mercoledì 25 giugno 2014

Sotto attacco


Se avete voglia di fare un giro in bici su una pista ciclabile particolare, vi consiglio il percorso lungo il fiume Sile che da Portegrandi arriva a Quarto d'Altino nel veneziano. Non è un percorso molto lungo (circa 6-7 km), ma è divertente e piacevole.
Si fanno pure incontri interessanti con la fauna del luogo.


In questa sequenza di foto vedete il cigno sulla destra che mi si avvicina minaccioso.
Non gradisce la vicinanza e le foto...




C'è pure il "brutto anatroccolo" nel gruppo!

Io mi sono opportunamente volatilizzata.

21 commenti:

  1. Cara Kylie, che bello questo post.
    Ricordo che molti anni fa feci in un battello nel Sile non ricordo con precisione da dove lo abbiamo preso, ma siamo arrivati fino Venezia, è stato bellissimo vedere da visino la natura di quei luoghi.
    Ciao e buona giornata cara amica, nonostante l'amarezza degli azzurri, sempre con un sorriso.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. AH no, non c'è da scherzare con i cigni.. Tanto belli, quanto cattivi! :)

    RispondiElimina
  3. Il cigno è un animale così bello, ma anche così terribilmente territoriale da sembrare umano! Vabbè, nessuno è perfetto. Il posto però è magnifico. Chissà, magari se i miei menischi mi consentranno di risalire in bici potrei prendere in seria considerazione l'idea di provare quest'itinerario.

    RispondiElimina
  4. questo si che è un gran bel giro, un brutto anatroccolo ci vuole altrimenti che storia è :-)

    RispondiElimina
  5. a me pare che tutti i cigni della foto siano invece molto sereni, e forse quello sulla destra si avvicinava incuriosito sperando - golosamente - in qualche pezzetto di pane.. o forse solo in qualche bella foto :)

    ...quando un cigno in acqua è prossimo ad uno scontro o sulle difensive, in genere arretra il collo sul dorso e tiene le ali inarcate, pronte ad aprirsi del tutto, soffia pure, e si capisce già solo dallo sguardo che è un tantino alterato.... questi qui sembrano invece tutti molto tranquilli.

    per altro, si direbbe tutta una nidiata di cignetti dal piumaggio già bianco, e uno solo grigio.. strano, si dice la norma sia al massimo il contrario.

    RispondiElimina
  6. che simpatica gita! anch'io credo che il cigno confidasse in una merenda extra!

    RispondiElimina
  7. I cigni hanno proprio un bel carattere!
    Serena giornata.

    RispondiElimina
  8. Come déttoti da me, eccomi qui in fase di verifica. Mi sembra tutto normale, i blog scorrono bene e la possibilità di commento è immutata.
    A presto, ciao e un abbraccio.

    RispondiElimina
  9. ciao Kylie.
    ogni tanto riemergo dal sarcofago in cui mi sono rinchiusa ;-)
    essere puntata da un cigno non accade tutti i giorni ...
    6-7 km è un percorso fattibile anche a piedi. è la velocità che la rende pesante, non la lunghezza.
    sicuramente lo stare a contatto con la natura potrebbe rilassare.
    quest'anno io vado anche poco al mare... :-(((
    sono veramente giù giù

    RispondiElimina
  10. hai fatto bene, diventano aggressivi sopratutto se in compagnia della "famiglia"

    RispondiElimina
  11. Quel brutto anatroccolo quanta forza sprigiona e quanta tenerezza m'infonde nel cuore. Oh, diverrai un bellissimo cigno, sai? Ma anche se non fosse così, per qualche recondito motivo, sarai sempre la bellezza che incanta le emozioni.

    RispondiElimina
  12. Non posso mancare quando c'è da viaggiare ..comprerò una bicicletta con le ruote grandi come il mare da poter volare..tra le emozioni di sa sognare...Le persone speciali sono come te, uniche.
    Maurizio

    RispondiElimina
  13. Molto bello questo luogo: peccato io ne sia lontana. Un abbraccio.
    Paola

    RispondiElimina
  14. Un giorno farò una vacanza in bicicletta! Anche se ormai sono anni che non la uso..!
    Devo ricominciare, e portare dietro anche mia figlia, sarà divertente!
    Ciao e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  15. Adoro questi tuoi post "turistici" :)))
    Un abbraccio,buon week end!!
    Paolo

    RispondiElimina