domenica 23 novembre 2014

Murano... anche no...


C'è un posto dove non penso di tornare a breve o nei prossimi 10 anni: l'isola di Murano.
Se uno a tutti i costi ci vuole fare un giro lo può fare, ma non troverà grandi soddisfazioni. 

La crescita dell'isola si deve alla decisione del Maggior Consiglio dell’8 novembre del 1291 di distruggere le fornaci da vetro in civitate vel episcopatu Rivoalti principalmente a causa degli incendi che causavano. La produzione vetraria continuò quindi nelle isole ed in particolare a Murano.
Era così importante per la Repubblica di Venezia che molte furono le iniziative intraprese a protezione dell'attività economica del vetro, al punto tale che il matrimonio di un uomo nobile con la figlia di un vetraio non ostacolava la trasmissione della nobiltà alla prole. Che qui si producesse e in parte si produca ancora vetro è evidentissimo, le fabbriche si trovano ovunque e sono interessanti le installazioni di vetro sparse qua e là (foto che seguono).
 

Vale inoltre la pena visitare le bellissime chiese ad ingresso libero che ospitano opere d'arte di grande pregio.


Però...
Si mangia male nella maggior parte dei ristoranti (controllate sempre Tripadvisor prima di entrare), sono assenti o quasi bar/caffetterie, la fregatura è sempre dietro l'angolo.

Un discorso a parte lo meritano i negozi di oggettistica.


Se si vuole il classico ricordino dell'isola da portare a casa occhio!
Per 5 euro alcune botteghe con annesso laboratorio consentono di assistere alla realizzazione di un paio di strafanti. Pagato quest'obolo si accede ad uno sconto del 20% sulla merce esposta, allora quanto costa sto vetro?
La maggior parte dei negozi offre merce importata (principalmente dalla Cina) che con il vetro artistico di Murano non c'entra nulla, ed i prezzi bassissimi sono il giusto campanello d'allarme (come per i merletti di Burano).


La cosa che mi indigna di più è che alcuni produttori vendono sia prodotti autentici che prodotti importati senza che questo sia minimamente segnalato.
Devo comunque precisare che i grandi marchi, dedicati ad una clientela particolarmente agiata, producono solo pezzi di grande valore. 


Dice un detto veneziano...
Chi vol vedar Venezia vera de istà a la matina, de inverno a la sera.

25 commenti:

  1. Caratteristica un po' tipica degli italiani, vista anche in altri luoghi. Dove ci sono regolarmente molti turisti, si tende ad abusare della loro presenza, alzando i prezzi, vendendo paccottiglia a prezzi esorbitanti, senza rendersi conto che i turisti non torneranno poi una seconda volta. Ricordo un episodio a Roma, ero entrata in un bar con un amico tedesco che con forte accento straniero chiese due caffè. Alla cassa chiese di pagare e gli dissero "fanno 10.000 (era ancora il tempo della lira). Credetemi, così gli hanno detto. Mi sono rivolta al mio amico prima in tedesco e poi in italiano "non pagare, non muoverti da qui, vado a chiamare i carabinieri". Improvvisamente il prezzo è tornato normale. Bella idea dell'Italia si è fatta il mio amico!

    RispondiElimina
  2. Parecchi anni fa,portavo anch'io i miei gruppi Inglesi, a visitare le isole della Laguna. Era più o meno così
    anche allora come dice Ambra. Il fatto è, che è in tutta Italia. Nel Sud,sentendo il mio accento nordico,
    mi alzavano sempre un pochino il prezzo. Anche i commercianti ,fanno i furbetti, così i Turisti vanno in
    Spagna, Grecia, Portogallo,e ora i Paesi Baltici......E poi si lamentano.....

    RispondiElimina
  3. Che tristezza....questo e' il nostro turismo.....

    RispondiElimina
  4. Così facendo i guadagni, per forza di cose, calano...peggio per loro.

    RispondiElimina
  5. Che brutta pubblicità ci fanno e si fanno i commercianti. Ma, a quanto pare, tutto il mondo è paese!

    RispondiElimina
  6. Io ci sono stata due anni fa ed effettivamente non l'ho trovata così entusiasmante...

    RispondiElimina
  7. Devo dirti da un po fastidio ritrovarsi un oggettino molto particolare fatto in cina..
    Un abbraccio Kylie

    RispondiElimina
  8. Cara Kylie, ho visitato 2 volte l'isola sono rimasto incantato delle fornaci del vetrerie.
    Grazie della storia dell'isola di Murano.
    Ciao e buona settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  9. Personalmente tornerò a Torcello, silenzi e laguna piena...

    RispondiElimina
  10. Scusa Kylie, continuo a perderti e non ricevo più gli avvisi dei tuoi post.
    Ti dispiacerebbe provare a reiscriverti fra i miei followers?
    Grazie.
    Cristiana

    RispondiElimina
  11. beh, in genere a Venezia mangiare bene non è per niente facile...si mangia meglio a Mestre. e ho detto tutto !

    RispondiElimina
  12. a Murano ci sono stato una ventina di anni fa e per ricordo ho ancora due cavalli di vetro fatti in loco da un maestro vetraio...

    RispondiElimina
  13. Similitudine con altri luoghi turistici in Italia.
    Saluti a presto

    RispondiElimina
  14. grazie Kylie dei tuoi post sempre interessanti

    RispondiElimina
  15. Sempre interessante il tuo scrivere!
    Buona giornata e un abbraccio da Beatris

    RispondiElimina
  16. Ci sono stata moltissimi anni fa ma a giudicare dalla tua recensione ha perso davvero molte delle sue caratteristiche e questo è un vero peccato!!!
    Un bacione Kylie :-)

    The Princess Vanilla

    RispondiElimina
  17. ci son stata alle medie in gita e me lo ricordo proprio bello il momento in cui abbiamo visto "fare" il vetro.
    Poi a casa ho due conigli orribili che avevo comprato in quell'occasione. Avevo dei gusti tremendi e la mia mamma mi vuole tanto bene perché li tiene esposti ancora oggi in sala come ricordo

    RispondiElimina
  18. Sempre gradevolissimi i tuoi post, oltre che interessanti, e adoro la tua schiettezza :)

    Bacioni

    Paolo

    RispondiElimina
  19. passo per un saluto e un abbraccio
    forte

    RispondiElimina
  20. Io ci sono stata l'anno scorso a Murano, ed ho avuto la fortuna di entrare un un negozio (carissimo) che ci ha detto esattamente le stesse cose che hai scritto!
    Però le istallazioni in giro per l'isola sono carine ed originali, vale la pena vederle! :)
    Baci!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
  21. Allora ho fatto bene a non andarci mai!C'è tanto da vedere a Venezia che mi è sempre mancato il tempo di andare a Murano.E' risaputo che Venezia sia carissima sia per il cibo che per i souvenirs,che tra l'altro si trovano anche in altre località del Veneto,a minor prezzo.

    RispondiElimina
  22. Prima o poi mi deciderò a visitare Murano, ma chissà se comprerò qualcosa

    RispondiElimina
  23. Sì, a me Venezia piace d'inverno, in un giorno feriale e possibilmente con la nebbia. Peccato che ai negozi di paccottiglia non si può sfuggire in nessuna stagione.

    RispondiElimina
  24. un osservazione molto corretta che condivido, comune anche ad altri posti in Italia in cui interpretano il turismo come se si spremesse un limone, hai fatto bene a mettere in guardia

    RispondiElimina