attività gli passa in un amen.

    Bacio

    RispondiElimina
  35. GIALLOSANMARINO a me piacerebbe un attaccapanni a colonna di design, ma mi faccio passare questo desiderio. Ci penserò quando sarò più tranquilla.

    Baci

    RispondiElimina
  36. BiancaneveRossa queste tue riflessioni sono corrette. Credo però che la gente risparmi più su altro che sulle uscite al ristorante o la pizza o lo shopping. Meno qualità degli alimenti acquistati, meno libri, meno cultura in generale, meno tende da sole (è accertato), ecc.
    Speriamo le cose migliorino dai.

    Bacio

    RispondiElimina
  37. Cavaliere oscuro del web credo sia un mal comune, in alcune zone più che in altre.

    Un bacione

    RispondiElimina
  38. Maurizio ho sentito del terremoto! Se non vivessi in un condominio recente e di cemento armato starei sempre in ansia. Mi pare non ci siano stati problemi ma solo un gran spavento là.

    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  39. riri non è un buon segno. Qui qualcuno chiude ma i più girano da un luogo all'altro. Devo dire che non c'è nessuno che abbassa i prezzi degli affitti però! Piuttosto rimangono con i locali chiusi. Non è giusto neppure questo.

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  40. Hob sì cercano di resistere in tutti i modi. È ammirevole come atteggiamento.

    Bacio

    RispondiElimina
  41. Bussola eppure a Roma con tutti gli abitanti e i turisti in teoria non ci dovrebbero essere particolari problemi, solo che se uno non ha disponibilità o preferisce risparmiare i negozi non hanno molta scelta...

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  42. S vicino a casa mia c'era un negozio di strafanti, tra i quali, inspiegabilmente, anche le borse Braccialini che hanno un costo notevole. Dall'oggi al domani ha chiuso per lasciare il posto ad un negozio di abbigliamento donna terribile. Stracci e basta.
    Ho la vaga sensazione che dureranno poco.

    Bacio

    RispondiElimina
  43. max io però mi chiedo, un negoziante che chiude, poi che mestiere fa?

    Baci

    RispondiElimina
  44. ady happyborn io per esempio diffido degli acquisti tramite internet e preferisco andare a fare quattro chiacchiere in un negozio. Non tutti sono antichi come me, però mi dà più soddisfazione.

    Baci

    RispondiElimina
  45. Elle R. fa tristezza sai. A me dispiace e mi chiedo quale futuro avranno questi neodisoccupati.

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  46. Pupottina la tua situazione è più tragica della mia dove i negozianti almeno fanno qualche tentativo per sopravvivere.

    In genere preferisco leggere qualcosa che mi prenda e mi conduca fino alla fine. Raramente mi è capitato di abbandonare un libro a metà. Credo si tratti di 3-4 casi. Voglio dare una seconda possibilità a questo romanzo che ha vinto il premio Strega 2003. Vorrà pur significare qualcosa questo premio!

    Un abbraccio cara

    RispondiElimina
  47. Maurizio grazie e dolce notte a te.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  48. @enio però non li abbassano sti affitti ed è questo che mi fa arrabbiare. Non c'è solidarietà purtroppo.

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  49. Da queste parti non migrano...scompaiono miseramente. Mentre prolificano come funghi quei maledetti "Compro Oro"...sarà ma li odio a prescindere. :-/

    RispondiElimina
  50. Qui da me non ci ho fatto caso...ma forse perché sono tutti "negozioni"...la mia località (purtroppo e/o per fortuna) è turistica, in particolar modo l'estate, e coi soldi che fanno in tre mesi ci campano un anno!! Beati loro...
    Però a Urbino, dove stavo prima, parecchi negozi hanno chiuso o si sono trasferiti...ora anche loro devono pagare il canone rai (ed è il doppio), oltre alle altre mille tasse!

    Un abbraccio, ciao cara!!!

    P.S. Scusa la latitanza...ma sono parecchio impegnata ultimamente!

    RispondiElimina
  51. mark anche qui ce n'è uno ad ogni angolo. In uno lavora un mio amico che riceve chili di oro ogni settimana. Da non credere.

    Baci

    RispondiElimina
  52. Saparunda's Kitchen qui l'anno scorso anche nelle località balneari si è sentita un po' la crisi, vedremo quest'anno che succederà, ma prevedo una diminuzione drastica delle vendite.

    Un abbraccio e vai con calma.

    RispondiElimina
  53. Qui in provincia di Bologna chiudono i negozi, ma più che altro le piccole attività industriali. Viene il mal di stomaco a vedere la fila di cartelli tra affittasi e vendesi in zona industriale. In compenso aprono i centri commerciali, tipo outlet. A mezzogiorno i MacDonalds sono pieni, i negozi invece vuoti. A Bologna centro poi è un balletto di saracinesche. Tristissimo.

    RispondiElimina
  54. si si anche qui (cagliari) succede molto spesso,io infatti al contrario di te mi stupisco quando vedo che durano piu' di una stagione ! ! !

    RispondiElimina
  55. Qui sotto casa lunedì apre un negozio di scarpe e accessori...vediamo quanto resiste.

    RispondiElimina