giovedì 17 maggio 2012

L'Italia sta solo rimandando l'inevitabile



Ieri dopo aver raggiunto il lavoro a fatica, bagnata fradicia dalla pioggia e dalla bora, ho avuto la brillante idea di chiedere ad un collega se il nostro ente sta rispettando il patto di stabilità. Europa Europa Europa!
Per il momento, ha detto. Ma tra qualche mesi tutti i comuni si troveranno in estrema difficoltà.
Certo io non sono mai stata un'ottimista e pur non essendo un'economista, leggo molto e cerco di cogliere da qualche atto legislativo o dichiarazione quello che non viene scritto apertamente e con chiarezza. 
In questo sono sempre stata un po' "striga" e precorro i tempi, sapendo in anticipo quello che succederà.
Ho chiesto al mio collega, stiamo per fare la fine della Grecia, del Portogallo e della Spagna, vero?
Mi ha risposto che aveva da poco parlato con un suo amico, direttore di banca di una filiale importante. Questo gli ha semplicemente detto che l'Italia sta solo rimandando l'inevitabile ed è già tutto perso. Solo che invece di prenderne atto e di togliere il disturbo ci stiamo facendo del male impoverendo la gente e l'economia del paese. Da questo non ci risolleveremo facilmente.
Testuali parole.

37 commenti:

  1. spero che il tuo amico si sbagli ......ma penso sia una speranza abbastanza vana .....buona giornata kylie ..un'abbraccio

    RispondiElimina
  2. E' angosciante quanto sta avvenendo, cara Kylie. Credo che tutti, sotto sotto, sappiamo di essere arrivati a un punto senza ritorno e ce ne stiamo qui con le mani legate e la paura nel cuore.
    Ciao,
    Lara

    RispondiElimina
  3. Un pericolo terribile!!! Perchè non agire per salvare almeno il "salvabile"?
    Buona giornata

    RispondiElimina
  4. Stamani non ci hai dato un bel buongiorno!!! Meglio quando ci parli di "storie" curiose o ci racconti barzellette

    RispondiElimina
  5. Speriamo che i "sonnolenti" si sveglino per tempo!

    RispondiElimina
  6. Io non mi fiderei troppo delle parole di un bacario/banchiere...

    RispondiElimina
  7. Purtroppo credo proprio che il tuo amico abbia ragione, si sta tendendo davvero troppo la corda, che mi sa è destinata a rompersi!!! Pensare a tutti i sacrifici fatti dai nostri genitori... per poi essere arrivati a questo punto, che tristezza!!!

    RispondiElimina
  8. questa opinione è sicuramente pessimista ma probabilmente è anche realista

    RispondiElimina
  9. Siamo al penultimo stadio di un'agonia irreversibile. Attaccati a marchingegni che ci tengono in vita senza curare il male. L'ultimo stadio sarà il distacco della spina: sarà un'eutanasia tardiva, poiché i danni provocati dai placebo che ci vengono propinati resteranno a lungo, anche dopo 'morti'.
    Quanto alle riflessioni dei banchieri/bancari in genere: da parte di tutti quelli che hanno a che fare con le banche (compresi gli addetti alle pulizie) preferirei un silenzio vigliacco piuttosto che sentire previsioni o auspici o piagnistei. Se siamo arrivati a questo punto, buona parte del 'merito' è dovuto al decantato/vituperato 'obbligo' di salvare questi carrozzoni succhiasangue.
    Ciao.

    RispondiElimina
  10. tutto ciò è veramente demoralizzante..... per un attimo ci avevamo creduto....

    RispondiElimina
  11. L'Europa dà così fastidio che le hanno scatenato contro i killer delle agenzie di rating (ma ovviamente anche i porci speculatori stanno facendo la loro parte).
    Bisognava fare gli Europei prima di fare la moneta unica. È così triste e assurdo sentirsi ancora solo italiani: ma siamo destinati a tornare a esserlo ancora di più, e ancora peggio. Peccato.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  12. il tuo post mi ha fatto pensare a quei pomeriggi piovosi in montagna quando si riesce a far confusione anche con le carte...non ci si trova e qualcuno dice: dai "a monte!!" ridiamo le carte e ricominciamo...
    non sarà allegro certamente, ma forse con questo inizierà veramente la II° Repubblica. Speriamo solo di non ripetere gli stessi errori...ne faremo di nuovi certamente!! Baci ...la vita è un soffio, nulla di umano è infallibile ed eterno. Questa è la realtà (per me) l'uomo vede così il suo limite, l'incapacità di fare il bene per se e per gli altri...si chiederà l'uomo contemporaneo: perchè vivo?? che senso ha la mia vita?? tutta questa corsa al possedere mi da la vita?? siamo finiti in un ingranaggio che ci sta stritolando ma che ci porterà a scoprire che si può essere felici con poco.- a riBaci

    RispondiElimina
  13. spero non pensi ad un predicozzo... era uno sfogo, era quello a cui stavo riflettendo prima di leggere il tuo post...ormai i giochi sono fatti, come dici tu. Possiamo solo aspettare senza avere troppa paura però, perchè sempre e in tutto c'è un disegno d'Amore. Baci

    RispondiElimina
  14. Ciao, spero proprio che il tuo amico si sbagli. Ora se ne sentono di ogni: dipende se si è più ottimisti o pessimisti. Certo il momento non è facile e si è corsi ai ripari troppo tardi... Spero in bene

    RispondiElimina
  15. io sono pronto al modello greco....euro addio!!!!

    RispondiElimina
  16. io sono pronto al modello Jugoslavo.

    RispondiElimina
  17. Bene, no? Non riesco nemmeno a sperare di poter avere la mia vita insieme al mio moroso...figurarsi l'idea di sposarsi o di mettere al mondo un bimbo... che schifìo!

    RispondiElimina
  18. ammazza.. questo mi rattrista molto.. ho anche qualche dubbio sul metter su famiglia..

    RispondiElimina
  19. oh mamma mia! Ti aspetto da me.

    RispondiElimina
  20. è già tutto scritto purtroppo, se le cose non cambiano (rientro con più tempo)tutti faranno la fine della Grecia. I mercati non scherzano e sono privi di pietà

    RispondiElimina
  21. Anch'io la vedo dura rinascere dalle nostre ceneri... anche perche' fino a che saranno gli ottantenni a governarci nulla potra' smuoversi!

    Spazio ai giovani e alle idee innovative!!

    E i vecchiardi tutti in pensione forzata!

    RispondiElimina
  22. Purtroppo stiamo per vivere un secondo Medio-evo, buio ed incerto, l'unica speranza è che sia breve...

    RispondiElimina
  23. Arriveremo ad invidiare la Grecia e compagnia bella....
    Ti lascio un abbraccio ed un sorriso (nonostante la crisi)!
    Un bacione

    RispondiElimina
  24. in realtà la penso anche io come te, ma non si sa mai, gli italiani sono famosi per la loro inventiva, magari esce fuori qualche soluzione che ci salva in corner! ;)
    Un bacio!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
  25. Non è forse la condizione che viviamo e cui andiamo incontro paragonabile alla fine del mondo prevista dai Maia per il 2012.
    Forse si.

    RispondiElimina
  26. Non mi va a quest'ora di fare un'analisi tecnica dell'andamento dell'economia nazionale ma per chi vive quotidianamente questo sistema posso solo essere ottimista. L'ultimo bollettino economico della Banca d'Italia e di Aprile 2012 (http://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/econo/bollec/2012/bolleco68/bollec68) è chiaro.
    Notte Kylie
    un abbraccio: io dormo sereno.
    Maurizio

    RispondiElimina
  27. Il processo è iniziato qualche anno fa, e lo stato di agonia non è casuale, ma preventivato. Nel Trattato di Lisbona del 2007, ci sono già scritte le contromisure a quel che verrà dopo.

    RispondiElimina
  28. il buongiorno si vede dal mattino...
    spero che l'inevitabile non ci sia ... spero che non facciamo la stessa fine, ma chi sono io per dirlo?
    questo pensiero è angosciante ed è già nell'aria e nelle menti di tutti anche a livello inconscio ... speriamo bene e che riescano a risollevare o si attirino a risollevare la situazione prima che si arrivi all'irreparabile...

    RispondiElimina
  29. ...tristemente vero.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  30. il nostro è accanimento terapeutico, come per tutte le cose!
    un bacino

    RispondiElimina
  31. lo scrivo da sempre e tu che mi leggi, lo sai...è solo un rimandare inutile...questo incaponirsi con una Europa che ha fallito su tutti i fronti.Non so che futuro ci aspetta, ma fà paura.

    RispondiElimina
  32. Non proprio una iniezione di ottimismo il tuo collega... Sigh Sigh!

    RispondiElimina
  33. Penso che il tuo amico abbia ragione, ma nello stesso tempo spero che accada l'incredibile e ci si salvi. Oppure , se va male non so che faremo. Come si sopravvive se non ci cono soldi e non abbiamo la terra da coltivare? Un ciao speranzoso! Riri52

    RispondiElimina
  34. L'attuale situazione è figlia di un inganno programmato negli anni e che viene da lontano.
    Non rischia solo l'Italia, ma l'intero pianeta.

    RispondiElimina
  35. Sono tempi duri, troppo per le nostre tasche ma forse non abbastanza per il nostro spirito di sacrificio. Peccato serva a poco, dato che non scegliamo noi cosa è meglio o cosa è peggio per il nostro paese.
    Un saluto

    RispondiElimina
  36. Cara Kylie eccomi dopo una lunga assenza sono qui per ammirare sempre i tuoi interessanti post.
    Sicuramente la situazione è allarmante speriamo che trovino un rimedio, credo che ci vorrebbe un miracolo, na abbiaomo bisogno!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
  37. Purtroppo temporeggiare e perder tempo è quello che noi italianisappiamo fare meglio!
    Speriamo bene...ma non si vede la luce!

    RispondiElimina