giovedì 18 aprile 2013

Mio nonno, il vino nero e le donne moderne



Ricordo che mio nonno quando andava in osteria diceva "un'ombra" per intendere un bicchiere di vino rosso oppure "un'ombretta" se ne voleva - apparentemente - meno. 
Non era necessario aggiungere nulla, l'oste gli avrebbe versato un bicchiere del suo rosso migliore (ma dopo più di un bicchiere avrebbe versato il suo rosso più economico).
Mio nonno identificava il vino rosso con "il nero"; rosso proprio non si pronunciava, al massimo la varietà: merlot, cabernet, ecc.
Ma tutti quelli della sua generazione parlavano così e da qualche parte del Veneto ancora si usano questi termini.

Domenica scorsa in un castello della zona si è tenuta una manifestazione con stand enogastronomici e degustazione di vini, cui sovrintendevano molteplici sommelier di sesso femminile.

Una mia collega con un gruppo di amici ha partecipato alla manifestazione ed al momento di assaggiare il buffet, una signora della compagnia si è avvicinata ad uno dei tavoli per ordinare vino per tutta la combriccola. 
Alla domanda "che vino desidera?" ha prontamente risposto "nero!". 
Le sommelier hanno sgranato gli occhi e agitando il "tastevin" (l'aggeggio che portano al collo) hanno in coro replicato "rosso!!!, si dice rosso! che rosso vuole?".
La signora, con un po' di vergogna, ha chiesto la prima varietà che le è venuta in mente "merlot" anche se non è il suo preferito. Le sommelier hanno un po' storto il naso ma hanno comunque versato il vino richiesto.

Il resto della compagnia ha assistito al siparietto ridendo sotto i baffi, ma non ha gradito molto la scelta del primo vino. Si sono in ogni caso rifatti nel corso della giornata.

Ma che sarà mai dire nero al posto di rosso? Non ci si può mica sbagliare.
E poi mio nonno, viticoltore, diceva nero!

Come siamo diventati tutti chic...


45 commenti:

  1. Se tuo nonno fosse stato li, avrebbe pensato lui ha dare una lezione pratica alle sommeleiers
    Ciao e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simo lo penso anch'io. Non mi sembrava un errore così grave, soprattutto per noi veneti. Baci

      Elimina
  2. anche fosse non mi sembra carino riprendere una persona pubblicamente, soprattutto per così poco... forse per loro è stato un grave delitto ...bah... buona giornata Kylie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Blackswan tanta spocchia infatti non è giustificata se poi ti comporti così di fronte alle persone. Bacio

      Elimina
  3. E' vero, siamo diventati tutti chic e soprattutto con la puzza sotto il naso.

    RispondiElimina
  4. Non commento ne giudico certi atteggiamenti che disapprovo!!!
    Buona giornata carissima Kylie
    Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beatris purtroppo capitano anche queste cose.

      Elimina
  5. Risposte
    1. Gianna esatto, non va bene però quando sei in una manifestazione in cui incontri tante persone.

      Elimina
  6. Ciao Kylie, sono Giulia (ex anemoneviola).
    Che dire...da noi, in Friuli, si dice "blanc" e "neri"...questa è la sostanza, tutto il resto è in più.
    Rosso, rosato, con o senza bollicine che cavolo so, non sono esperta di vini visto che non lo bevo mai, ma so che molte persone dovrebbero abbassare un po' le ali. Nel senso...fai la sommelier, mi va bene, usi i tuoi termini tecnici, ma devi anche saper interpretare cosa ti chiedono le persone.
    A volte manca un po' di professionalità.
    Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia che fine avevi fatto? Bentornata. Bacio

      Elimina
  7. penso, che almeno a questi eventi, si dovrebbe cercare quantomeno di essere gentili!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Myriam purtroppo le persone non sempre sono gentili anche quando dovrebbero esserlo per le circostanze.

      Elimina
  8. Vi invito a sorseggiare il ns. nero d'Avola..
    a volte basta poco per essere felici.Dolce giornata Kylie
    buon giovedì
    Morris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maurizio infatti adesso va pure molto di moda il nero d'Avola, vino prestigioso. Che da noi non è molto diffuso. Bacio

      Elimina
  9. mmmh, il nero è comunque più chic del rosso ;-)

    RispondiElimina
  10. Secondo me erano i sommelier che si volevano dare importanza, ed oltretutto si sono dimostrati anche abbaastanza cafoni, altro che chic!
    Cmq anche mio nonno usava gli stessi termini del tuo per chiedere il vino, ed era di Roma!^^
    Un bacio!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. S anche per me si volevano solo dare importanza... un tempo "nero" si usava molto.

      Elimina
  11. ma si danno tanta importanza... quando una dice nero si capisce benissimo cosa intende, no?? Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aliza per me sì, ma sai quelle volano alto!

      Elimina
  12. Io ci lavoro in cantina e ne sento di tutti i colori! Non dobbiamo perdere quest'usanza, e garantisco che nella mia zona veneta, nero, si usa ancora!!!
    pare di conoscere quel panorama in foto... Susegana???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sole è Villa dei Vescovi a Luvigliano di Torreglia (PD).

      Elimina
  13. Ah, ah, è proprio così: se dalle mie parti uno provasse a dire vino nero sarebbe linciato dalla folla! Ma forse hai ragione tu, è un'esagerazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adriana ma una volta si usava così senza problemi! Chi siamo diventati?

      Elimina
  14. Innanzi tutto scortesi e molto.
    Poi, dovrebbero cominciare a darsi da fare e lavare bicchieri.
    Che forza tuo nonno, mi ha ricordato il mio.
    Buona serata Kylie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mariella che grandi i vecchi di una volta vero?

      Elimina
  15. dobbiamo assolutamente rispolverare certe cose.
    lo snobbismo serve a poco (poi diciamocelo "nero" è più chic come termine di "rosso")

    bacio

    http://nonsidicepiacere.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si dice piacere il nero è sempre più chic del rosso!!

      Elimina
  16. Io devo dire che ho un po' di problemi anche con questa barbera al femminile. Da noi si è sempre detto "il barbera"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia non sono un'intenditrice ma verrebbe anche a me da dire "il barbera", inteso come vino barbera.

      Elimina
  17. sinceramente mi trovi impreparata....da noi non sò se si dice nero.
    sono astemia ma non per scelta ma perchè bevendo solo un dito mi addormento!!!!
    ma hai ragione....siamo diventati complicati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nadia io sono astemia perché non sopporto l'odore del vino.

      Elimina
  18. Era meglio una volta, troppo egoismo e menefreghismo al giorno d'oggi. una abbraccio...ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giancarlo è vero, un tempo ci si faceva due risate e non si badavano a questi particolari.

      Elimina
  19. "Nero" mi piace di più, come termine intendo (sono astemia).
    Che antipatica certa gente!
    A te un caro augurio di buona domenica!
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Flor anche a me nero piace di più.

      Elimina
  20. adesso dicono rosso anche se io bevo solo Montepulciano d'Abruzzo che naturalmente è di colore scuro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Enio noi non siamo così chic, via!

      Elimina
  21. Dopo aver passato 2 weekend di lavoro in Veneto, mi verrebbe da dirti : " sciaboliamo "??:-)
    Mi han detto che da voi il dialetto è ancora molto usato, in certe zone più che l'italiano..

    www.blogpercomunicare.blogspot.com

    RispondiElimina
  22. Dm da noi è molto usato. In casa praticamente sempre. Con qualche amica pure io parlo in dialetto, mai via sms.

    RispondiElimina
  23. l'essere troppo chic è sempre piuttosto fastidioso!!!
    non tutti vivono pensando al vino e il cliente dovrebbe avere sempre ragione e mai essere mortificato perché non è un intenditore di vino

    RispondiElimina