lunedì 8 luglio 2013

Gita alla Salina di Cervia

Ci tenevo ad andarci da un po' e finalmente ci sono riuscita.

L'ingresso del centro visite
Il canale che immette l'acqua salata

Quella che oggi si chiama Cervia era in antichità Ficocle, che forse fu fondata da coloni greci e sorgeva proprio all'interno della salina. 
Pare ci sia pure lo zampino degli etruschi, secondo una leggenda che lega la fondazione della città ad un condottiero etrusco, e dei romani per il controllo della zona. I romani soprattutto avevano estrema necessità di disporre di ingenti quantità di sale per le loro campagne militari, visto che era l'unico modo per conservare il cibo e i soldati combattevano solo con la pancia piena. 
La città, alla fine del 1600 sotto il dominio papale, fu demolita e ricostruita dove oggi c'è il centro storico di Cervia per l'insalubrità dei luoghi originari e per l'arrivo della malaria.


Alcune porzioni della salina non vengono più allagate con l'acqua di mare per la produzione del sale ma lasciate libere per consentire alla flora e alla fauna, tipiche di queste zone, di poter liberamente trovarvi ricovero (foto qui sopra e sotto).
Il rumore dei versi degli uccelli qui presenti è assordante. Ma ce lo siamo meritato visto che eravamo là a disturbarli...
Al momento del nostro giro in barca non sono stati avvistati, ma nella mattinata c'erano pure dei fenicotteri, che depongono le uova nella vicina valle di Comacchio, ma che vengono in salina "a fare la spesa".

Adesso la lavorazione e la raccolta del sale avviene in forma automatizzata, mentre nella Salina Camillone, una piccola porzione, grazie all'aiuto di salinari volontari, si lavora il sale come in tempi antichi con attrezzi di legno. Si organizzano visite guidate anche alla Salina Camillone.

Sono tornata a casa, ovviamente, con una "sporta" piena di sale!


P.s.: Sporta deriva dal latino spŏrta «paniere», derivato, per intermediazione etrusca, del greco σπυρίδα, accusativo di σπυρίς che aveva lo stesso significato. Giusto per restare in tema di etruschi, greci e romani... e veneti!

17 commenti:

  1. si ero andata a vederle anche io le saline di cervia ...sono davvero molto belle ...buon lunedi kylie un'abbraccio

    RispondiElimina
  2. ecco un altro posto da mettere nell'elenco dei posti da visitare la prossima volta che torno da quelle parti

    RispondiElimina
  3. Esplori sempre i luoghi che visiti...complimenti!

    RispondiElimina
  4. Complimenti per il post davvero bello ma anche per la "sporta"!!!

    RispondiElimina
  5. L'amica siciliana influenza molto..ma "sporta" a parte sarebbe da fotografare la raccolta del sale.. tra un mese.
    Un abbraccio forte
    Maurizio

    RispondiElimina
  6. Bellissime immagini!
    Una gita interessante!
    Buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
  7. Mi rendi consapevole di quanto poco io conosca l'Italia! :)
    Buon rientro!!!

    RispondiElimina
  8. Che posto meraviglioso... Da visitare al più presto!!!

    RispondiElimina
  9. sempre gite interessanti le tue !!

    RispondiElimina
  10. Colta, deliziosa e simpatica come sempre! un bacione

    RispondiElimina
  11. Bello. Grazie Kylie, sempre interessante leggerti.
    I fenicotteri, li adoro.

    RispondiElimina
  12. :-)
    sempre con lo zaino in spalla, cara Kylie!
    ma soprattutto armata di macchina fotografica.
    questa volta hai immortalato un paesaggio rasserenante e magico, oltre che pieno di sale ;-)

    RispondiElimina
  13. Io non ci sono mai stata...E' sempre bello leggere i tuoi post!!!

    RispondiElimina
  14. grazie delle foto e di averle condivise con noi, spero di andarci presto

    RispondiElimina
  15. Ci sono stata anche io!!!^^
    E li ho visti i fenicotteri (insieme ad una quantità di altri uccelli)!
    Un bacio!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
  16. C'è stata mia figlia qualche tempo fa. Devo andarci anch'io!!!
    Buona estate Kylie!!!!

    RispondiElimina