martedì 9 ottobre 2012

Marzabotto

In occasione della commemorazione della strage di Marzabotto, il Museo nazionale etrusco è stato aperto gratuitamente al pubblico.

Il porticato del Museo

Necropoli

Il ponte che porta all'acropoli

Nell'acropoli vi sono i resti di tre templi e due altari

Necropoli

Resti della città

Resti di edifici cittadini e sullo sfondo il Museo
Vorrei ricordare che l'eccidio di Monte Sole, più noto come la strage di Marzabotto, rappresenta uno dei più gravi crimini di guerra contro la popolazione civile perpetrata dai nazifascisti durante la seconda guerra mondiale. Obiettivo delle truppe in ritirata tra il 29 settembre e il 5 ottobre del 1944 era la formazione partigiana denominata Stella Rossa che combatteva in queste zone. Furono uccisi centinaia di bambini, donne, anziani e 5 sacerdoti che cercarono in tutti i modi di proteggere la popolazione.
Per l'eccidio fu condannato all'ergastolo il comandante della divisione, Walter Reder, liberato anticipatamente nel 1985 da Craxi allora presidente del Consiglio.
Ma non fu il solo a compiere i crimini, i fascisti italiani che avevano collaborato furono dapprima condannati e poi liberati per amnistia, mentre altri ufficiali che avevano partecipato ai rastrellamenti rimasero a lungo impuniti.
Solo nel 1994, infatti, vennero scoperti numerosi fascicoli d'inchiesta contenuti in quello che è stato definito "l'armadio della vergogna", un armadio chiuso e rivolto verso il muro. Nei fascicoli vi erano i dati di ufficiali delle SS responsabili di crimini di guerra dall'8 settembre 1944 al 25 aprile 1945.
Nel 2006 ha avuto inizio il processo contro questi soggetti: 10 furono condannati in contumacia per l'eccidio del Monte Sole. 
Troppo tardi.

44 commenti:

  1. si proprio troppo tardi .....(un pò come sempre)....buona giornata kylie un sorriso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo siamo sempre in ritardo quando si tratta di giustizia.

      Elimina
  2. foto molto significate ed interessanti,tristi gli avvenimenti. Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti capita visita il Museo, l'ingresso costa 2 euro appena ed è interessante.

      Elimina
  3. Mai dimenticare simili tragedie...

    E quanta gente impunita, purtroppo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto dobbiamo ricordare che ci è successo, fa bene al presente e al futuro.

      Elimina
  4. Ottimo post, Kylie.
    Ricordare la strage di Marzabotto o, come scrivi giustamente tu, l'eccidio di Monte Sole, è un bel gesto che riporta alla memoria gli orrori del secolo scorso e le assurdità della cosiddetta Giustizia in Italia.
    Grazie e buona giornata!
    Lara

    RispondiElimina
  5. ciao Kylie
    queste belle foto rimandano ad eventi tristi che è giusto ricordare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho preso spunto da una visita culturale per ricordare qualcosa che vale la pena di non dimenticare.

      Elimina
  6. Non si deve mai dimenticare cara Kylie.
    Molto belle queste foto cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tomaso, la storia è una mia passione.

      Elimina
  7. Le coperture di cui hanno goduto i fascisti
    sono tante e vanno dallo Stato, alla società "civile", alla chiesa,
    purtroppo anche in Germania si continuano a coprire
    gli assassini nazisti che hanno compiuto stragi,
    in America non si è nemmeno processato l'autore della strage del Cermins...
    In tutto il mondo si coprono le stragi fatte a danno della povera gente.
    Grazie per aver rinfrescato la memoria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà i fascisti sono rimasti al loro posto anche dopo la guerra. Non c'erano alternative, erano dappertutto.

      Elimina
  8. Ci sono crimini che restano impuniti...ma come si fa? Ormai non ho quasi più speranze.Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso che ognuno di noi debba fare la sua parte, se tutti ci comportiamo così forse il nostro futuro potrà migliorare.

      Elimina
  9. Sì, arriviamo sempre in ritardo.. :(

    RispondiElimina
  10. ti leggo sempre volentieri :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Old man, il piacere è reciproco.

      Elimina
  11. già..sempre troppo tardi.. mi associo a Old man è sempre bello leggerti ..ricordare è essenziale strappa tasselli di storia all'oblio, tasselli di coscienza e memoria

    RispondiElimina
  12. interessante post! grazie della condivisione!

    RispondiElimina
  13. Per non dimenticare la storia indegna da un lato eterna dall'altro.
    Bonne soirée
    Pierrot

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, è proprio così. Trovo giusto ricordare tutto questo.

      Elimina
  14. Troppo Tardi per le condanne, ma mai per dimenticare una brutalità del genere... Se si dimentica il passato il futuro è in pericolo. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione e ognuno di noi dovrebbe tenere a mente quello che siamo stati nel male per non ripetere l'esperienza tragica.

      Elimina
  15. bella iniziativa quella del museo, per non dimenticare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, io sono capitata per caso in quella giornata ma ho apprezzato molto.

      Elimina
  16. Cara Kylie,
    molto bello ricordare queste che furono le tragedie perpetrate su persone inerti e la cosa che più mi ha sconvolto è che il bambino (morti più di 130) più piccolo aveva due mesi....ti rendi conto uccidere un bambino di due mesi???
    Io che sono della provincia di Massa Carrara ne so qualcosa di queste stragi che non sto qua ad enumerare, ma ti dirò solamente che la nostra provincia ha avuto la medaglia d'oro per quello che il suo popolo ha sofferto.
    Troppo tardi hanno aperto quell'armadio della vergogna, tanto che la Germania, alcuni giorni fa, ha archiviato quanto era stato stabilito nel processo a La Spezia in cui erano stati condannati gli aguzzini, adducendo il fatto che essendo passati troppi anni non si potevano portare più le prove della loro colpevolezza...e che neppure si poteva sapere l'esatto numero delle persone morte!!!
    Questa è una cosa gravissima!!! Lascio a voi le giuste considerazioni!!!
    Ciao cara un abbraccio
    Bruna
    Bruna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I nazifascisti partirono proprio dalle tue parti e risalirono compiendo stragi e rappresaglie. Se non fossero già morti li ucciderei io. Il fatto è che di gente che la pensa così ce n'è ancora e a me fanno ribrezzo.

      Elimina
  17. Non bisogna mai dimenticare e soprattutto deve essere un monito per le generazioni, presenti e future.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente sì. Ricordiamocene di tanto in tanto.

      Elimina
  18. C'è un film che racconta questa storia : L'uomo che verrà. Bellissimo, moderno, attualissimo per tutte le vicende che raccontano stragi di donne e bambini inermi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho visto, è in dialetto. Hai ragione, bellissimo. Nella realtà si salvarono solo 3 persone.

      Elimina
  19. bellissime foto che posti spettacolari.

    RispondiElimina
  20. Capirai che novità per la giustizia italiana....
    Speriamo almeno che serva come monito (anche se ho i miei dubbi...)!
    Un bacio!
    S

    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è consolante vedere che le cose non girano mai per il verso giusto...

      Elimina
  21. Passo per augurarti una giornata di sole buon giovedi Kylie
    Buon lavoro

    Bacio

    RispondiElimina