venerdì 15 marzo 2013

Ci sono libri che...


Ci sono libri che si posseggono da vent’anni senza leggerli, che si tengono sempre vicini, che uno si porta sempre con sé di città in città, di paese in paese, imballati con cura, anche se abbiamo pochissimo posto, e forse li sfogliamo al momento di toglierli dal baule; tuttavia ci guardiamo bene dal leggerne per intero anche una sola frase.
 
 

Poi, dopo vent’anni, viene un momento in cui d’improvviso, quasi per una fortissima coercizione, non si può fare a meno di leggere uno di questi libri d’un fiato, da capo a fondo: è come una rivelazione. Ora sappiamo perché lo abbiamo trattato con tante cerimonie.
 
 
 

Doveva stare a lungo vicino a noi; 
doveva viaggiare; 
doveva occupare posto; 
doveva essere un peso; 
e adesso ha raggiunto lo scopo del suo viaggio, adesso si svela, adesso illumina i vent’anni trascorsi in cui è vissuto, muto, con noi. 
Non potrebbe dire tanto se per tutto quel tempo non fosse rimasto muto, e solo un idiota si azzarderebbe a credere che dentro ci siano state sempre le medesime cose”.
Elias Canetti, “La provincia dell’uomo”
 

26 commenti:

  1. E' vero...Anche io ne ho a casa alcuni che non ho mai letto...Ma che immagini stupende...Che voglia di partire!!!

    RispondiElimina
  2. Cara Kylie, questo ricco post, mi fa molto riflettere!!! IO purtroppo per ragioni che non sto qui a elencare ho letto molto poco, e rimango incantato nel sentire quanto leggono gli amici blogger.
    Ciao e buona giornata cara amica, qui abbiamo neve fresca.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. E' vero! Ci sono libri che ho in casa da anni e li tengo lì per il momento giusto. Buon venerdì :-)

    RispondiElimina
  4. L'edizione speciale è davvero "spaziale". Ottimo libro.
    Buon venerdì
    Un bacio
    Maurizio

    RispondiElimina
  5. Edizione speciale in ogni senso!

    RispondiElimina
  6. Mi è capitato l'estate scora, un libro dimenticato con una dedica ed una data... novembre 1994 (appena un soffio e faceva venti), mai letto per semplice casualità. Ed era pure molto bello!

    RispondiElimina
  7. Ragazza entusiasta! un bacio! Sara

    RispondiElimina
  8. ciao Kylie
    che bel modo di raccontare la storia personale che viviamo con un libro!
    è capitato anche a me con moltissimi libri che non mi decido mai a leggere per paura di rimanerne delusa

    RispondiElimina
  9. Speciale e splendido!! Ciao Kylie

    RispondiElimina
  10. Pretty section of content. I simply stumbled upon your weblog and in accession capital to claim that I get in fact loved account your
    blog posts. Any way I will be subscribing to your
    feeds and even I fulfillment you get right of entry
    to consistently fast.

    My weblog :: provillusreviews-hq.blogspot.com

    RispondiElimina
  11. che belle queste foto!! hai fatto bene a tenerlo con te!

    RispondiElimina
  12. Ciao.Kylie,buon fine settimana ^_^

    RispondiElimina
  13. E' proprio vero, capita anche a me: alcuni, dopo tanti anni, alla fine sono stati letti, altri mi stanno ancora aspettando. E' un po' come il barattolo di sottaceti abbandonato in fondo al frigorifero: dici sempre che prima o poi lo metterai a tavola e, invece, lo lasci lì...

    RispondiElimina
  14. Ho anche io un libro così. Alla fine l'ho letto. E l'ho pure riletto.
    Adesso vado a cercarlo per rileggerlo.

    RispondiElimina
  15. e come gettare un libro con le foto del pianeta più bello della terra?
    mi hai ricordato che ho un librone di foto e racconti , della mia citta degli anni 40/50!
    una storia della mia gente.

    RispondiElimina
  16. Mai post fu più vero. Mi piace poi pensare che sia un destino cieco (ma che ci vede benissimo) a farci puntare il dito su quel determinato libro polveroso, in un giorno e non in un altro, come se ci servisse lì, né prima, né dopo.
    Buona domenica a te!

    RispondiElimina
  17. Le foto sono splendide.
    Serena domenica.

    RispondiElimina
  18. La penso esattamente come te.
    Per esempio ci ho messo quasi dieci anni ad affrontare " Pastorale Americana".
    Quanto tempo che ho perso e che libro straordinario.

    Molto bello il tuo blog.
    A presto.

    http://ilmondointornoamari.blogspot.it/

    RispondiElimina
  19. I libri che mi sono rimasti più impressi sono quelli che all'inizio della lettura non mi entusiasmavano per niente. Li ho scoperti poi, grazie alla mia regola ferrea: un libro va letto fino alla fine.
    Bellissimo post!!!
    Buona nuova settimana! :)

    RispondiElimina
  20. difficilmente mi è capitato di possedere un libro che non ho mai letto.Solitamente li compero scegliendoli con cura e li "ingoio" quasi tutto d'un fiato...

    RispondiElimina
  21. Io faccio così un pò con tutto, libri, vestiti, utensili... saranno utilizzati quando è il loro momento!
    Ma in genere se compro un libro sono curiosa di leggerlo e mi ci tuffo subito!^^
    Un bacio!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
  22. Un libro davvero particolare e sicuramente da conservare!
    Buon pomeriggio da Beatris

    RispondiElimina
  23. Da tempo ho un post in sospeso su Yann Arthus-Bertrand. Adoro le sue foto!!

    RispondiElimina
  24. Non posso non salutarti Kylie: Buon venerdi pieno di sole.
    Un abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina