giovedì 18 settembre 2014

Pedalando tra i casoni, schivando le lumache


La prima e unica volta che andai ai casoni di Caorle fu alla fine del liceo. La classe venne ospitata dalla famiglia di un nostro compagno che ci preparò un pranzo a base di lumache. Pare fosse una prelibatezza, oltre che un piatto tipico di quell'ameno posto.
Di quella prima volta ricordo solo la strada sterrata per arrivarci e il fatto di essere rimasta a digiuno.



Ci sono tornata qualche domenica fa, in bici, percorrendo tutto il lungomare e la ciclabile che fiancheggia i casoni e la laguna. Il posto ha un suo fascino anche se la mia amica M., caorlotta, dice che di affascinante là non c'è nulla (l'ha definito con un termine dialettale che equivale a malsano).

I casoni erano un tempo le abitazioni dei pescatori, oggi sono luoghi di ritrovo domenicale, di ristorazione e di attrazione turistica.


Ma tornando alle lumache pare che da una ricerca spagnola (fonte ItaliaOggi) sia emerso che i nostri antenati europei se ne cibassero già 30.000 anni fa nella penisola iberica, in tempi un po' più recenti, cioè 10.000 anni fa, anche nel bacino del mediterraneo, Italia compresa.

A me continuano a fare abbondantemente schifo.

28 commenti:

  1. Andai a Caorle qualche anno fa per un congresso fotografico, e non potevo non fotografare questa parte di laguna meravigliosa. Ricordo i covoni dei pescatori e i tetti anneriti di fumo. Dopo la battuta fotografica mangiammo all'interno pesci alla brace buonissimi.. altri tempi..
    Buon giovedì pieno di sole Kylie
    I miei baci
    Maurizio

    RispondiElimina
  2. Cara Kylie, leggendo e guardando le foto, stavo pensando di esserti a fianco facendo quel bel giro in bicicletta.
    Direi che è come un sogno.
    Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Mai mangiato le lumache e quindi non riesco a dire se sono una prelibatezza.
    Saluti a presto

    RispondiElimina
  4. Fatte alla bourgogne, ti asicuro che sono buone, per chi ama l'aglio.


    36 lumache già cotte
    36 gusci di lumache
    1 scalogno
    1 spicchio d’aglio
    1 ciuffetto di prezzemolo
    300 g di burro
    3 cucchiai di pangrattato
    sale
    pepeNGREDIENTI
    PER 4 PERSONE

    36 lumache già cotte
    36 gusci di lumache
    1 scalogno
    1 spicchio d’aglio
    1 ciuffetto di prezzemolo
    300 g di burro
    3 cucchiai di pangrattato
    sale
    pepe

    Esplora il significato del termine: ondate e tritate finemente lo scalogno; pulite quindi l’aglio e schiacciatelo finemente. Per finire, lavate e tritate accuratamente il prezzemolo.
    In una ciotola mettete il burro, lo scalogno, l’aglio e un cucchiaio di prezzemolo; aggiungete il sale e un pizzico di pepe, mescolate accuratamente e tenete in luogo fresco.
    Riempite il fondo di ogni guscio con il composto così ottenuto, inseritevi la lumaca cotta e chiudete bene il guscio con altro burro aromatizzato.
    Disponete le lumache nell’apposita teglia dopo averne bagnato il fondo con un po’ d’acqua, spolverizzate con pangrattato e fate cuocere in forno a 200 °C per circa 10 minuti. Servite ben caldo, accompagnando le lumache con riccioli di burro a parte.ondate e tritate finemente lo scalogno; pulite quindi l’aglio e schiacciatelo finemente. Per finire, lavate e tritate accuratamente il prezzemolo.
    In una ciotola mettete il burro, lo scalogno, l’aglio e un cucchiaio di prezzemolo; aggiungete il sale e un pizzico di pepe, mescolate accuratamente e tenete in luogo fresco.
    Riempite il fondo di ogni guscio con il composto così ottenuto, inseritevi la lumaca cotta e chiudete bene il guscio con altro burro aromatizzato.
    Disponete le lumache nell’apposita teglia dopo averne bagnato il fondo con un po' d'acqua, spolverizzate con pangrattato e fate cuocere in forno a 200 °C per circa 10 minuti. Servite ben caldo, accompagnando le lumache con riccioli di burro a parte.

    Buona giornata!
    Cristiana

    RispondiElimina
  5. Bei posti. Io poi mangerei pure le lumache (se cucinate come Dio comanda) :-)

    RispondiElimina
  6. Adoro viaggiare, e grazie ai tuoi post lo faccio anche stando a casa!

    Un bacio

    Paolo

    RispondiElimina
  7. bello il post e le foto! quanto alle lumache sarei rimasta a digiuno anch'io.. una volta in Francia me ne hanno fatta assaggiare una, una cosa un po' molla un po' dura che scricchiolava sotto i denti.. brr
    ma pure qui per il 24 giugno, festa di San Giovanni patrono, nell'omonimo quartiere si festeggia per tradizione la tradizione anche con quelle poverette, che immagino ai tempi fossero il cibo a buon mercato,(specie dopo la pioggia..
    ciao :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giovanotta io non ho neppure il coraggio di assaggiarle.

      Elimina
  8. io le lumache le mangio solo quando sono "molto" ubriaco!!! ..sono buone, ma da sobrio proprio non ce la faccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. kermitilrospo né da sobria né da astemia!

      Elimina
  9. Probabilmente è malsano per abitarci, ma per una passeggiata mi sembra proprio un posto bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia Pareschi non escludo che un tempo fosse zona di malaria e che ancora oggi quelli del posto non la considerino particolarmente attraente.

      Elimina
  10. Mai stata a Caorle, ma il posto è indubbiamente particolare!
    Comunque concordo con te, meglio il digiuno che le lumache! ;D
    Baci!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
  11. Se vieni a casa mia trovi lumache e chiocciole a volontà...sono ben pasciute perchè non incontrano veleni sul loro cammino, anzi adorano "sgranocchiare" il secco dei mici;-)
    Anch'io non me ne ciberei mai, poverette...
    Una buona serata a te, cara Kylie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maura hai mai pensato di venderle a qualche ristorante?

      Elimina
    2. No Kylie...non potrei mai farlo, c'è già la mia vicina che fa loro la tira...
      Lo sai che mio cugino anni fa mangiava quelle senza casa dentro ad una cialda perchè aveva sentito dire che una volta nello stomaco grazie alla loro bava camminandoci sopra lo avrebbero guarito dall'ulcera?
      Credo che mio cugino sia sempre stato fuori come un balcone...
      Buon fine settimana;-)

      Elimina
  12. Il posto sembra molto bello....

    RispondiElimina
  13. non piacciono nemmeno a me, ricordo una cena aziendale a Ravenna, dove il direttore dello stabilimento me le propose come grande prelibatezza e ne dovetti inghiottire una.
    Lumache ed ostriche, due cibi ai quali proprio non riesco ad avvicinarmi.

    RispondiElimina
  14. Per quanto nel corso dei viaggi abbia assaggiato ben altro... l'idea delle lumache in un piatto mi fa rabbrividire :-D !

    RispondiElimina
  15. Che bei posti e che bella passeggiata in bicicletta!
    Non potrei mai mangiare una lumaca...
    Buona serata da Beatris

    RispondiElimina
  16. Magari sono anche buone, ma a me l'idea di mangiarle fa passare la fame...

    RispondiElimina
  17. da piccola le mangiavo, erano buonissime.

    RispondiElimina
  18. in marocco era un tipico cibo da strada! bleah!

    RispondiElimina
  19. condivido il "Bleah" per le lumache... :-)

    RispondiElimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  21. Dalle mie parti sono una delle specialità più tipiche. Esistono ristoranti che praticamente non cucinano altro. Ma la mia affezione per le creaturine (certe convergenze evolutive che mi accomunano a loro), mi farebbe pensare a gravi atti di cannibalismo se lo rifacessi. :-)

    RispondiElimina
  22. Trovo che questi "casoni" siano un posto affascinante...quanto alle lumache, certo, possono piacere molto o disgustare (pss...a me piacciono! ;-) )

    RispondiElimina
  23. Kylie grazie di cuore per il pensiero l'unica insostituibile GRANDE!
    Maurizio

    RispondiElimina