domenica 29 luglio 2012

Vizi e dipendenze

Asolo

Ieri una cara amica mi ha raccontato la storia di un mio ex compagno di palestra, pensionato. Negli ultimi due anni P. avrebbe dilapidato 4.000,00 euro alla settimana per giocare alle macchinette mangiasoldi. Rimasto senza risparmi e dopo che la moglie (che gestisce un'attività in proprio) se n'è accorta, è ora sottoposto a terapia psichiatrica per uscire da questa dipendenza.
Sono rimasta sconvolta dalla notizia, visto che lo ricordavo come un uomo divertente, equilibrato, pieno di vita. Mai avrei pensato ad un suo comportamento così stupido.
È proprio vero che le persone possono cambiare in un amen e stenti a riconoscerle dopo certe svolte.

20 commenti:

  1. Purtroppo il Vizio del Gioco è una nuova malattia a cui gli Italiani non sanno resistere... In molti si sono rovinati per le macchinette mangia soldi e non solo.

    RispondiElimina
  2. Inchia! Il vizio del gioco, però, purtroppo può impossessarsi di chiunque.

    RispondiElimina
  3. Quando raggiungono questi livelli diventano delle malattie...Bisogna stare attenti...

    RispondiElimina
  4. Si può cambiare per tanti motivi, il vizio del gioco sta dilagando, visti i tempi...

    RispondiElimina
  5. il gioco d'azzardo è una piaga sociale in espansione, conosco persone che fanno fatica a tirare a fine mese che bruciano metà stipendio nelle macchinette! agghiacciante

    RispondiElimina
  6. Io credo che sia anche il contesto sociale e culturale che incide...Buona domenica cara

    RispondiElimina
  7. E' proprio vero che il gioco crea dipendenza... Mi stupisce che colga pure gli adulti...
    Buon inizio settimana!
    Baci

    RispondiElimina
  8. il gioco è una dipendenza terribile, non è un vizio è una malattia dell'anima, come tutte le altre dipendenze. Quello che mi fa arrabbiare è che legalizzino e guadagnino sulle difficoltà delle persone. La "debolezza umana" è sempre in agguato perchè fa parte dell'essenza di ogni persona. Per aggiunta chi ha questo problema o i famigliari stessi, vivono questa malattia con vergogna.

    RispondiElimina
  9. Mi devo sentire una persona cattiva se dico che chi spende migliaia di € alle macchinette mi sembra solo stupido e ignorante? Non giustifico la malattia perchè si sa già che poi ti ritrovi in un giro vorticoso...quindi che ca--- inizi? è la stessa cosa dei drogati...Era una cosa giustificabile solo 40 anni fa....poi le cose sono uscite fuori e chi inizia a drogarsi è solo troppo stupido e basta...non mi fa nessuna pena!

    RispondiElimina
  10. Brutta bestia un vizio tale... Credo che una "mania" del genere si possa infiltrare dentro a una grande difficoltà emotiva temporale o debolezza caratteriale... Tanti baci.

    RispondiElimina
  11. E'curioso, anzi no, è proprio brutto che lo Stato incentivi il gioco d'azzardo e poi si dica di "giocare responsabilmente"! assurdo!

    RispondiElimina
  12. chissà cosa lo ha portato a consolarsi con le macchinette! doveva avere già qualche tormento interiore e tanta solitudine anche se non lo dimostrava. possibile che sua moglie non se ne fosse accorta?
    tornando all'associazione amico-palestra, mi hai fatto ricordare di aver ascoltato un colloquio fra un gruppo di adolescenti 15-16 anni (quindi non così piccoli da non capire) uno aveva aspettato con impazienza i soldi della nonna per il suo compleanno per trascorrere il sabato sera a giocare al poker online ... gloi amici giustamente lo prendevano in giro ... io a quell'età ricordo che litigavo per uscire di casa e non mi sfiorava per niente un'idea simile... come cambiano i tempi e quanta solitudine porta le persone a dilapidare i propri averi, come se non bastassero le tasse e i vari aumenti dai generi alimentari alla benzina ... anzi mi sembra impossibile che ci sia ancora chi se li gioca i soldi con regolarità settimanale O_O

    RispondiElimina
  13. Purtroppo sono in aumento che dilapida il suo patrimonio con gratta e vinci, slot, e scommesse! buon inizio settimana a te...ciao

    RispondiElimina
  14. E' prorpio vero non si conoscono mai abbastanza le persone che ci stanno intorno!
    Cmq credo che sia una dipendenza, quella da gioco d'azzardo, simile a quella del fumo: sai che ti fa male ma non riesci a smettere (ma almeno nel caso del gioco d'azzardo non fai del male anche agli altri!)
    un bacio!
    S

    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
  15. Il vizio del gioco può distruggere.
    E' vero mai dare per scontato nullla, il cervello è come un velo di cipolla.

    RispondiElimina
  16. Ne parlai a marzo nel mio blog delle cifre e della diffusione di questa malattia (si chiama ludopatia) e di come sia talmente subdola e difficile da riscontrare che spesso finisce per ridurre sul lastrico interi nuclei familiari. E visto il numero sempre crescente di persone che affidano ad una grattatina il proprio futuro temo non sarà un trend in diminuzione ahinoi... :-/

    RispondiElimina
  17. Il tuo vecchio compagno di palestra ha preso una brutta piega e fa bene a farsi aiutare da uno sapecialista, è l'unica via perché da soli credo sia uno sforzo di volontà non affrontabile.
    Concordo poi perfettamente con chi dice che l'incentivare il gioco da parte dello Stato è inaccettabile. Trovo semplicemente scandalosa e irresponsabile la quantità di spot per giochi online e lotterie varie.

    RispondiElimina
  18. Capisco perfettamente la situazione, piccola: ora i DDP (Dipartimenti Dipendenze Patologiche) sono pieni di chi è affetto da questa nuova ossessione, quella delle slot machine: pericolosissime, ho sentito dire di gente che davvero ci si gioca la vita!: ( Come va, intanto? Dove vai in vacanza, queest'anno? Un abbraccione, Silvia (glittermoon)

    RispondiElimina
  19. si possono cambiare ...ma a volte siamo noi che non ci accorgiamo dei malesseri altrui.....

    RispondiElimina