venerdì 18 luglio 2014

Noi andiamo ancora in motoretta

Vicino di ombrellone tremitese

Qualche giorno fa ho letto questa notizia:

"La possibilità di accedere a tutte le informazioni che ci riguardano da un pc, con un nostro pin, e di potere ricevere tutto ciò che si può al domicilio telematico o di residenza: è questo il primo punto, su cui vogliamo investire di più''. Così il ministro della Pa, Marianna Madia, in conferenza a palazzo Chigi.

Fantastico! avranno pensato i cittadini che con il computer hanno una certa dimestichezza...

Caso vuole che la notizia abbia coinciso con i risultati di un questionario predisposto dal mio ufficio cui hanno risposto oltre 100 dipendenti comunali, che rappresentano quasi il 100% del personale d'ufficio.
Di questi 8 non utilizzano o hanno scarsa conoscenza di programmi di videoscrittura (cioè il minimo del minimo).
Se si passa a programmi di calcolo tipo excel si arriva a quasi 30 persone in questa situazione. Se affrontiamo il grado di utilizzo e/o conoscenza della PEC (posta elettronica certificata) si salvi chi può! Più del 50% delle risposte denota un grave problema di conoscenza dello strumento.

Con questi presupposti, caro Ministro Madia, ma dove vuoi che andiamo se ci vorresti in Ferrari e noi giriamo ancora in motoretta?

9 commenti:

  1. come al solito queste cose devono avvenire gradualmente...

    però sarebbe un bel risparmio per la p.a. poter inviare tutto per via telematica

    RispondiElimina
  2. Più che altro certa gente non la cambi. Vogliono la formazione, salvo poi non capire che se manca un impegno personale, non si possono acquisire competenze e professionalità. Io mi sento spesso prendere in giro perché sono laureata, il che è indicativo di quanto il pubblico impiego debba svecchiarsi anche mentalmente.

    RispondiElimina
  3. Cara Kylie, detto bene!!!
    Si fa presto parlare dall'alto quando il resto è ancora veramente in motoretta:-)
    Ciao e buon fine settimana cara amica e sempre con un sorriso.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Ciao Kylie!
    Immagina il mondo della scuola... in quella in cui lavoravo io la connessione è arrivata l'anno scorso! Qualcuno non sapeva che esistessero le mail...
    Anzichè la motoretta... lì si viaggiava in calesse ;)
    Come stai? Buone vacanze!!!
    Baci :)

    RispondiElimina
  5. O mancano le infrastrutture o la preparazione delle persone o entrambe. Il quarto caso, cioè che ci siano le infrastrutture e le persone siano preparate ad usarle è ancora troppo raro

    RispondiElimina
  6. I nativi digitali sono ancora giovani...lasciamo passare ancora qualche generazione! Di questi tempi la tecnologia non è alla portata di tutti, e stare al passo è una bella fatica.

    RispondiElimina
  7. Primo fatto: rendere "efficiente" la Pubblica Amministrazione non è possibile perché questo renderebbe superflua la maggior parte degli impiegati e dei dirigenti. Sono gli stessi che ad oggi si auto-assegnano i premi per la produttività.

    Secondo fatto: anche la ministra non sa di cosa parla, infatti dire "ricevere tutto ciò che si può al domicilio telematico o di residenza" non ha alcun senso perché non esiste nessun "domicilio telematico". Tecnicamente quello che succede è che noi veniamo "profilati" da una certa massa di dati distribuiti all'interno di un certo numero di archivi a loro volta posizionati su un certo numero di computer sparsi per il mondo. Prego notare che tutto questo è completamente delocalizzato, tutto o parte dei dati che mi riguardano possono essere su un server posizionato fisicamente in Islanda o a Singapore. Questi dati vengono poi "raccolti" tramite una stringa di codice che deve contenere un identificativo che autorizza a leggere/scrivere nell'archivio, l'origine/destinazione (cioè l'archivo da interrogare) e i criteri con cui aggregare i dati. Per potere compiere questa operazione, che ha come risultato di mostrare una selezione dei dati sul video (ed eventualmente stampare), bisogna prima essere "autenticati" come "utente autorizzato" e ci sono vari modi per farlo, come insegnano i siti delle banche e delle assicurazioni che sono stati pionieri in questo tipo di operazioni per sostituire lo sportello tradizionale.

    Come dicevo sopra, le banche hanno sostituito gli sportelli con lo e-banking, lo scopo era di avere meno addetti quindi pagare meno stipendi. La Pubblica Amministrazione esiste con lo scopo esattamente opposto e cioè impiegare il numero maggiore possibile di gente meno qualificata possibile, per cui se anche mettessero insieme gli strumenti per la "digitalizzazione", troverebbero poi il modo per incasinare il tutto per avere gli stessi addetti o possibilmente di più. E nel farlo, rendere la vita difficile al cittadino.

    RispondiElimina
  8. speriamo solo che per avere il PIN non si debba spendere 80 euro

    RispondiElimina
  9. Io sono favorevole al progresso tecnologico e il fatto che ci sono persone che si rifiutano di utilizzare gli strumenti informatici a loro disposizione, mi fa spesso arrabbiare (anche perché, sul lavoro, mi capita spesso)... non parlo, chiaramente, di chi non PUO' per svariati motivi. Io sarei favorevole a fare tutto tramite email e sito internet, senza alcun contatto con gli uffici pubblici (ad esempio, in banca, io non vado mai)... concordo, comunque, con quello che ha scritto Lorenzo (due commenti sopra), non credo interessi a nessuno velocizzare/autoatizzare le pratiche.
    Ciao!

    RispondiElimina