venerdì 30 marzo 2012

Finalmente è venerdì!


Avevo pensato di deliziarvi con questo delicato pensiero oggi:

Una donna bella piace agli occhi, una donna buona piace al cuore. L’una è un gioiello, l’altra un tesoro.
Honorè De Balzac


Poi mi è venuta in mente una mia collega, alquanto spiritosa, che qualche giorno fa mi ha inviato, tra le altre, queste particolari riflessioni per rallegrarmi la giornata:

  • Credevo di essere un amante eccezionale, finché non scoprii che lei aveva l'asma.
  • Mia moglie dice che sono troppo ficcanaso. O almeno così scrive nel suo diario.
  • Dopo anni di fidanzamento lei dice a lui: e se ci sposassimo? Lui: ma chi vuoi che ci prenda a noi 2!
  • Il reggiseno è uno strumento democratico: separa la destra dalla sinistra, solleva le masse e attira i popoli.

In ogni caso buon venerdì!



mercoledì 28 marzo 2012

Siamo tutte fashion blogger

Sottotitolo: post semiserio sulle fashion blogger

Ho letto una notizia sconcertante! Le fashion blogger hanno decretato la fine dell'uso delle calze. Il bel tempo è arrivato e dobbiamo togliercele.
Ovviamente le fashion blogger possono dire quello che vogliono, sta a noi scegliere. Io dico: meglio coprirsi che mostrare gambe bianche e magari con qualche pelo di troppo!

Ma siamo proprio sicure che sappiano dare i giusti consigli?
Avete guardato bene le loro proposte?
Accostamenti improbabili, assoluta mancanza di proporzioni (non puoi mettere una gonna a palloncino in tessuto leggero e sopra una maglia larga e di un tessuto 10 volte più pesante! Stona!), eccentricità a tutti i costi, uso del colore "a capriccio dello chef".

E i commenti delle lettrici ai loro post?
"Outfit bellissimo, foto meravigliosa, stai benissimo, ottima scelta, ecc."
Anche se una ha infilato un sacco informe (magari firmato) e ci ha accostato trampoli di un colore o fantasia che fa a pugni con tutto il resto.

A volte di fronte a certe foto mi verrebbe da commentare in modo troppo sincero ed alla fine seguo il Dante-pensiero: Non ragioniam di lor, ma guarda e passa.


P.s. gioco anch'io alla fashion blogger... Ieri indossavo:
Camicia blu con fiocco Stefanel
Jeans dello stesso colore Valentino
Cardigan grigio perla Zara
Scarpe bluette tacco 10 Primadonna
Borsa bicolore beige/blu Tosca blu
Trench beige Zara

La banalità allo stato pure per qualche fashion blogger... ma io, francamente, me ne infischio!

Foto: abito in cotone della collezione p/e 2012 Stefanel, già nel mio armadio

martedì 27 marzo 2012

Anche questa è Italia


Pare che la Regione Umbria abbia più o meno 1.100 dipendenti...
Ma di questi circa:
- 70 sono dirigenti
- 250 sono posizioni organizzative
- 350 sono incaricati di specifiche responsabilità

Questa la struttura piramidale. A fare il conto della serva, resterebbero circa 430 sfigati, ossia dipendenti cui non è stato conferito un incarico di direzione o responsabilità e quindi un compenso aggiuntivo.
Quindi in media ciascun dirigente ha la direzione di un settore di 15,71 dipendenti, ma a sua volta è coadiuvato da 3,57 incaricati di posizione organizzativa che gestiscono quindi 12,14 persone cioè 3 a testa. Almeno uno di questi 3 ha un incarico per specifiche responsabilità (per procedimenti particolarmente complessi, gestione di risorse, gestione di personale al di là del semplice coordinamento o incarichi del genere).

Ma, detto fra noi, chi cacchio lavora là se tutti o quasi comandano?
In altri termini, se tutti comandano, che cacchio c'è da fare?
Ma chi di noi è mai andato negli uffici regionali per qualcosa che lo riguardava? Non hanno nemmeno pubblico, sportelli, cittadini che protestano come nei Comuni.

Non che in Regione Veneto lavorino troppo, per carità. Anzi, guarda caso quelli che conosco e che lavorano là non sanno come far passare il tempo. E non racconto di quelli che lavorano in Prefettura, vi risparmio.


sabato 24 marzo 2012

Pensiero da fine settimana


Ho imparato a conoscere i due unici rimedi contro il dolore, la tristezza, le paturnie e piaghe simili del cuore umano: essi sono la cioccolata e il tempo.

Tommaso Landolfi

giovedì 22 marzo 2012

Uomo-donna: dipende dai punti di vista


Ho trovato questo pezzo davvero esilarante sulle differenze uomo-donna. Mi scuso già per la lunghezza del post ma non potevo proprio "tagliare"!


Quelli bravi, sono brutti. Quelli belli, sono cattivi. Quelli belli e bravi, sono gay. Quelli belli, bravi ed eterosessuali, sono sposati.
Quelli non bellissimi ma bravi, non hanno soldi. Quelli non bellissimi, bravi e con soldi, credono che stiamo con loro solo per i soldi. Quelli belli e senza soldi ci stanno dietro per i nostri soldi.
Quelli belli, non bravissimi e ragionevolmente eterosessuali, non ci considerano sufficientemente carine per stare con loro. Quelli che ci considerano carine, che sono abbastanza bravi e hanno soldi, sono codardi.
Gli uomini che sono ragionevolmente carini, ragionevolmente benestanti, ragionevolmente bravi, sono timidi e non prendono mai l'iniziativa! Gli uomini che non prendono mai l'iniziativa, perdono automaticamente l'interesse quando siamo noi a prendere l'iniziativa.
Ma chi li capisce questi uomini?
Se sei tenera con loro... sei una stupidina. Se non lo sei... sei un'insensibile.
Se non ti curi del tuo aspetto... sei trasandata. Se ti curi troppo... vuoi fare la ### con un altro.
Se non lavori... sei una semplice casalinga. Se lavori (e guadagni più di loro)... si incavolano. Se devono sempre pagare loro... è un approfittarsene. Se paghi tu... si sentono sminuiti.
Se vai a letto con loro... sei poco seria. Se non ci vai... non li ami.
Se loro fanno carriera... è per le loro capacità. Se la fai tu... è perché sei andata a letto con il capo.
Se loro escono con altre... fa parte della loro natura. Se tu esci con altri... sei infedele.
Se esci con un uomo senza soldi... sei una stupida. Se esci con un miliardario... sei un'interessata.
Se a 30 anni non si sposano... diventano dei single ricercatissimi. Se tu a 30 anni non ti sei sposata... ormai hai perso il treno.
Se sei di cattivo umore... sei una nevrotica. Se lo sono loro... poverini, non li capisci! Se sei brutta... non ti degnano di uno sguardo. Se sei bella e intelligente... ti temono. Se ti fanno le corna e stai ancora con loro... più stupida non potresti essere. Se lo fanno e li prendi a calci... non hai pazienza.
Se hanno un'amante... è perché a casa loro non trovano ciò di cui hanno bisogno. Se l'amante è il tuo... sei una ###!
Se loro vanno in giro con una più giovane... bravo, bravo, bravo! Se lo fai tu... è perché hai bisogno che ti facciano il "favoretto"!
Se sono insopportabili... cerca di capirli, hanno avuto una giornataccia! Se lo sei tu... hai le mestruazioni!

Infine,
come si può sperare di capirli se loro stessi non riescono a farlo?

mercoledì 21 marzo 2012

Pulizie di primavera




Complice un risveglio troppo anticipato, stamattina mi sono messa di buon grado a fare le pulizie di primavera nel blog.
In primo luogo ho cancellato una bella serie di iscrizioni a blog di persone che non mi hanno filato neppure di striscio negli ultimi mesi.
Domanda: perché cavolo vi iscrivete a migliaia di blog se poi non ne seguite davvero nessuno?
Poi quelli che non scrivono da mesi. Per esperienza so che dopo un 2-3 mesi di inattività si perde la voglia di continuare a tenere un proprio spazio e ancora meno a seguire quello di altri.
Nei prossimi giorni lascerò un messaggio a quelli che ho deciso di abbandonare, anche se con qualche riluttanza, comunicando loro pure la motivazione.
Non vi offendete, sapete che sono malmostosa di natura!


P.s. quelli che conservano ancora la verifica parola sono i primi candidati all'eliminazione. M'avete proprio stufato.

Foto: Piombino

lunedì 19 marzo 2012

Storie di trombamici


Se l'Olghina fosse stata capace di tacere dieci minuti, si poteva godere la certezza di essere davanti a un miracolo. Facendola, il Padreterno si era dimenticato il cervello. A titolo di risarcimento, l'aveva dotata di un dono raro: l'Olghina sapeva essere come la volevi. Avevi bisogni di un angelo custode? Il suo sguardo, il candore della pelle, l'eleganza nei movimenti ne facevano un affresco da santuario. Lo stesso sguardo, lo stesso candore, gli stessi movimenti cambiavano di segno sotto le lenzuola. Allora gli occhi erano spie di lussuria, i gesti quelli indolenti di una tigre prima dell'attacco. Per questo il professor Cerretti l'aveva sposata, in seconde nozze, senza badare ai trent'anni, lui cinquantacinque, lei venticinque, che li separavano.

Da Galeotto fu il collier di Andrea Vitali


Prendo spunto dal divertente romanzo di Vitali per fare una riflessione in tema di trombamicizia.
Una mia amica aveva trovato un bel trombamico qualche mese fa e sembrava andare tutto per il meglio. La loro, era una relazione leggera negli intenti, ma intensa nella frequentazione. Come una qualsiasi coppia di innamorati.
Tutto perfetto fino a quando il tipo, candidamente, ha confessato di vedere altre donne. Altre trombamiche in contemporanea insomma.
Vero è che si tratta di un rapporto un po' superficiale, ma non si dovrebbe garantire un minimo di esclusività anche nella trombamicizia?
Che dite?

sabato 17 marzo 2012

Una cenetta tra amiche


Se vi dico:

  • Guazzetto di capesante affogate su purea di mais come antipasto
  • Bigoli in salsa come primo
  • Variazioni di baccalà con polenta abbrustolita come secondo
  • Semifredddo al torroncino con salsa cioccolato come dessert

Menu di al Ronchetto

Voi che mi rispondete?
Venite a cena con me e le mie amiche la prossima volta?

Buon sabato!

giovedì 15 marzo 2012

Non è come sembra!



Un uomo affetto da problemi di sterilità, decide di farsi visitare da un famoso andrologo. Il dottore, dopo aver preso tutti i dati del paziente, gli porge una provetta:
- Allora, per prima cosa prenda questa provetta, se la porti a casa e me la riporti con un campione del suo sperma. Ho un laboratorio di analisi che farà il conteggio degli spermatozoi.
- D'accordo dottore. Cercherò di fare il prima possibile.
L'uomo torna il giorno successivo, il dottore lo accoglie:
- Buongiorno. Allora, ha fatto?
- No, purtroppo. Ieri sono andato in casa e mi sono chiuso in bagno. Ho provato con la mano destra fino a che non mi sono stancato. Allora ho provato con la mano sinistra, ma non c'è stato niente da fare. Ho riprovato di nuovo con la destra senza alcun risultato.
A quel punto ho chiamato mia moglie, sperando che almeno lei ci riuscisse. Ha provato con la destra ma non c'è riuscita. Poi ha provato anche con la sinistra... ma niente di niente. Allora le ho detto di provare con la bocca, lei lo ha fatto ma non è servito a niente.
Presi dalla disperazione abbiamo chiamato la filippina! Ha provato anche lei prima con la mano destra e poi con la mano sinistra... ma niente! Ho detto anche a lei di provare con la bocca, poverina, si è impegnata, ma non è riuscita a fare niente di niente. Pensi che alla fine ci hanno provato mia moglie e la filippina insieme... niente anche così.
Dottore... come cavolo si apre sta provetta???


E adesso, buon giovedì!

martedì 13 marzo 2012

Disastrosi approcci virtuali


Toglietemi una curiosità. Avete mai risposto a messaggi email con provenienza Staff Libero.it nei quali qualcuno vi invita ad entrare nel suo spazio di amici?
Di recente me n'è arrivato uno da un certo nostressonly4sex, nome che la dice lunga sulle intenzioni di amicizia del suo possessore!
Questo il messaggio: "Ciao signora misteriosa"

Che spettacolo! Che approccio! Già il signora mi infastidisce...
Giusto per togliere ogni dubbio rispondo "Non sono interessata" che è la risposta standard in questi casi. A volte mi ringraziano per la franchezza.

Nostressonly4sex invece mi chiede "A cosa non sei interessata?"

Mi sembra una risposta breve, concisa e semplice da comprendere. Eppure...
Tutto il sex al posto dello stress deve avergli proprio impedito il collegamento dei neuroni!


Nel frattempo ne è arrivato un altro:

maxswim ti ha scritto:
ciao, sono Max da Oriago, che dici di far conoscenza x amicizia...complicità..intrigo....passione????

Inviato il 13/03/12 alle 14:34:33

sabato 10 marzo 2012

Buon fine settimana!


La buona educazione di un uomo è la miglior difesa contro le cattive maniere altrui.

Michelangelo Buonarroti

Sono raffreddata da 2 giorni.
Spero di resistere questo fine settimana di qua e al di là del Po!

Un abbraccio a chi passerà.

giovedì 8 marzo 2012

Un giorno qualunque


Come disse il giorno 04.03.2012 lo scrittore Mauro Corona... le donne vanno festeggiate 365 giorni all'anno e non uno solo. Ma se proprio volete cogliere l'occasione per fare qualcosa di speciale regalate loro il mio libro La ballata della donna ertana, la storia di una grande donna.

Se Mauro Corona dovesse capitare nella vostra città andatelo a sentire, è divertente e sagace e non disdegna battute e confronti con i lettori. Poi, se lo invitate per uno spritz, accetterà volentieri.

Buon 8 marzo!

martedì 6 marzo 2012

Ricetta della torta caprese



Vi lascio la ricetta della torta caprese. Il primo esperimento è finito in un giorno, divorato dal brother e cognata, dalle mie amiche M. M. e A. e da me, naturalmente.

Comprate:
100 grammi di mandorle pelate
100 grammi di cioccolato fondente equosolidale
100 grammi di zucchero
100 grammi di burro (ma io ne uso 70-80 grammi)
3 uova da galline allevate a terra e libere di scorazzare
zucchero a velo q.b.

Preparazione senza tanti perfezionismi:
Mettete a squagliare il cioccolato con un cucchiaino di acqua se serve e verso la fine aggiungete il burro.
Nel frattempo tritate le mandorle e lavorate i tuorli con lo zucchero. Montate gli albumi a neve con un pizzico di sale.
Mescolate il tutto e delicatamente incorporate gli albumi montati a neve.
Inserite il composto in una tortiera con gancio e rivestita di carta da forno.
Cuocete la torta nel forno preriscaldato a 180° per 30 minuti.
Una volta estratta e raffreddata sopraffatela di zucchero a velo.

Buona torta!

sabato 3 marzo 2012

Voglie...

Già da ieri mi frullava in testa l'idea di fare una torta. Pensavo alla torta caprese, pochi ingredienti, semplice, di sicuro effetto. Ho scelto la ricetta di Benedetta Parodi.
Questo il risultato all'uscita dal forno e poi la torta sopraffatta dallo zucchero a velo.



Buon sabato!


P.s. non sono brava a fare i dolci ad eccezione del tiramisù.