venerdì 23 agosto 2013

Sul ponte dei sospiri



Ponte dei Sospiri all'esterno
Nell'attesa che la lavastoviglie torni a casa, assenza che mi sta facendo andare fuori dai gangheri, un giretto domenicale a Venezia per una visita a Palazzo Ducale ci poteva stare.
Tra la folla dei turisti che vagano con il naso all'insù ma con un mezzo occhio a terra a controllare lo stato delle cacchette, c'è pure il tempo per qualche bella foto.

Dalle finestrelle del ponte dei sospiri, composto da due corridoi stretti e bassi, si guarda verso il canale e verso la laguna.

Leggenda vuole che i condannati sospirassero mentre, diretti alla prigioni, attraversavano questi corridoi, ammirando la città che forse non avrebbero rivisto più. Chissà se anche Giacomo Casanova sospirò durante il passaggio... di sicuro lo fece fino al momento della sua rocambolesca evasione da queste prigioni.


La scalinata interna

Questa statua mi ha fatto sorridere e tutti la fotografavano...

La scala d'oro

Traffico in laguna

Finisco con dei detti veneziani... senza la traduzione!

La bela dote marida anca le zote
Da novéo tuto se beo 
Chi vol vedar Venezia vera de istà a la matina, de inverno a la sera

21 commenti:

  1. belle foto veramente... Venezia val bene una "messa"... ci manco da una decina d'anni

    RispondiElimina
  2. Bellissimi i tuoi scatti fanno aumentare il desiderio di visitare la bellissima Venezia e magari salire su una gondola per passare sotto il ponte dei sospiri!
    Un abbraccio e buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
  3. bellissima Venezia e simpatica la statua!!!

    ;-)

    RispondiElimina
  4. L'ultimo detto è proprio, proprio vero! Ciaooooo

    RispondiElimina
  5. Venezia bisognerebbe visitarla con una veneziana, ti mostrerebbe gli angoli più caratteristici e nascosti

    RispondiElimina
  6. Verissimo, non basta un giorno e neanche tre per conoscere bene Venezia...

    RispondiElimina
  7. Venezia è stupenda...a marzo ci sono tornata dopo tanti anni...Ho fatto un sacco di foto...

    RispondiElimina
  8. Cara Kylie, che immenso piacere leggere questo post!
    La storia del ponte dei sospiri la conosco bene ma rileggerla fa sempre piacere.
    Spero che la tua lavastoviglie te la portino presto! lo so che siamo un po tanto viziati anche in questo!!!
    Ciao e buon fine settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  9. Senza la lavastoviglie è una disperazione hai fatto bene a fare una gita, io i posti gettonati come Venezia li preferisco in primavera o autunno meno caldo e meno gente...

    Un bacio

    RispondiElimina
  10. Ciao Kylie!
    Ogni volta mostri foto splendide e la voglia di partire aumenta!
    Dove andrai in questo fine settimana?
    Ovunque sarai buon viaggio :)
    Baci.

    RispondiElimina
  11. a venezia ci so andata diverse volta da piccola e sai qual era la cosa che più apprezzavo? i colombi :) adoravo dar loro da mangiare in piazza san marco!

    RispondiElimina
  12. Di Venezia non riuscirò ad innamorarmi mai.
    Nessuna magia.
    Ma le tue foto sono belle.

    RispondiElimina
  13. Che voglia di tornare a Venezia... Una delle mie città preferite

    RispondiElimina
  14. Ancora me lo ricordo! ci andai nel Giugno 1980, ero proprio una ragazzina ^.^
    Baci, cara, e buona domenica

    RispondiElimina
  15. Spero di visitare Venezia prima possibile.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  16. bea! percé venesia xe sempre venesia :) :) :)

    RispondiElimina
  17. Amo Venezia, benché invasa dai turisti (fra i quali ci sono anche io, sia chiaro). Ma mi piace soprattutto un angoletto poco frequentato, Corte Bianco in San Pietro. Ci vado sempre. Che c'è? nulla di che. Una bella fontana. Ma mi piace perché è deserto.
    Non che piazza San Marco e il Ponte di Rialto mi facciano schifo, ben s'intenda...

    RispondiElimina
  18. Che meraviglia Kylie!!!
    ps: mi manca la dote, adesso capisco ;-)

    Un abbraccio

    RispondiElimina