mercoledì 10 aprile 2013

Gli assenteisti del pubblico impiego possono pure andare a raccogliere pomodori nei campi



Arrestati 17 dipendenti comunali a Reggio Calabria per assenteismo?
Più che bene.

Ce ne sono altri in giro per l'Italia?

Per me possono tutti finire in galera ed essere condannati con l'interdizione perpetua dai pubblici uffici. 
Che vadano pure a raccogliere pomodori. Non me ne frega niente.
Preciso che li dovranno raccogliere a piedi nudi, senza scorte di acqua e sotto il sole cocente.

Ma in galera anche chi ha omesso di controllare o di segnalare.

E ci metto insieme i sindacalisti che li proteggono e i politici che chiudono un occhio.

In questo sistema io ci lavoro e non li tollero, li prenderei tutti a calci in culo.

Vi unite ai calci in culo e all'augurio che la raccolta di pomodori con questa nuova forza lavoro vada bene?


35 commenti:

  1. non so se i contadini siano contenti poi ....e se poi anche li fanno gli scansafatiche? quando uno nasce cosi ....solo i lavori forzati in galera possono andare bene .....e sono ancora pochi quelli che hanno trovato ......penso che di persone con la voglia di lavorare e con la coscenza ce ne siano mooooooooooolto poche .....

    buon mercoledi kylie....

    RispondiElimina
  2. Ho sentito la notizia ieri al tg...ormai non mi meraviglio più, posso solo affermare che è uno schifo!!!!

    RispondiElimina
  3. Ancora in Calabria: i gruppi consiliari che si fanno rimborsare anche i Gratta&Vinci (ma, bontà loro, solo quelli non vincenti).
    Questo post fa il paio con la scoperta dei falsi invalidi, dopo anni e anni di truffamento; questi vengono arrestati (si fa per dire, in realtà in italia non si arresta più nessuno, manco gli assassini e manco i loro avvocati), ma di chi ha "coperto" le loro marachelle non si sa mai nulla. Ad esempio, certificare una cecità totale, che dà pensione e accompagno, anche a livello di visite fiscali, pare sia solo una birichinata, da punire con una tiratina d'orecchi e un blando "non farlo più".
    Cara Ky (aggiungendo "ri" ci sarebbe quello che stiamo facendo, italianizzato), in cacca sumus, a tutti i livelli.
    Quanto ai calci in culo, temo non li patiscano proprio, dopo tutti quelli che si son fatti dare, sia per le assunzioni che per i posti di controllo. E anche i pomodori sono troppo preziosi per lasciarli in mano a questa gente.
    Spaccare pietre sarebbe una bella occupazione, da mezzanotte a mezzanotte, con brevi intervalli per fare pipì...
    Ciao, buondì.

    RispondiElimina
  4. Forse la raccolta di pomodori per questi è un'attività troppo "nobile".
    Ciao

    RispondiElimina
  5. Magnificamente bene sotto il sole cocente...

    RispondiElimina
  6. E come potrebbe andar bene? Come minimo farebbero sparire i pomodori... :)

    RispondiElimina
  7. metterli in galera no, perchè ci toccherebbe mantenerli e allora tanto vale lasciarli dove sono ora (tra un disastro e l'altro magari qualche ora di lavoro gli scappa di farla)
    ma licenziati in tronco si e con l'interdizione a vita da qualsiasi tipo di sussidio

    RispondiElimina
  8. Hai ragione, senza ombra di dubbio!

    RispondiElimina
  9. Mi unisco subitissimo...Queste situazioni sono intolleranti...

    RispondiElimina
  10. E' intollerabile una cosa del genere!
    Altro che a raccogiere pomodori, io li licenzierei con l'inerdizione a vita dai pubblici uffici e li lascerei così: magari da disoccupati e senza un soldo si danno una regolata!
    Comunque quello che mi meraviglia è che situazioni come queste sono abbastanza comuni e non credo che siano nemmeno tanto difficili da smascherare, ma solo adesso escono fuori... mah!
    Un bacio!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
  11. gli assenteisti.... mah....

    ok, mandiamoli a raccogliere i pomodori, ma ricordiamoci sempre che il pesce puzza dalla testa, io voglio vedere qualche capoccione in quei campi!!

    RispondiElimina
  12. squalificano chi lavora onestamente, via! via!

    RispondiElimina
  13. concordo!
    è una vergogna anche di chi li copre: che schifo!

    RispondiElimina
  14. quei signori beccati a timbrare i cartellini dei colleghi basta licenziarli in tronco senza liquidazione e vedrete che gli "altri" di cui sono pieni gli uffici pubblici italiani si guarderanno bene dall'imitarli...

    RispondiElimina
  15. Purtroppo in Italia esistono tanti furbetti; ecco perché l'attuale classe politica non cambia mai.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  16. Si mi unisco ai tuoi calci!
    http://namelessfashionblog.blogspot.it/
    http://www.facebook.com/NamelessFashionBlog

    RispondiElimina
  17. E l'onestà dov'è andata a finire?.......
    Buona giornata e un abbraccio da Beatris

    RispondiElimina
  18. Le motivazione delle assenza dal lavoro sono disparate e diverse, meglio sparate..
    Un bacio Kylie a presto
    Maurizio

    RispondiElimina
  19. Non mi dire niente. Come sai lavoro nella scuola, e per colpa di qualcuno (o di molti) siamo visti come dei fannulloni.
    Sono a favore del licenziamento in tronco!

    RispondiElimina
  20. Io li farei rotolare insieme ai pomodori, a calci nel sedere.
    Se poi mi fai pensare anche a quei dipendenti pubblici romani del famoso "Ente Nazionale" che hanno addirittura il supermercato all'interno, ecco le palle mi stanno portando in orbita!

    RispondiElimina
  21. Mi unisco, mi unisco, altro che.

    RispondiElimina
  22. appena arrivata sul tuo blog :) mi unisco di corsa al tuo gruppo!!
    http://blogpercomunicare.blogspot.com/

    RispondiElimina
  23. Mi unisco di corsissima... UNA VERGOGNA!

    Ubique Chic

    RispondiElimina
  24. Eccomiii...poi possiamo pure tirarglieli i pomodori???

    RispondiElimina
  25. Raccogliere le patate è un lavoro più pesante.. Io consiglierei quello..

    RispondiElimina
  26. Questo esempio che racconti e'la conferma al motivo per cui le cose in Italia non possono cambiare. Quando accusiamo i politici di arroganza, malcostume, di casta, di malaffare, non sottolineamo mai abbastanza che tutte questa attivita' illecite e non etiche non si possono fare da soli. Il malaffare, il la gestione del potere e la malapolitica non si puo' fare senza la connivenza a volte spontanea altre non dei cittadini "normali". Il malcostume e' ormai endemico, culturale, fa parte del nostro DNA. Certo, certo ci sono ancora tanti cittadini onesti ed etici ma non rappresentano, purtroppo, un numero sufficiente per cambiare le cose. Ce ne dobbiamo fare una ragione, cio' non vuol dire arrendersi, ma e'necessario trovare vie e modi nuovi. Come? COn l'esempio e sputtanando ogni volta che vediamo un'ingiustizia, anche di cose non molto importanti, poiche' e' proprio la tolleranza che nel nostro caso alimenta quell'area grigia sulla quale siamo costretti a vivere.

    RispondiElimina
  27. mi unisco ai calci in culo e a tutto il resto
    un saluto

    RispondiElimina
  28. mi unisco alla tua soluzione perché sono pienamente d'accordo

    RispondiElimina