venerdì 12 aprile 2013

L'acqua viene o va

Lapidario Tergestino del Castello di San Giusto a Trieste - anche qui entra l'acqua dai soffitti e cade direttamente sui reperti


Ieri al lavoro, mentre facevo una delle mie solite capatine in uno dei locali più chic del corridoio, squilla il telefono in ufficio e risponde il mio collega. Convinto che si tratti di una ragazza di un Comune con cui sono abbastanza in confidenza le dice.
"Kylie non c'è, è in bagno."

Al mio rientro trovo un'email di mia cognata: 
"Quando hai finito di stare in bagno mi richiami? Ma non ti sembra inelegante che rispondano al telefono, quando sei fuori ufficio, che sei proprio in bagno?"

Che ci posso fare, il mio collega applica il principio della trasparenza della pubblica amministrazione alla lettera!
 

Non sempre dove c’è l’acqua ci sono rane, ma là dove si sentono gracidare le rane c’è acqua.
Johann Wolfang Göethe


32 commenti:

  1. bellissima la frase di Johann Wolfang Göethe


    buona giornata e buon w.e. sperando nel sole....

    RispondiElimina
  2. Mi viene in mente la tizia della barzelletta che veniva istruita a dire, anziché "è in bagno", "è in riunione". Quando poi le veniva chiesto se questa "riunione" sarebbe durata molto, rispondeva in tono rassicurante: "No, no, credo sia una cosa veloce: ci è andato di corsa, e scorreggiava già".

    RispondiElimina
  3. e vabbè, ci sta, dai...

    era peggio se avesse detto "è fuori ufficio"... coi tempi che corrono, poteva essere frainteso :
    fuori ufficio dove?,
    a far cosa? la spesa?...
    dal parrucchiere?...
    in piscina?...
    uno shopping veloce?...

    sai com'è.

    ciaooo !

    RispondiElimina
  4. Saggezza amministrativa: decisione eloquente: c'è ed è presente. Tu non manchi mai. Buon venerdì
    tutto il giorno in allegria.
    Un bacio
    Maurizio

    RispondiElimina
  5. bhe' in fondo tutti andiamo al bagno, quindi una cosa cosi' normale perche' dovrebbe essere nascosta... Bello l'aforisma finale :-)

    RispondiElimina
  6. Ieri da me hanno risposto che ero a FUMARE! Sì, è decisamente fuori luogo sia il bagno che la pausa sigaretta!

    Ubique Chic

    RispondiElimina
  7. Eri sul posto di lavoro però! Riferendomi al post di ieri! :)
    Un abbraccio e buona giornata Beatris

    RispondiElimina
  8. Il bagno è una stanza indispensabile, nelle abitazioni e a corredo degli uffici. Tant'è che viene talvolta definita "sala da bagno", consequenziale alla sala da pranzo da cui riceve le materie prime per farne un uso appropriato.
    A parte il fatto che si va anche in bagno per una sciacquata alle mani, magari inzozzate da un cambio di toner alla fotocopiatrice.
    E sicuramente l'essere in bagno è più credibile che l'essere occupate in fantomatiche interminabili riunioni.
    Dillo a tua cognata.
    Ciao.

    RispondiElimina
  9. Approvo...E' proprio fuori luogo...!!!

    RispondiElimina
  10. non si fa... forse devi curare i rapporti con i colleghi? Baci

    RispondiElimina
  11. nooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

    mi hai dato un'idea per un nuovo post ;-)

    http://nonsidicepiacere.blogspot.it/

    RispondiElimina
  12. Bella la frase delle rane... :)
    E sulla trasparenza... beh, forse è eccessivo dire che stavi al bagno, concordo con i più e con tua cognata... :)

    RispondiElimina
  13. E' in bagno, meglio che dire è in giro...

    RispondiElimina
  14. In bagno potrebbe anche voler dire che stavi in un hammam, in una vasca piena d'acqua e fiori di gelsomino, circondata da odalische pronte a sfregarti con unguenti odorosi...

    RispondiElimina
  15. io quando facevo lo stage dicevo sempre "guarda è in bagno" quando c'era da prendere tempo :)

    RispondiElimina
  16. Io avrei detto: é un momento impegnata. Beh, anche per certe cosette ci vuole impegno! E poi lasciamo che la fantasia voli.

    RispondiElimina
  17. Collega decisamente poco carino, ma ci scommetto che l'ha fatto in buona fede (nel senso che non ci arriva proprio, ma d'altronde è un uomo, non possiamo pretendere...)

    RispondiElimina
  18. E' che loro proprio non ce la fanno, non ce la fanno...

    RispondiElimina
  19. Ahahhahahahha, mi immagino la faccia di tua cognata...

    Ciao cara, un abbraccio :-)

    Viviana

    RispondiElimina
  20. effettivamente sto tuo collega ha poco tatto

    RispondiElimina
  21. mi hai fatto sorridere..beh un minimo di privacy non sarebbe male!!

    RispondiElimina
  22. :) simpatico questo post... che bello averti incontrato qui su internet.

    RispondiElimina
  23. Beh, prossima volta chiediamogli di dire qualcosa di diverso :)

    RispondiElimina
  24. Ahahah!!!
    E' successo anche a me, mi cercava la Preside. Sto a scuola sei ore al giorno e proprio in quel momento mi voleva!
    La cosa ridicola è che non ha detto alla bidella di farmi richiamare, ma è stata ad aspettarmi in linea.
    Bacioni e buona settimana! :)

    RispondiElimina
  25. Anche a me è successo!
    Solo che la persona in bagno era il mio capo supremo e l'altra un fornitore.. :(

    RispondiElimina
  26. Eheheh...
    Io invece applico le regole della praivasi al 100%.
    Quando chiamano me e cercano la mia collega, rispondo: "ora non può, si sta abbuffando e c'ha la bocca piena".

    RispondiElimina
  27. (: Reb, xoxo.

    *Nuovo post sul mio blog, fammi sapere cosa ne pensi:
    http://www.toprebel.com/2013/04/denim-shirt-striped-leggings.html

    RispondiElimina
  28. Ecco d'ora in poi a chi dice che l'amministrazione pubblica manca di trasparenza faccio leggere il tuo post ;)

    RispondiElimina
  29. Più trasparenti di così! Però la prossima volta potrebbe dire una cosa più carina in effetti... buona settimana kylie

    RispondiElimina
  30. ahahahah
    bella la citazione finale!!!
    simpatico il tuo collega zelante!!!

    RispondiElimina