mercoledì 3 aprile 2013

Pasqua al Museo


Altino fu un'importantissima città romana situata lungo la via Annia, strada di collegamento tra Rimini ed Aquileia e fu uno dei maggiori scali dell'alto Adriatico.
Distrutta da Attila nel 452 d.C. fu definitivamente abbandonata dai suoi abitanti nel VII secolo a seguito di altre invasioni barbariche. Gli abitanti si rifugiarono a Torcello avviando quel processo storico che porterà alla nascita di Venezia.
Quello che rimaneva della città, che ai tempi del suo massimo fulgore aveva migliaia di abitanti, divenne cava di materiale da costruzione per la Serenissima e, caso unico nel Veneto, non venne più abitata nel corso dei secoli.
Agli inizi del 1900 le opere di bonifica resero il sito nuovamente abitabile e portarono alla luce le vestigia della città antica.
Ad Altino è visitabile il Museo Nazionale Archeologico, piccolo (solo 180 mq. di esposizione) ma zeppo di materiale pregevole e ben conservato.
Il preambolo per dire che il giorno di Pasqua io in quel museo c'ero e con mucho gusto!
Eccovi alcune immagini.

Resti del decumano. Ai lati era presente un porticato sul quale si aprivano numerose domus. Sono visibili in loco resti di pavimentazioni musive.

Resti della porta monumentale che portava alla città. Erano presenti due torri quadrangolari ai lati.

All'interno del museo scendeva acqua dal soffitto


Si osservano i reperti camminando sopra antichi pavimenti musivi.

Statue di leoni e cani venivano poste a protezione delle sepolture.

L'esterno del museo.
 
Il porticato tra il museo e la chiesa. Il portico fu il primo allestimento di quello che divenne poi il museo ed è ricco di reperti.

E veniamo al tradizionale incontro con gli indigeni per ulteriori informazioni. 
Questa volta si è trattato nientepopodimeno che del Parroco! 
Eh sì, ci ha accompagnato sul retro della Chiesa e ci ha mostrato l'area dove sorgeva la città, adesso ricoperta da una montagnola. Da una pubblicazione su Altino ci ha fatto scoprire le foto aeree a raggi infrarossi grazie alle quali sono stati mappati i contorni dell'antica città. 
Dalle foto s'intravedono con chiarezza le mura esterne e le porte della città, un anfiteatro, una basilica, un porto e interi quartieri di case. 
Altino era una piccola Venezia, circondata da strade e da canali.
Non posso che ringraziare il gentilissimo Parroco per queste ed altre preziose informazioni.


37 commenti:

  1. Cara Kylie, se tu ringrazi il Parroco, io ringrazio te di questo interessantissimo post.
    Ciao, sono stanco e ti di la buonanotte.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Bravissima! confesso che non conoscevo questo sito archeologico...ma non diciamolo troppo in giro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara credo che la maggior parte degli abitanti delle città limitrofe lo conosca poco!
      Un bacione

      Elimina
  3. molto interessante grazie Kylie

    RispondiElimina
  4. anch'io mi sono sparato un museo nel giorno di pasquetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Enio io oltre a questo a Pasqua ne ho visti ben 2 a Trieste!

      Elimina
  5. un altro piccolo tesoro di questo paese..... speriamo che tappino alla svelta il buco sul tetto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. kermitilrospo sembra da tempo chiedano la riparazione ma come sai... son senza schei.

      Elimina
  6. Imparare nuove cose è sempre bellissimo!

    RispondiElimina
  7. museo archeologico no grazie ...mi è bastato mio padre per vedere gli scavi e cose simili ......una volta penso che basti poi alla fin fine sonto tutti uguali ...scusami ......ma preferisco l'aria aperta immersa nei colori ......anche se de gustibus non disputandum est.......

    buona giornata kylie...un sorriso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Foreverme se non avesse piovuto fino al pomeriggio inoltrato avrei scelto una tappa diversa, ma qui sembra autunno!

      Elimina
  8. Che bello!
    Ora come ora mi sta un po' fuori mano, ma non escludo che, passando da quelle parti (magari quando vado a Ferrara) non possa spingermi fino lì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ibadeth avvisami per tempo così c'incontriamo!

      Elimina
  9. Risposte
    1. ReAnto detto fra noi, perché non torni ad un blog più semplice con la visualizzazione immediata dei commenti? Son vecia, non ho più la spinta per cercare a destra e a manca dov'è il boton da strucare.

      Elimina
  10. Incantata, da questo piccolo gioiello che non conoscevo.
    Grazie!

    RispondiElimina
  11. Beh hai passato una Pasqua molto interessante e dai bei sputi culturali! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strawberry sì, molto culturale e poco cioccolatosa!

      Elimina
  12. Un piccolo ed interessante museo, grazie cara K. Mi piace la pavimentazione, peccato che scorra l'acqua all'interno..Un caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riri purtroppo a Pasquetta in un museo triestino ho visto lo stesso problema.

      Elimina
  13. I musei sono posti meravigliosi, entri e ti perdi nella storia dei tempi!
    Una giornata immersa nella cultura non può che far bene!
    Buona giornata e un abbraccio da Beatris

    RispondiElimina
  14. Ciao cara :) Post interessantissimo...io domenica girerò per musei a Milano, in quanto molti saranno aperti gratuitamente! Bacione,Paolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paolo fai benissimo ad approfittare dei musei quando li aprono gratuitamente, è una splendida occasione!

      Elimina
  15. io adoro visitare musei e credo sia un bene andarci qualche volta al posto di stare in giro per centri commerciali!!
    bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marika io non vado mai nei centri commerciali nelle giornate di festa, così come di domenica.

      Elimina
  16. Sono passata per augurarti buona domenica!!! :)

    RispondiElimina
  17. Flor grazie, buona domenica a te.

    RispondiElimina
  18. Di sicuro una dolce Domenica.. Buon giovedì Kylie
    Un saluto a Pepe.
    Maurizio

    RispondiElimina
  19. una pasqua straordinariamente indimenticabile!!!

    RispondiElimina