domenica 10 gennaio 2016

Se non visito periodicamente un castello non son contenta

La prima scalinata e cortile esterno
Nella mia cosiddetta mini-famiglia ogni nuovo anno deve iniziare con qualcosa di assolutamente piacevole e per me piacevoli possono essere considerate le visite a luoghi, castelli, ville, parchi, borghi, ecc.

Portico affrescato esterno
Non poteva mancare, quindi, un 1° gennaio fuori casa in un posto incantevole: il Castello del Catajo a Battaglia Terme (PD).

Cortile dedicato sia all'addestramento militare che alle taumachie

Sono necessarie scarpe adeguate perché la scalinata che porta alla terrazza è progettata più per i mussi e i cavalli che per le donne con i tacchi ed è preferibile indossare un abbigliamento che tenga caldo, visto che è assente ogni forma di riscaldamento e le soste nei vari locali sono piuttosto lunghe.

La mia ombra sul terrazzo dove si organizzano ottimi aperitivi al tramonto

Le visite guidate delle sale di rappresentanza interamente affrescate durano più di un'ora. 
Attenzione, non è permesso fotografare gli interni!




I proprietari e costruttori del castello furono gli Obizzi, mercenari e combattenti senza nobili natali e al soldo di chi ne avesse bisogno. Divennero ricchissimi e potenti e, come spesso capita, si estinsero. La proprietà passò quindi alla casata Asburgo - Este e alla sua estinzione (anca questi!) agli imperatori di Austria - Ungheria.

Gli Asburgo "depredarono" il castello di tutto il suo contenuto, comprese le statue del giardino e dei cortili. Una mole immensa di mobili, collezioni varie, quadri, strumenti musicali, ecc. fu portata in Austria e in Ungheria, dove tuttora è conservata in musei.

Quel poco che non potè essere staccato e trasportato è rimasto in loco. Davvero poca cosa però... quasi tutta nelle foto che seguono.



Il nome del castello deriva dal particolare luogo in cui fu costruito: ca=casa e tajo (tuttora termine usato in dialetto veneto)=taglio, cioè nel punto in cui la confluenza di due vie d'acqua tagliano la zona.

Da qualche anno gli attuali proprietari hanno posto in vendita il castello che è a tutt'oggi all'asta, non avendo ricevuto offerte nonostante il progressivo deprezzamento. Che peccato. 

18 commenti:

  1. Il castello è davvero meraviglioso. Mi dispiace che è in vendita. Dolce sera Kylie
    Maurizio

    RispondiElimina
  2. Bellissimo! Ma... in che senso non è permesso fotografare gli interni? :-D

    RispondiElimina
  3. Favoloso e interessante.
    Buon inizio di settimana.

    RispondiElimina
  4. Come vorrei poterla fare io quell'offerta, poter comprare un castello e viverci... Chissà, forse in un'altra vita, o su un altro pianeta, dove ad arricchirsi sono gli artisti e non gli intrallazzatori e i furbi... :-)
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono partiti da circa 12 milioni di euro e sono arrivati a solo 3. Qualche imprenditore illuminato (vedi Castelbrando) potrebbe tentare. La posizione del castello è ottima.

      Elimina
  5. Anche a me piace visitare ville, castelli, ecc.. Questo, del quale parli, non l'ho mai visto. Sembra molto belle ma non sono mai stata in quella zona. Un saluto.

    RispondiElimina
  6. Che bello passare da te e vedere quanto è meravigliosa la nostra Italia, lasciando perdere il discorso di chi NON riesce a ben governarla!!!!!
    Vista la tua passione per castelli e quant'altro ti invito a fare un giretto nelle marche, dove abito, che ce ne sono davvero tanti!!!!!
    Magari riusciamo anche ad incontrarci............... ;-)))
    Buon anno!!!
    Kisssssssssssssssssssssssssssss

    RispondiElimina
  7. Scopri sempre posti nuovi ed interessanti!
    Questo catello sembra bellissimo, soprattutto all'interno, sai che bello poterci vivere? :)
    Baci!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci hanno vissuto i proprietari fino agli anni 80. Molto fiabesco...

      Elimina
  8. Passione per i castelli dunque? :-))

    RispondiElimina
  9. Passione per i castelli dunque? :-))

    RispondiElimina
  10. ho convinto mio marito a portarmi sono troppo felice pensa che ci passo sempre e non sapevo che c'era grazie per la dritta!!!!

    RispondiElimina
  11. E' ora di pranzo. Il castellano e la castellana sono riuniti a tavola però manca il figlio minore, quello con la testa tra le nuvole. Come diavolo avranno fatto a trovarlo in quegli spazi immensi? Forse è per questo motivo che si sono estinti.

    RispondiElimina
  12. Il problema non è tanto l'acquisto ma poi mantenerlo. Magari una fondazione che lo ristrutturi e poi lo apra al pubblico pagante. Oppure lo trasformi in un fiabesco chateau - resort .
    Ciao Kylie!

    RispondiElimina
  13. Ciao Kylie! Grazie per le tue parole e per essere passata dal mio blog! Ricambio volentierissimo la visita, davvero bellissimo questo castello!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  14. Cara Kylie, quando manchi si sente. Tutto bene?
    il mio abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina
  15. grazie a te per renderci partecipi di queste belle visite

    RispondiElimina