sabato 27 giugno 2015

Quando cedo alla lentezza...


Ascoltare qualcuno che legge ad alta voce è molto diverso che leggere in silenzio. Quando leggi, puoi fermarti o sorvolare sulle frasi: il tempo sei tu che lo decidi. Quando è un altro che legge è difficile far coincidere la tua attenzione col tempo della sua lettura: la voce va o troppo svelta o troppo piano.

Così scriveva Calvino. 
Io leggo molto ma molto velocemente. Secondo qualcuno decisamente troppo.

Mi concedo molto più tempo solo quando visito qualcosa di nuovo.

Oggi vi consiglio l'antichissimo orto botanico di Padova, a cui si è aggiunta in tempi più recenti una sezione molto moderna. Una bella e lunga passeggiata nel verde ad un passo dal Santo.






La nuova sezione: il giardino della biodiversità.




Il giardino è stato inserito dall'Unesco nella Lista del Patrimonio Mondiale come bene culturale.

17 commenti:

  1. Cara Kylie, veramente belle le foto di questo giardino, chissà quante variazioni di piante ci sono in quella grande serra, per niente è inserito all'unesco dei patrimoni mondiali, grazie di averlo cndiviso.
    Buona domenica cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. io amo le ninfee... mi sembrano i fiori delle favole!

    RispondiElimina
  3. Bellissimi scatti ben descritti, adoro le ninfee da sempre, sono incantevoli!
    Un abbraccio e buona domenica da Beatris

    RispondiElimina
  4. Foto stupende . Che solo tu puoi postare .
    Buona domenica Lina

    RispondiElimina
  5. Molto bello il parco , da tenere in considerazione per una prossima visita in futuro, grazie di questa chicca, ciao e buona settimana, Angelo.

    RispondiElimina
  6. Passo per la buona notte. Bacio
    Maurizio

    RispondiElimina
  7. Sicuramente merita una visita.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  8. Adoro la connessione ardita tra la prima e la seconda parte del tuo post! Da molto tempo non vado a Padova. Per anni è stata la meta di Giugno del pellegrinaggio di famiglia..Che bei ricordi: la lingua del Santo, il chiostro e i piccioni che volevano le briciole dei nostri panini. Poi sono cresciuta, e sono tornata solo in occasione di viaggi alla vicina Abano Terme. E ora? Devo portarci la mia famiglia! Grazie dei suggerimenti!

    RispondiElimina
  9. Come si fa a non ceere alla lentezza in quel giardino... accelerare dovrebbe essere proibito per legge! Ci vorrebbe, all'ingresso, un cartello con la scritta "è proibito l'ingresso a tutti coloro, anche se accompagnati, che intendono visitare rapidamente e distrattamente l'orto botanico"

    RispondiElimina
  10. un parco stupendo.... io preferisco leggere in silenzo....e spesso rileggo

    RispondiElimina
  11. sono stata a padova con Brivido a dicembre, bella bella come città

    RispondiElimina
  12. Anche io sono una che legge molto ma molto velocemente ( anche per problemi di tempo), però in certe occasioni perendersela con la dovuta calma è necessario!
    Quell'orto botanico deve esser un gioiellino, merita il suo tempo per esser ammirato!
    Baci!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
  13. Non seguo sempre la stessa linea e modus operandi quando leggo. Mi concedo più tempo quando ritengo che sia importante la riflessione. Alcuni romanzi invece li sbrano. Altri ancora li abbandono se mi annoiano. E' tantissimo tempo che non vado a Padova. L'orto botanico sarebbe l'occasione giusta per tornarci.

    RispondiElimina
  14. Ho sentito parlare tanto dell'orto botanico di Padova. Mi piacerebbe organizzare una gita!

    RispondiElimina
  15. Bien que merece una visita pausada, este lindo jardín botánico.
    Muy bonito tu reportaje.
    Saludos.

    RispondiElimina